PER­LO­ME­NO IO LA PEN­SO CO­SÌ

Che gran­de tri­stez­za se a 13 an­ni si smet­te già di es­se­re bam­bi­ni

GENTE - - LA POSTA DEI LETTORI - MO­NI­CA MO­SCA

Quan­do mio fi­glio ave­va 13 an­ni pre­pa­ra­va la te­si­na di ter­za me­dia e io lo guar­da­vo e mi com­muo­ve­vo: si in­ti­to­la­va Da Lin­coln a Oba­ma, 150 an­ni ver­so l’ugua

glian­za e io non po­te­vo cre­de­re che co­sì pic­co­lo riu­scis­se a met­te­re in­sie­me tan­te co­se e so­prat­tut­to a mol­te di più se ne in­te­res­sas­se. L’esa­me non so­no an­da­ta a ve­der­lo, l’ho aspet­ta­to al bar di sot­to: e lo con­fes­so sen­za ver­go­gna, ho det­to un sac­co di Ave Ma­ria e Pa­dre No­stro, per­ché co­sì mi sem­bra­va di pro­teg­ger­lo an­che a di­stan­za, e lo so che non si fa e che non fun­zio­na. Se so­lo fos­si sta­ta lu­ci­da e non con il cuo­re in go­la. Per di­re che mio fi­glio l’ho se­gui­to con pas­sio­ne fin­ché si è la­scia­to se­gui­re, e ho tre­pi­da­to per ogni sua ami­ca co­sì co­me per ogni in­ter­ro­ga­zio­ne, per cia­scun li­ti­gio e cia­scu­na gio­ia. Ho re­spi­ra­to con lui per an­ni, con il fia­to trat­te­nu­to af­fin­ché non se ne ac­cor­ges­se, at­ten­ta a la­sciar­gli os­si­ge­no per­ché di­ven­tas­se adul­to sen­za di me. So­no un re­ga­lo, i ra­gaz­zi, l’uni­co re­ga­lo che val­ga la pe­na e che non ha prez­zo: da lo­ro suc­chi la vi­ta, so­prat­tut­to in lo­ro c’è la ra­gio­ne per cui tu stai al mon­do. I ra­gaz­zi so­no il fu­tu­ro, per que­sto as­so­lu­ta­men­te giu­sti­fi­ca­no ogni sfor­zo e sa­cri­fi­cio di noi adul­ti, per­ché se sia­mo in gra­do, se sia­mo one­sti, se sap­pia­mo par­la­re con lo­ro, al­me­no ogni tan­to, al­me­no in que­gli at­ti­mi di spi­ra­gli che ti la­scia­no aper­ti e tu de­vi tuf­far­ti sen­za per­de­re l’istan­te, ab­bia­mo l’im­men­sa for­tu­na di po­ter par­te­ci­pa­re al­la co­stru­zio­ne di quel mon­do che sa­rà lo­ro. Chi mi co­no­sce lo sa: io per i bam­bi­ni, e poi per i ra­gaz­zi­ni ho un de­bo­le as­so­lu­to. Li giu­sti­fi­co, li per­do­no, cer­co di ca­pir­li, li sen­to tut­ti un po’ miei, mi iden­ti­fi­co in ogni ma­dre. Per que­sto i fat­ti de­gli ul­ti­mi gior­ni che han­no vi­sto ra­gaz­zi an­co­ra bam­bi­ni al­la ri­bal­ta spor­ca del­le cro­na­che mi in­tri­sti­sco­no e mi co­strin­go­no a di­re brut­te co­se. Due so­no gli ul­ti­mi, fi­no al pros­si­mo che ac­ca­drà. Al Mon­te Stel­la di Mi­la­no, un par­co in mez­zo al­le ca­se, con tan­ta gen­te e le au­to che pas­sa­no di fian­co, una ba­by gang di quat­tro ado­le­scen­ti, 13 e 15 an­ni, han­no ac­cer­chia­to e poi as­sa­li­to due ra­gaz­ze di 20. Le han­no po­ten­te­men­te mo­le­sta­te, toc­can­do­le nel­le par­ti più in­ti­me, fin­ché una è riu­sci­ta a chia­ma­re i ca­ra­bi­nie­ri. So­no sta­ti pre­si su­bi­to, in una piaz­za po­co più in là: non han­no nem­me­no pro­va­to a ne­ga­re, li han­no iden­ti­fi­ca­ti e por­ta­ti in ca­ser­ma. So­lo quel­lo di 15 an­ni è sta­to con­dot­to nel car­ce­re mi­no­ri­le Bec­ca­ria, gli al­tri tre so­no trop­po giovani per la leg­ge e co­sì so­no sta­ti ri­con­se­gna­ti al­le fa­mi­glie. So­no stra­nie­ri, ve­ro?, pen­se­ran­no al­cu­ni di voi. Sì, so­no di ori­gi­ne egi­zia­na, ma an­che le ra­gaz­ze non so­no ita­lia­ne, so­no ucrai­ne. Que­sto pe­rò non è il ve­ro pun­to del­la que­stio­ne, leg­ge­te an­co­ra. Il se­con­do scon­cer­tan­te