A Ca­ta­nia a ca­sa del­la su­per fa­mi­glia: dopo quat­tro ge­mel­li ar­ri­va Diletta

«LA BIM­BA DORME TUT­TO IL GIOR­NO». E AL­LA MAM­MA, ABITUATA A TE­NE­RE A BA­DA GLI SCATENATI FRATELLINI, NA­TI VEN­TI ME­SI FA, PA­RE IN­CRE­DI­BI­LE. «ORA DEVONO ACCETTARE LA SORELLINA»

GENTE - - Sommario - DI ROSSANA LINGUINI

«LA PRI­MA CE­NA DA SO­LI CON AN­DREA DA DUE ANNI? IN CLINICA»

Di quan­to sia tran­quil­la e se­ra­fi­ca quel­la paf­fu­ta ba­tuf­fo­li­na ro­sa che dorme a qual­sia­si ora del gior­no e del­la not­te, mam­ma Ma­ria An­to­niet­ta con­ti­nua a me­ra­vi­gliar­si. «For­se Diletta sta re­cu­pe­ran­do tut­to il son­no a cui ha do­vu­to ri­nun­cia­re quan­do era nel­la mia pan­cia, per via de­gli schia­maz­zi dei suoi fra­tel­li e del­le mie cor­se di qui e di là fi­no all’ul­ti­mo gior­no di gra­vi­dan­za. Non si spie­ga al­tri­men­ti tan­ta pa­cio­si­tà!».

Di cer­to c’è che all’ul­ti­ma ar­ri­va­ta di ca­sa Ca­po­bian­co con­ver­reb­be ap­pro­fit­ta­re del­la quie­te di questa stan­za al pri­mo pia­no dell’Isti­tu­to cli­ni­co Vi­di­mu­ra, ex Gret­ter Lu­ci­na, e so­prat­tut­to go­der­si la pre­sen­za del­la sua mam­ma, an­co­ra per po­che ore tut­ta per lei, vi­sto che nel­la lo­ro ca­sa di Sant’Aga­ta Li Bat­tia­ti, al­le por­te di Ca­ta­nia, le aspet­ta il re­sto del­la fa­mi­glia: Co­stan­za, Vit­to­ria, Ge­re­mia e Mar­can­to­nio, i ge­mel­li­ni di un an­no e ot­to me­si che ades­so so­no con pa­pà An­drea, il qua­le per la ve­ri­tà fa avan­ti e in­die­tro dal­la clinica come una trot­to­la, e uno stuo­lo di pa­ren­ti e ami­ci che con gioia si so­no la­scia­ti coop­ta­re per da­re una ma­no in questa oc­ca­sio­ne. «Per coor- di­na­re tut­ti ho fat­to pu­re un grup­po su Wha­tsApp: “Aspet­tan­do Diletta”», rac­con­ta Ma­ria An­to­niet­ta. «Per­ché sem­bra una scioc­chez­za, ma pre­pa­ra­re le pap­pe per quat­tro bam­bi­ni, far­li man­gia­re e met­ter­li a let­to, e poi la­var­li e ve­stir­li, non è un’impresa da po­co».

De­ve es­se­re per que­sto che la se­ra pri­ma del par­to, quan­do An­drea ha ac­com­pa­gna­to Ma­ria An­to­niet­ta in clinica per il ri­co­ve­ro, han­no ce­na­to as­sie­me da so­li per la pri­ma vol­ta da due anni a questa par­te. «Era­no due vas­soi con ri­so in bian­co e pol­lo bol­li­to pog­gia­ti sul ta­vo­li­no del­la ca­me­ret­ta, ma per noi è sta­to come es­se­re in un ri­sto­ran­te stel­la­to», scher­za lei. Non si la­men­ta na­tu­ral­men­te la si­gno­ra Ca­po­bian­co, che assicura di aver avu­to una gra­vi­dan­za fan­ta­sti­ca. «Lo era sta­ta an­che la pri­ma per la ve­ri­tà, sep­pur de­ci­sa­men­te più com­ples­sa: la dif­fe­ren­za è che al­lo­ra tut­ti mi rac­co­man­da­va­no di ri­po­sa­re mal­gra­do io stes­si be­ne, ma questa vol­ta la pos­si­bi­li­tà di ri­po­sa­re non c’era pro­prio, con quat­tro bam­bi­ni pic­co­li e scatenati ai qua­li ba­da­re». E che la gra­vi­dan­za sia an­da­ta a gon­fie ve­le lo con­fer­ma an­che il me­di­co di Ma­ria An­to­niet­ta, Ali Mou­sa­vi, gi­ne­co­lo­go che si oc­cu­pa di fer­ti­li­tà e me­di­ci­na del­la ri­pro­du­zio­ne, ira­nia­no di Te­he­ran e, dal­la ri­vo­lu­zio­ne isla­mi­ca del 1979, si­ci­lia­no d’ado­zio­ne.

