Esclu­si­vo L’ar­ma in più di Ca­ro­lyn Smi­th è il ma­ri­to, di cui è in­na­mo­ra­tis­si­ma DI VA­NIA CRIP­PA

« A PA­DO­VA TUT­TE SO­SPI­RA­VA­NO PER LUI, MA IO ERO LA SUA GIU­LIET­TA», DI­CE LA STAR DI “BAL­LAN­DO”. « LA MIA LOT­TA AL TU­MO­RE CI HA UNI­TO DI PIÙ »

GENTE - - Su­ma­rio - di Va­nia Crip­pa

Ti­no e io sia­mo co­me ca­ne e gat­to, in tan­ti di­co­no che sem­bria­mo San­dra Mon­dai­ni e Rai­mon­do Via­nel­lo, per­ché sia­mo sem­pre lì a bat­ti­bec­ca­re e a di­scu­te­re su tut­to. Ti­no, pe­rò, è la mia an­co­ra, il mio por­to si­cu­ro. Co­lui che sa ac­co­glie­re con un ab­brac­cio tut­te le paz­zie. Mi ri­ten­go for­tu­na­ta ad aver­lo ac­can­to. Am­mi­ro la sua sag­gez­za e la sua cal­ma, qua­li­tà che mi fan­no in­na­mo­ra­re di lui ogni gior­no di più». Ca­ro­lyn Smi­th, l’in­fles­si­bi­le pre­si­den­te di giu­ria di Bal­lan­do con le stel­le, ci par­la co­sì del ma­ri­to Er­ne­sti­no (Ti­no) Mi­chie­lot­to, an­che lui in­se­gnan­te di bal­lo, l’uo­mo che ha spo­sa­to nel 1997. Un uo­mo dol­ce, re­stio ad ap­pa­ri­re. Co­glier­li in pub­bli­co in un mo­men­to di te­ne­rez­za è una ra­ri­tà. «In­cor­ni­ce­rò que­ste im­ma­gi­ni, so­no un mi­ra­co­lo», scher­za Ca­ro­lyn quan­do le di­cia­mo che i no­stri fo­to­gra­fi li han­no sor­pre­si men­tre si dan­no un ba­cio per stra­da. «Lui è mol­to ri­ser­va­to, per­si­no per l’al­bum di noz­ze nel no­van­ta per cen­to de­gli scat­ti ci so­no so­lo io».

Sem­bra una sto­ria da film la lo­ro. Un le­ga­me che è sta­to ca­pa­ce di tra­sfor­mar­si da ami­ci­zia in amo­re e che ha re­si­sti­to a ogni dif­fi­col­tà, com­pre­so il tu­mo­re al se­no che ha col­pi­to la Smi­th nel 2015 e che ora si è ri­pre­sen­ta­to, co­me lei ci ha rac­con­ta­to in esclu­si­va nel nu­me­ro 11. «Da quan­do è ar­ri­va­to l’in­tru­so [ chia­ma co­sì il can­cro, ndr] ci sia­mo av­vi­ci­na­ti mol­to. Io ho ral­len­ta­to un po’ il mio rit­mo di la­vo­ro e so­no ri­ma­sta di più a ca­sa, Ti­no è su­ben­tra­to in mol­te co­se che io non ho po­tu­to fa­re. Mi ha so­ste­nu­to, mi è sem­pre sta­to ac­can­to fa­cen­do­si an­che vio­len­za per riu­sci­re a en­tra­re in un ospe­da­le. Ok, la sua fac­cia era sem­pre de­pres­sa, ma al­me­no non se l’è da-

ta a gam­be co­me fan­no tan­ti vi­gliac­chi. E dun­que l’in­tru­so con noi non l’ha avu­ta vin­ta, sia­mo più uni­ti che mai».

