Sto­ria di co­per­ti­na Ni­na Mo­ric ha pau­ra di non ve­de­re più suo fi­glio Car­los Ma­ria DI ALES­SAN­DRA GA­VAZ­ZI

GENTE - - Su­ma­rio - di Ales­san­dra Ga­vaz­zi

L’ur­lo di­spe­ra­to di una ma­dre a vol­te pas­sa da un po­st su In­sta­gram. Un gran­de cuo­re ros­so con una di­chia­ra­zio­ne d’amo­re ri­pe­tu­ta tan­te vol­te. E un mes­sag­gio: “Io non di­men­ti­che­rò mai, ho com­bat­tu­to, ma lui non mi vuo­le più”. Lui è Car­los Ma­ria Co­ro­na e lei, la mam­ma in que­stio­ne, è Ni­na Mo­ric. Un mes­sag­gio strug­gen­te e ar­rab­bia­to al­lo stes­so tem­po, che po­co do­po es­se­re sta­to pub­bli­ca­to scom­pa­re dal Web. Quel­lo che non scom­pa­re è il do­lo­re di Ni­na. Che da tre an­ni or­mai può ve­de­re il fi­glio, og­gi ado­le­scen­te, so­lo un’ora e mez­za a set­ti­ma­na. «Si uc­ci­de­reb­be per il suo bam­bi­no. Lo ama in mo­do fol­le e to­ta­le e com­bat­te­rà sem­pre per ria­ver­lo con sé. Ma a vol­te la di­spe­ra­zio­ne pre­va­le», rac­con­ta a Gen­te il suo le­ga­le, So­lan­ge Mar­chi­gno­li. Che spie­ga lo sfo­go di Ni­na co­me esi­to di una bat­ta­glia le­ga­le lun­ghis­si­ma per un fi­glio con­te­so tra due fa­mi­glie, quel­la del­la mam­ma - splen­di­da mo­del­la di ori­gi­ni croa­te - e quel­la del pa­pà, Fa­bri­zio Co­ro­na, ap­pe­na tor­na­to in li­ber­tà do­po il car­ce­re e i mol­ti guai con la giu­sti­zia. In mez­zo, c’è Car­los Ma­ria, af­fi­da­to da tre an­ni al­la non­na pa­ter­na Ga­briel­la.

«L’af­fi­da­men­to», di­ce la le­ga­le di Ni­na, «è sta­to de­cre­ta­to in via de­fi­ni­ti­va. Ab­bia­mo pre­pa­ra­to il ri­cor­so in ap­pel­lo, ma i tem­pi del­la giu­sti­zia non so­no ra­pi­di. Nel frat­tem­po, il ra­gaz­zo ve­de la ma­dre una vol­ta al­la set­ti­ma­na, un’ora e mez­za, sem­pre in com­pa­gnia di un edu­ca­to­re». Una si­tua­zio­ne dif­fi­ci­le per en­tram­bi. So­prat­tut­to per Car­los, so­stie­ne l’av­vo­ca­to Mar­chi­gno­li: «Il ra­gaz­zo è in un mo­men­to de­li­ca­to. Si è chiu­so in un mon­do a par­te, si pro­teg­ge dal pro­va-

re emo­zio­ni per­ché l’ul­ti­ma che ha vis­su­to è sta­to il do­lo­re di es­se­re se­pa­ra­to dal­la ma­dre. Una pe­ri­zia del tri­bu­na­le de­fi­ni­sce que­sto ma­les­se­re, ab­bia­mo chie­sto un ap­pro­fon­di­men­to, ma ci è sta­to ne­ga­to».

Del di­sa­gio del ra­gaz­zo ave­va ac­cen­na­to qual­che me­se fa a Gen­te an­che il pa­dre, tra­mi­te il suo le­ga­le Ivano Chie­sa. «Car­los non è più sta­to lo stes­so», ci ave­va det­to l’av­vo­ca­to, «ha vis­su­to in di­ret­ta l’ar­re­sto del pa­pà e que­sto l’ha se­gna­to nel pro­fon­do. Ma è af­fi­da­to al­la si­gno­ra Ga­briel­la e tut­ti co­no­sco­no il va­lo­re del­la sua per­so­na». Og­gi che Fa­bri­zio è tor­na­to in li­ber­tà per cu­rar­si da una di­pen­den­za dal­la co­cai­na, ha ri­pre­so an­che a ve­de­re il suo ra­gaz­zo. «Pa­dre e fi­glio stan­no in­sie­me non ap­pe­na pos­so­no, l’ul­ti­ma vol­ta che li ho vi­sti gio­ca­va­no ai vi­deo­gio­chi», ri­por­ta l’av­vo­ca­to Chie­sa. «Car­los ades­so, ol­tre a es­se­re un ra­gaz­zo bel­lo co­me il so­le, è se­re­no, con­ten­to di sta­re con suo pa­pà ogni do­me­ni­ca e di po­ter ce­na­re in­sie­me con lui o an­che con non­na Ga­briel­la, co­me ac­ca­de in tut­te le fa­mi­glie nor­ma­li. Tra lo­ro c’è un rap­por­to mol­to fi­si­co, di un’af­fet­tuo­si­tà stra­ri­pan­te, Fa­bri­zio “se lo man­gia” di ba­ci e di at­ten­zio­ni». E per quan­to ri­guar­da la si­tua­zio­ne con la ma­dre? «Uma­na­men­te il suo do­lo­re è com­pren­si­bi­le, nes­su­no può met­ter­lo in dub­bio. Ma oc­cor­re an­che ca­pi­re la gra­vi­tà di un prov­ve­di­men­to de­fi­ni­ti­vo che cer­to non è sta­to pre­so dal tri­bu­na­le dei mi­no­ri a cuor leg­ge­ro e sul qua­le la fa­mi­glia Co­ro­na non ha no­ti­zia di al­cu­na mo­di­fi­ca».

Due bar­ri­ca­te op­po­ste, due fron­ti che si com­bat­to­no da an­ni. E in mez­zo sem­pre lui, Car­los Ma­ria, 16 an­ni a ot­to­bre. Per­ché è dif­fi­ci­le, co­me in mol­te, mol­tis­si­me vi­cen­de di di­vor­zi tor­men­ta­ti, sta­bi­li­re tor­ti e ra­gio­ni. E qui c’è l’ag­gra­van­te, se di ag­gra­van­te si può par­la­re, del­la ce­le­bri­tà dei con­ten­den­ti. E del­la de­li­ca­tez­za dell’og­get­to del con­ten­de­re, cioè di un ra­gaz­zi­no cre­sciu­to,

STRINGERLO A SÉ ORA È IM­POS­SI­BI­LE La Moric con il fi­glio Car­los Ma­ria in un ri­trat­to te­ne­ris­si­mo di qual­che tem­po fa. Que­sta fo­to fu scat­ta­ta per Gen­te. Og­gi il ra­gaz­zo ha 15 an­ni. «Ni­na aspet­ta ogni set­ti­ma­na di in­con­trar­lo co­me se do­ves­se ar­ri­va­re...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.