« Sì, lei è una for­za del­la na­tu­ra e fa be­ne: le don­ne in gra­vi­dan­za al mio Pae­se van­no a zap­pa­re la ter­ra fi­no al no­no me­se. Non è una ma­lat­tia». È al dot­tor Mou­sa­vi che i Ca­po­bian­co si so­no ri­vol­ti quan­do non riu­sci­va­no ad ave­re un bam­bi­no. «E quan­do fa­cen­do la pri­ma eco­gra­fia ho vi­sto che ne era­no ar­ri­va­ti quat­tro, par­la­vo pia­no, pren­de­vo tem­po, cer­ca­vo le pa­ro­le per pre­pa­rar­li: ma Ma­ria An­to­niet­ta, per quan­to sor­pre­sa, era già pron­ta. Le don­ne lo so­no sem­pre», ricorda il me­di­co. Come gi­ne­co­lo­go di Ma­ria An­to­niet­ta, avreb­be do­vu­to av­vi­sar­la che re­sta­re in­cin­ta dopo un par­to è co­sa pro­ba­bi­le an­che in cop­pie che han­no avu­to pro­ble­mi di fer­ti­li­tà. « Cer­to, l’avrei fat­to: ma non me ne han­no da­to il tem­po!», scher­za lui, strin­gen­do tra le brac­cia Diletta. «Pro­ba­bil­men­te la dif­fi­col­tà a re­sta­re in­cin­ta era le­ga­ta a pro­ble­mi tu­ba­ri­ci, che con l’as­sen­za di ci­clo do­vu­ta al­la gra­vi­dan­za si so­no ri­sol­ti», spie­ga il me­di­co. « Ora pe­rò non può più suc­ce­de­re, per­ché con un in­ter­ven­ti­no ho “chiu­so tut­to”, an­che se con lo­ro due non si sa mai: han­no sem­pre un em­brio­ne con­ge­la­to...», ri­de.

Pri­ma che i ge­mel­li­ni ar­ri­vi­no qui in clinica a sa­lu­ta­re la nuo­va sorellina c’è il tem­po per guar­da­re in­die­tro, a quan­to questa vol­ta sia sta­ta di­ver­sa dal­la pri­ma. «Al­lo­ra, per la de­li­ca­tez­za del­la gra­vi­dan­za, c’era­va­mo tra­sfe­ri­ti a Genova dal ter­zo me­se fi­no al par­to, av­ve­nu­to al Ga­sli­ni», ricorda An­drea. «Sta­va­mo lon­ta­no da ca­sa no­stra, senza ami­ci e pa­ren­ti». Non ave­va­no pre­pa­ra­to la stan­zet­ta per i pic­co­li, né com­pra­to un abi­ti­no o il fioc­co da ap­pen­de­re fuo­ri dal­la por­ta. «Nep­pu­re un ciuc­cio», di­ce Ma­ria An­to­niet­ta, «per­ché non fa­ce­va­no che ri­pe­ter­mi: “Si­gno­ra, non si il­lu­da, po­treb­be­ro na­sce­re ma­la­ti o non ar­ri­va­re al­la fi­ne...”». Per for­tu­na è an­da­ta in un al­tro mo­do, ma il ri­cor­do di quel­le set­tan­ta­due ore dopo il par­to, du­ran­te le qua­li Ma­ria An­to­niet­ta e An­drea non po­te­va­no ve­de­re i lo­ro fi­gli né sa­pe­re come sta­va­no rea­gen­do al­la vi­ta, non sbia­di­rà mai.

Questa vol­ta la mam­ma ha po­tu­to strin­ge­re Diletta tra le brac­cia su­bi­to e il pa­pà go­der­si ogni at­ti­mo del suo ar­ri­vo in que­sto mon­do in sa­la par­to. «An­che se un pa­io di gior­ni pri­ma mi è ve­nu­ta l’an­sia», rac­con­ta An­drea. «Sa­pe­vo che era una gra­vi­dan­za tran­quil­la, ma mi è ve­nu­ta la pau­ra che po­tes­se suc­ce­de­re qual­co­sa a mia mo­glie: non sa­prei dav­ve­ro che co­sa fa­re se do­ves­si re­sta­re da so­lo con cin­que bim­bi pic­co­li. È lei che man­da avan­ti la fa­mi­glia Ca­po­bian­co».

