Tre dol­ci al cuc­chia­io ci in­go­lo­si­sco­no DI SO­NIA PE­RO­NA­CI

Per mi­glio­ra­re una gior­na­ta com­pli­ca­ta o al­le­via­re i tor­men­ti d’amo­re non c’è nien­te di me­glio che un dol­ce al cuc­chia­io. Ve ne pro­pon­go tre

GENTE - - Su­ma­rio -

M iglio­ra­re una gior­na­ta dif­fi­ci­le, at­te­nua­re una de­lu­sio­ne, con­so­la­re nei tra­va­gli amo­ro­si, col­ma­re un po’ di so­li­tu­di­ne, en­tu­sia­smar­si do­po un mo­men­to già bel­lo di per sé: ec­co a co­sa ser­vo­no i dol­ci al cuc­chia­io. Al­me­no nel mio ca­so. E i mae­stri, in que­sto ti­po di pre­pa­ra­zio­ne, so­no i pa­stic­cie­ri fran­ce­si: la Crè­me ca­ra­mel è su­bli­me, non sem­pli­cis­si­ma da fa­re in ca­sa, ma ti da­rà una sod­di­sfa­zio­ne inim­ma­gi­na­bi­le una vol­ta che im­pa­ri a far­la. Si trat­ta di quel dol­ce che vor­re­sti sem­pre fa­re ma hai pau­ra di sba­glia­re, e lo evi­ti, al­me­no fi­no a quan­do non avrai tro­va­to il per­fet­to com­pro­mes­so con il tuo for­no di ca­sa. Eb­be­ne, con le mie in­di­ca­zio­ni non hai più scu­se! In al­ter­na­ti­va, ec­co la mia Crè­me brû­lée. Se hai vi­sto Il fa­vo­lo­so

mon­do di Amé­lie, cer­ta­men­te non puoi non es­ser­ti in­na­mo­ra­to di que­sto film e del­la sua gio­va­ne pro­ta­go­ni­sta. Amé­lie Pou­lain, ca­me­rie­ra del Ca­fé de 2 Mou­lins, è una gran­de so­gna­tri­ce che vi­ve in un mon­do tut­to suo fat­to di stra­va­gan­ti abi­tu­di­ni, pic­co­le con­sue­tu­di­ni e pia­ce­ri quo­ti­dia­ni, co­me tuf­fa­re la ma­no in un sac­co di le­gu­mi o rom­pe­re con la pun­ta del cuc­chiai­no la cro­sti­ci­na ca­ra­mel­la­ta del­la Crè­me brû­lée. Mol­ti, inol­tre, se la con­fon­do­no con la Cre­ma ca­ta­la­na a cau­sa del­la cro­sti­ci­na di zuc­che­ro, tut­ta­via la ca­ta­la­na non pas­sa dal for­no, ed è ar­ric­chi­ta dal­la can­nel­la. Io, pe­rò, ti co­no­sco, e so che in tut­to ciò ti man­ca qual­co­sa di cioc­co­la­to­so, ho ra­gio­ne? Non per­der­ti dun­que il mio Cre­mo­so al gian­duia: pa­sta al gian­duia (o di pi­stac­chio), pan­na, zuc­che­ro, ge­la­ti­na, e il gio­co è fat­to. Per una me­ren­da o un do­po­ce­na di gran­dis­si­mo suc­ces­so. Al­lo­ra, ti ho fat­to ve­ni­re (o tor­na­re) il sor­ri­so?

L’AT­TI­MO PIÙ PIA­CE­VO­LE Zuc­che­ro bru­cia­to an­co­ra bol­len­te a “pro­teg­ge­re” la fre­sca cre­ma a ba­se di uo­va: ec­co co­me si pre­sen­ta una per­fet­ta Crè­me brû­lée. Il mo­men­to in cui, con il cuc­chiai­no, si rom­pe il “tet­to” è quel­lo di mas­si­mo pia­ce­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.