Ca­ro­lyn e Ti­no si co­no­sco­no nell’85. En­tram­bi so­no già im­pe­gna­ti. «Lui, as­sie­me all’ex fi­dan­za­ta So­nia, è sta­to tra i pri­mi miei al­lie­vi in Ita­lia», ri­cor­da la Smi­th. «Era il più bel­lo in as­so­lu­to e quan­do di­ce­vo che fa­ce­va le­zio­ne con me tut­te le don­ne so­spi­ra­va­no co­me se fos­se la mia più gran­de for­tu­na. Io le guar­da­vo un po’ stra­bi­lia­ta, per me era la­vo­ro e ba­sta, non ho mai mi­schia­to il bu­si­ness con gli af­fa­ri di cuo­re e poi io ero spo­sa­ta e lui ave­va una ra­gaz­za. Tra di noi c’era una bel­lis­si­ma ami­ci­zia. For­se lui era se­gre­ta­men­te in­na­mo­ra­to di me, ma è sem­pre sta­to at­ten­to a non mo­stra­re i suoi sen­ti­men­ti pri­ma del­la se­pa­ra­zio­ne».

Quat­tro an­ni do­po, nel 1989, la si­tua­zio­ne cam­bia: scop­pia l’amo­re. «I pri­mi tem­pi vo­le­va­mo man­te­ne­re an­co­ra se­gre­ta la re­la­zio­ne. Io in­se­gna­vo nel­la scuo­la di Ti­no a Pa­do­va e vi­ve­vo a ca­sa sua, con i ge­ni­to­ri e il fra­tel­lo. Quan­do lo­ro an­da­va­no a dor­mi­re, lui pren­de­va una sca­la e bus­sa­va al­la mia fi­ne­stre. “Giu­liet­ta”, sus­sur­ra­va. E io: “Ro­meo”. È un epi­so­dio che non ho mai ri­ve­la­to fi­no­ra e che mi fa sor­ri­de­re tan­to era­va­mo ro­man­ti­ca­men­te paz­zi».

Le noz­ze ar­ri­va­no nel 1997 «per de­ci­sio­ne con­giun­ta», do­po un pe­rio­do di dif­fi­col­tà. «Il mio ex ma­ri­to ha pre­te­so pa­rec­chi sol­di per fir­ma­re le car­te che mi avreb­be­ro ri­da­to la li­ber­tà. Io, poi, es­sen­do scoz­ze­se, ri­sul­ta­vo un’ex­tra­co­mu­ni­ta­ria per un in­top­po bu­ro­cra­ti­co. In­som­ma, io e Ti­no ab­bia­mo lot­ta­to tan­to per sta­re in­sie­me che di­vi­der­ci ora è inim­ma­gi­na­bi­le». In­sie­me sem­pre, nel be­ne e nel ma­le, co­me Ca­ro­lyn rac­con­ta an­che nel li­bro Ho bal­la­to con uno sco­no­sciu­to: «Avrem­mo tan­to vo­lu­to un bam­bi­no, lo ab­bia­mo cer­ca­to a lun­go. Sul­la car­ta non c’era nul­la che non an­das­se, ep­pu­re non so­no ri­ma­sta in­cin­ta. A 41 an­ni mi so­no fat­ta chiu­de­re le tu­be. Non c’è co­sa più fru­stran­te di aspet­ta­re una gra­vi­dan­za ogni me­se. Ab­bia­mo pre­so que­sta de­ci­sio­ne in­sie­me. È sta­to do­lo­ro­so, ma ave­va­mo mol­ti fi­glio­li spar­si per il mon­do, i miei al­lie­vi».

