LA PRE­DI­CA DEL­LA FERTILITÀ HA DA­TO TAN­TI FRUT­TI

GENTE - - ESCLUSIVO -

In ef­fet­ti, da gen­na­io a set­tem­bre ci so­no sta­ti 51 bat­te­si­mi con­tro i 46 del 2016 e i 45 del 2015, con quat­tro bim­bi in li­sta per i bat­te­si­mi di no­vem­bre. Un “mi­ra­co­lo” che don Ge­rar­do, al di là del­la bou­ta­de dall’al­ta­re, spie­ga con un con­te­sto fa­vo­re­vo­le. «Cre­do che ci sia­no pro­ble­mi che so­no ugua­li ovun­que: il pro­cra­sti­na­re una scel­ta sen­za te­ne­re con­to del­la fertilità fem­mi­ni­le che con l’età ca­la, le dif­fi­col­tà le­ga­te a si­ste­ma­re i fi­gli se en­tram­bi i ge­ni­to­ri la­vo­ra­no, la fa­ti­ca di crea­re una vi­ta sta­bi­le, di ave­re una ca­sa. Que­stio­ni sul­le qua­li qui esi­sto­no buo­ne pra­ti­che». Per esem­pio, ci si spo­sa pre­sto: an­che a 20 an­ni. «Per­ché c’è vo­glia di met­te­re su fa­mi­glia, ca­sa: ci si iden­ti­fi­ca an­co­ra con que­sto», di­ce il sa­cer­do­te. E non per ca­so. «È an­che il frut­to di un’azio­ne for­ma­ti­va che ne­gli ul­ti­mi trent’an­ni ha mol­to in­si­sti­to su que­sto aspet­to. Per esem­pio, i cor­si pre­ma­tri­mo­nia­li qui non so­no mor­di e fug­gi, ma du­ra­no quin­di­ci in­con­tri: all’inizio i fu­tu­ri spo­si so­no un po’ in­sof­fe­ren­ti, poi tor­na­no an­che l’an­no do­po, al cor­so di av­vio al­la pri­ma espe­rien­za fa­mi­lia­re. Tro­vo mol­to fe­con­do che le fa­mi­glie pos­sa­no in­con­trar­si e fa­re re­te». Nel­la re­te sta il “mi­ra­co­lo” an­che se­con­do Bar­ba­ra Gar­di­man, vi­ce­sin­da­co e as­ses­so­re ai Ser­vi­zi so­cia­li di que­sto ric­co co­mu­ne ve­ne­to, do­ve vi­ve un 10 per cen­to di po­po­la­zio­ne stra­nie­ra. «Ben in­te­gra­ta», pre­ci­sa l’as­ses­so­re, che ha in ma­no da­ti più com­ple­ti. «I da­ti de­mo­gra­fi­ci so­no un po’ di­ver­si e in­di­ca­no un trend del­le na­sci­te che dal 2011 non ha mai su­bi­to una fles­sio­ne, in con­tro­ten­den­za con il da­to na­zio­na­le che è in ca­lo. Qui ab­bia­mo fa­mi­glie che han­no an­che tre o quat­tro fi­gli, per­ché la re­te so­cia­le fun­zio­na». Ci so­no gli aiu­ti re­gio­na­li per le fa­mi­glie di di­vor­zia­ti o con fi­gli or­fa­ni di un ge­ni­to­re in età sco­la­re, ma so­prat­tut­to re­ti di so­li­da­rie­tà spon­ta­nee o co­mu­na­li che fun­zio­na­no me­glio che al­tro­ve. «Fa­mi­glie che ap­pe­na i fi­gli crescono pas­sa­no bi­ci­clet­te e pas­seg­gi­ni a chi ne ha bi­so­gno, mam­me che a tur­no ac­com­pa­gna­no a scuo­la in bi­ci tut­ti i bam­bi­ni del pro­prio rio­ne: sen­za sta­re lì a pen­sa­re che re­spon­sa­bi­li­tà se poi uno ca­de e si sbuc­cia un gi­noc­chio! An­che un asi­lo par­roc­chia­le, so­ste­nu­to dal Co­mu­ne, che fun­zio­na a me­ra­vi­glia».

So­prat­tut­to, ci so­no i non­ni. «So­no lo­ro il per­no su cui si reg­ge tut­to», pre­ci­sa don Ge­rar­do. «For­se qui, do­ve di­stan­ze e rit­mi so­no più uma­ni che nel­le gran­di cit­tà, il lo­ro ap­por­to è an­co­ra più de­ter­mi­nan­te». E poi c’è quell’ome­lia di due an­ni fa. «Sì, qual­cu­no che ci ha ra­gio­na­to su c’è sta­to», sor­ri­de il “don”, che du­ran­te le pre­di­che pro­iet­ta im­ma­gi­ni e usa ag­gan­ci all’at­tua­li­tà. «An­che il di­pin­to di un’ab­ba­zia di Van Go­gh può es­se­re una bel­la im­ma­gi­ne da cui par­ti­re per chie­der­si che co­sa è la Chie­sa», spie­ga il sa­cer­do­te. Che, par­ro­co da tre an­ni, dal­la sua vi­ta pre­ce­den­te di di­ret­to­re dell’uf­fi­cio ca­te­chi­sti­co di Tre­vi­so e poi fon­da­to­re e pre­si­de dell’Isti­tu­to su­pe­rio­re del­le scien­ze re­li­gio­se del­la stes­sa cit­tà, ha im­pa­ra­to una co­sa. «Mi so­no fat­to l’idea che quel che è im­por­tan­te è met­te­re in cor­ri­spon­de­za i di­scor­si che han­no a che fa­re con la Chie­sa e Dio con la vi­ta rea­le del­le per­so­ne. An­che con le bat­tu­te, che ap­pa­ren­te­men­te pos­so­no far pen­sa­re a un ri­schio di ba­na­liz­za­zio­ne, ma in fon­do non so­no mai ba­na­li».

FIE­RO DEL­LE PROLIFICHE MAM­ME DEL­LA SUA PAR­ROC­CHIA Don Ge­rar­do po­sa con due mam­me e i lo­ro bim­bi: da sinistra, Ol­ga, 38, che co­me i suoi fi­gli ha la dop­pia cit­ta­di­nan­za rus­sa e ita­lia­na, con Elena Yar, 11 me­si, e Lu­zan (in brac­cio al “don”), 5; Va­le­ria, 33, con Die­go, na­to un me­se fa, e Am­bra, 3. MA QUAN­TI BAT­TEZ­ZA­TI! Il sa­cer­do­te mo­stra il car­tel­lo­ne af­fis­so in chie­sa do­ve ven­go­no re­gi­stra­ti i nuo­vi bat­tez­za­ti. Ma con il re­cord di 51 bim­bi en­tra­ti nel­la co­mu­ni­tà cri­stia­na da gen­na­io a og­gi non c’è più spa­zio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.