epi­so­dio è ac­ca­du­to su un tre­no del Ve­ne­to, trat­ta Venezia-Bas­sa­no del Grap­pa: un grup­po di ra­gaz­zi­ni pro­ba­bil­men­te ubria­chi è sa­li­to su un va­go­ne e ha por­ta­to lo scon­quas­so. In­sul­ti agli al­tri pas­seg­ge­ri, spu­ti in fac­cia, spin­to­na­te, mi­nac­ce: so­no sta­ti 40 mi­nu­ti di ter­ro­re, ha rac­con­ta­to chi era a bor­do. Nem­me­no il ca­po­tre­no, in­ter­ve­nu­to, ha po­tu­to qual­co­sa con que­gli ado­le­scen­ti fuo­ri di te­sta, che pri­ma di scap­pa­re han­no svuo­ta­to un estin­to­re nel cor­ri­do­io. Tre­ni­ta­lia ha pre­sen­ta­to de­nun­cia per dan­ni e per ostru­zio­ne di pub­bli­co ser­vi­zio, fi­ni­rà in nien­te per­ché i de­lin­quen­ti so­no gio­va­nis­si­mi, e per la no­stra leg­ge fi­no ai 15 an­ni sei un bam­bi­no quin­di non pas­si­bi­le di pu­ni­zio­ni e non im­pu­ta­bi­le di rea­to al­cu­no. Era­no stra­nie­ri, ve­ro? Sì, ma par­la­va­no in dia­let­to ve­ne­to, quin­di era­no an­che fi­gli del­la no­stra Ita­lia. Io di­co at­ten­zio­ne a non fa­re dei ra­gaz­zi­ni iper vio­len­ti, e sen­za te­sta, e sen­za idea­li né so­gni, il cui nu­me­ro cre­sce a di­smi­su­ra, una que­stio­ne raz­zia­le. In que­sto ca­so spe­ci­fi­co il pro­ble­ma non sta so­lo qui, que­sta è la nuo­va so­cie­tà in cui ci tro­via­mo e che dob­bia­mo co­strui­re con va­lo­ri civili e di­gni­to­si, e leg­gi giu­ste per tut­ti. I ba­by de­lin­quen­ti, fi­no a qual­che an­no fa fe­no­me­no ti­pi­co di Na­po­li bel­la e di al­tre cit­tà del Sud, og­gi spun­ta­no a ogni an­go­lo, in ogni scuo­la, su ogni spiag­gia, in tut­ti i par­chi. La do­man­da fe­ro­ce è que­sta: ma uno di 13 an­ni che vio­len­ta, o spac­cia o pic­chia fi­no a stor­di­re o a uc­ci­de­re, si può chia­ma­re bam­bi­no? Ed è giu­sto trat­tar­lo co­me ta­le se­con­do l’at­tua­le leg­ge, cioè dar­gli una stri­glia­ta e ri­man­dar­lo a ca­sa? La ri­po­sta fe­ro­ce è que­sta: no. Mi di­spia­ce dav­ve­ro. Ec­co­ci ar­ri­va­ti al­la sfi­da del se­co­lo, non per di­re, è pro­prio co­sì: una fet­ta del­la ge­ne­ra­zio­ne che ha in ma­no il fu­tu­ro ci è scap­pa­ta di ma­no, for­se sia­mo sta­ti an­che noi ad al­zar­le in se­gno di re­sa, le ma­ni, e le ab­bia­mo aper­te e li ab­bia­mo la­scia­ti an­da­re. Un de­lin­quen­te a 13 an­ni è un uo­mo che non ha avu­to tem­po per cre­sce­re e ma­tu­ra­re, è un ibri­do mez­zo adul­to e mez­zo bam­bi­no: che dif­fi­col­tà im­ma­ne ri­por­tar­lo sul­la stra­da giu­sta. Va­le per i no­stri fi­gli, per­ché ce ne so­no di ra­gaz­zi­ni ita­lia­ni vio­len­ti che pro­prio ti ver­reb­be vo­glia di ri­dar­glie­li an­che tu, fior di schiaf­fi. E ce ne so­no di bam­bi­ni-adul­ti stra­nie­ri che a 14 an­ni so­no al­ti 1 me­tro e 80 e a ca­sa non han­no nes­su­no che li cor­reg­ge­rà. Ec­co la sfi­da, che è del­le fa­mi­glie (quan­do ci so­no), si­cu­ra­men­te del­le isti­tu­zio­ni, an­che del­le scuo­le. Ci vuo­le una “ta­sk for­ce” per re­cu­pe­ra­re tut­ti que­sti fi­gli per­du­ti, ci vo­glio­no leg­gi e pri­gio­ni pur­trop­po, con edu­ca­to­ri e ope­ra­to­ri pre­pa­ra­ti e pa­ga­ti il giu­sto, ci vo­glio­no prov­ve­di­men­ti e strut­tu­re per ade­guar­ci al­la nuo­va so­cie­tà, ap­pun­to, in cui vi­via­mo. Non vi pia­ce? A nes­su­no pia­ce, ma non può es­se­re la scu­sa per gi­rar­si dall’al­tra par­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.