Ora, pe­rò, la fa­mi­glia Ca­po­bian­co, al com­ple­to, sta ar­ri­van­do qui: i ge­mel­li­ni, ac­com­pa­gna­ti dai non­ni e da­gli zii, en­tra­no nel­la stan­za e fan­no a ga­ra per con­ten­der­si quel­la mam­ma che da qual­che gior­no non è al suo po­sto. La ba­cia­no, la ac­ca­rez­za­no, la stra­paz­za­no. De­ve in­ter­ve­ni­re suo ma­ri­to per far sì che lei - a po­che ore dal par­to - non li pren­da in brac­cio uno a uno. A Diletta, in­ve­ce, ri­ser­va­no qual­che sor­ri­si­no e tan­te ca­rez­zi­ne non pro­prio de­li­ca­tis­si­me. «Lo so be­ne che non ho an­co­ra co­min­cia­to: l’ini­zio ve­ro sa­rà quan­do tor­ne­rò a ca­sa e do­vran­no im­pa­ra­re a sta­re tut­ti in­sie­me», di­ce Ma­ria An­to­niet­ta, che per evi­ta­re ge­lo­sie sup­ple­men­ta­ri a Co­stan­za, Vit­to­ria, Ge­re­mia e Mar­can­to­nio ha de­ci­so di non al­lat­ta­re Diletta. «So che è una scel­ta opi­na­bi­le», pre­ci­sa. «Ma in que­sto mo­do evi­te­rò che mi ve­da­no con lei sem­pre in brac­cio e at­tac­ca­ta al se­no e che que­sto li fac­cia sen­ti­re ab­ban­do­na­ti da me. E co­mun­que pen­so che la bambina, che è na­ta di tre chi­li, cre­sce­rà be­ne an­che con il lat­te ar­ti­fi­cia­le, per­ché è in salute e in pe­so».

In­tan­to ad aspet­ta­re Diletta a ca­sa c’è una cul­la nuo­va fiam­man­te, che i ge­ni­to­ri han­no già si­ste­ma­to nel­la ca­me­ret­ta dei quat­tro fratellini. « Già li im­ma­gi­no di not­te: se lei pian­ge lo­ro si sve­glie­ran­no e vi­ce­ver­sa, non sa­rà fa­ci­le», di­ce An­drea. Ma ne­ces­sa­rio, ag­giun­ge Ma­ria An­to­niet­ta. «Diletta», spie­ga la mam­ma, «de­ve di- ven­ta­re par­te di un grup­po co­sti­tui­to che non ha nes­su­na in­ten­zio­ne di am­met­te­re al­tri mem­bri, per ades­so. Se io non for­zo que­sto in­gres­so, i ge­mel­li­ni non la fa­ran­no en­tra­re, per­ché lo­ro si per­ce­pi­sco­no come un’uni­ca co­sa». Se sen­to­no che uno di lo­ro pian­ge chia­ma­no la mam­ma fin­ché non se ne oc­cu­pa, se esco­no e man­ca uno di lo­ro all’ap­pel­lo re­sta­no tri­sti fi­no a quan­do non so­no di nuo­vo tut­ti in­sie­me. «Devono sta­re in­sie­me per in­te­grar­si. Per ca­pi­re che da ades­so in poi c’è an­che Diletta. E che è una di lo­ro».

«IL PRI­MO PAR­TO, MOL­TO DELICATO, ERA STA­TO A GENOVA»

UN LET­TO PER SET­TE Ca­ta­nia. Nel­la stan­za del­la clinica Vi­di­mu­ra, Ma­ria An­to­niet­ta, 35 anni, e An­drea, 36, po­sa­no per la pri­ma vol­ta con la lo­ro ul­ti­mo­ge­ni­ta Diletta, ap­pe­na na­ta, e i quat­tro ge­mel­li­ni di 20 me­si: da si­ni­stra, Mar­can­to­nio, Vit­to­ria, Co­stan­za (in pie­di) e Ge­re­mia. (Fo­to Me­la­nia Mes­si­na). LA ALLATTA CON IL BI­BE­RON Un al­tro te­ne­ro ri­trat­to di Ma­ria An­to­niet­ta che allatta Diletta: ha de­ci­so per il lat­te ar­ti­fi­cia­le, per evi­ta­re che i fratellini, ve­den­do l’ul­ti­ma ar­ri­va­ta at­tac­ca­ta al se­no, si in­ge­lo­si­sca­no. da Ca­ta­nia Rossana Linguini

GRA­ZIE, DOTTORE Ca­ta­nia. I co­niu­gi Ca­po­bian­co po­sa­no con il dot­tor Ali Mou­sa­vi, gi­ne­co­lo­go, che li ha aiu­ta­ti ad ave­re i quat­tro ge­mel­li, e Diletta. «Av­vi­sar­li che è fa­ci­le re­sta­re in­cin­ta dopo un par­to? Non me ne han­no da­to il tem­po!», scher­za. A si­ni­stra, il dol­ce son­no di Diletta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.