Cri­si, mai. «A vol­te li­ti­ghia­mo, so­prat­tut­to per il tem­po che io de­di­co al la­vo­ro: trop­po! Op­pu­re per­ché io pre­no­to con­cer­ti ed even­ti tea­tra­li, men­tre lui è più pi­gro, è un “si­gnor no” che ini­zial­men­te smon­ta le mie idee. Ma i no­stri bat­ti­bec­chi non du­ra­no più di 24 ore: do­po una sa­na dor­mi­ta ri­tro­via­mo il sor­ri­so. Il no­stro rap­por­to si è sem­pre ba­sa­to sul­la fi­du­cia e sul ri­spet­to re­ci­pro­ci, in un mon­do, quel­lo del­la dan­za, pie­no di ten­ta­zio­ni e ma­le­lin­gue. “Se c’è un pro­ble­ma, se ne par­la”, ci sia­mo sem­pre det­ti. For­se il fat­to di se­pa­rar­ci per via dei fre­quen­ti viag­gi di la­vo­ro ci ha per­mes­so di da­re dei pe­rio­di di va­can­za al­la re­la­zio­ne, di man­te­ne­re vi­vo il de­si­de­rio. Poi ci sia­mo ben divisi i com­pi­ti: io mi oc­cu­po del­la par­te più ar­ti­sti­ca, lui di quel­la bu­ro­cra­ti­ca. Co­mun­que, lui nei miei con­fron­ti è sem­pre pro­tet­ti­vo e con quel piz­zi­co di ge­lo­sia sa­na». È Ti­no l’uni­co che rie­sce a do­ma­re, ma non a spe­gne­re il vul­ca­no Smi­th. «Ora che l’in­tru­so è ri­com­par­so, io stes­sa ho ral­len­ta­to i rit­mi». Ma non trop­po... Con le Ca­ro­lyn Smi­th Dan­ce Aca­de­my, spar­se in tut­ta Ita­lia, con­ti­nua a fa­re dan­za­re le per­so­ne con un bal­le­ri­no pro­fes­sio­ni­sta, pro­prio co­me av­vie­ne nel pro­gram­ma di Mil­ly Car­luc­ci, e si pre­pa­ra a una nuo­va sfi­da: «In esta­te apri­rò un’as­so­cia­zio­ne in­ter­na­zio­na­le che of­fre so­ste­gno psi­co­lo­gi­co al­le don­ne. Mi pia­ce­reb­be coin­vol­ge­re Beyon­cé: la sua Run the world (girls) è un in­no fem­mi­ni­sta che dà la ca­ri­ca. An­drò a ve­der­la a Ro­ma l’8 lu­glio e chis­sà...». Nul­la è im­pos­si­bi­le per que­sta pic­co­la-gran­de don­na.

«AB­BIA­MO CER­CA­TO A LUN­GO UN FI­GLIO, MA NON È AR­RI­VA­TO»

PER LEI VIN­CE LA RI­SER­VA­TEZ­ZA Ro­ma. Ca­ro­lyn, all’usci­ta da­gli stu­di Rai, tro­va ad at­ten­der­la il ma­ri­to Er­ne­sti­no Mi­chie­lot­to, det­to Ti­no, 57. Pri­ma gli sor­ri­de, poi lo ba­cia con tra­spor­to. Una sce­na piut­to­sto ra­ra: lui è mol­to ri­ser­va­to e non ama ap­pa­ri­re. Fi­dan­za­ti dal 1989, si so­no spo­sa­ti il 30 ago­sto 1997.

GRIN­TA DA VEN­DE­RE Ca­ro­lyn Smi­th, 57 an­ni, grin­to­sa, ve­sti­ta d’al­le­gria, tie­ne in ma­no un bou­quet di ro­se. «Me l’han­no re­ga­la­to i con­cor­ren­ti e i mae­stri di Bal­lan­do », spie­ga. Po­che set­ti­ma­ne fa su Gen­te ha an­nun­cia­to che sta com­bat­ten­do per la se­con­da vol­ta con­tro il tu­mo­re al se­no.

È SEM­PRE PRO­TET­TI­VO Ti­no ap­pog­gia con dol­cez­za le lab­bra sul­la te­sta di Ca­ro­lyn: «È pro­tet­ti­vo e con quel piz­zi­co di sa­na ge­lo­sia che ci vuo­le», di­ce lei. «Io, in­ve­ce, non so­no ge­lo­sa: ho tan­ta fi­du­cia in me stes­sa e in lui».

AL­LER­GI­CI AL­LE CRI­SI Ro­ma. Ca­ro­lyn Smi­th stret­ta al ma­ri­to. «A vol­te li­ti­ghia­mo, ma i no­stri mu­si lun­ghi non du­ra­no più di 24 ore. Do­po una sa­na dor­mi­ta ri­tro­via­mo il sor­ri­so».

DA DIE­CI AN­NI STRON­CA E PRE­MIA La Smi­th, che fe­steg­gia i die­ci an­ni da pre­si­den­te di giu­ria a Bal­lan­do con

le stel­le, tra i col­le­ghi: da si­ni­stra, Fa­bio Ca­ni­no, 54 an­ni, Ivan Zaz­za­ro­ni, 60, Sel­vag­gia Lu­ca­rel­li, 43, e Guil­ler­mo Ma­riot­to, 52.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.