Esclu­si­vo Giu­lio Ber­ru­ti, il bel te­ne­bro­so del­la Tv, ci pre­sen­ta le sue due “cuc­cio­le” DI SA­BRI­NA BO­NA­LU­MI

«DA UN ME­SE HO UNA BA­BY HU­SKY. E FRE­QUEN­TO FRAN­CE­SCA. LEI LA­VO­RA A LOS AN­GE­LES E STU­DIA A RO­MA», SVE­LA L’AT­TO­RE, CHE SO­GNA LA FU­GA IN AME­RI­CA

GENTE - - Su­ma­rio - di Sa­bri­na Bo­na­lu­mi

D a qual­che me­se nel cuo­re di Giu­lio Ber­ru­ti c’è più mo­vi­men­to del so­li­to. Non con­vi­vo­no so­lo le sue pas­sio­ni: la re­ci­ta­zio­ne, la scrit­tu­ra, i mo­to­ri, le ar­ti mar­zia­li. Ci so­no an­che due “cuc­cio­le”, co­me le chia­ma lui, che ne oc­cu­pa­no la par­te più te­ne­ra. Due fem­mi­ne. Che, stra­na­men­te, non sca­te­na­no la ge­lo­sia l’una dell’al­tra. «C’è Bro­w­nie, una hu­sky di tre me­si da­gli oc­chi ver­di che da uno vi­ve con me, e c’è Fran­ce­sca. Lei ha 21 an­ni, è at­tri­ce, pro­dut­tri­ce, stu­den­tes­sa, di ori­gi­ni au­stria­co-sviz­ze­re, vi­ve a Los An­ge­les e ora sta fre­quen­tan­do l’uni­ver­si­tà a Ro­ma. Ci sia­mo co­no­sciu­ti in Ame­ri­ca un an­no fa du­ran­te un se­mi­na­rio sul ci­ne­ma, ma ci fre­quen­tia­mo so­lo da qual­che me­se», rac­con­ta Giu­lio, re­du­ce dal­la vit­to­ria del ta­lent show Dan­ce Dan­ce Dan­ce in cop­pia con Cri­sti­na Ma­ri­no. Ma non si spen­si che ora Giu­lio stia a bear­si del­la cop­pa e del­la nuo­va com­pa­gna. È tan­to bel­lo quan­to ipe­rat­ti­vo. Il suo pri­mo ro­man­zo Nu­tshell è da po­co usci­to: « Rac­con­ta la sto­ria di un grup­po di ami­ci vis­su­ta at­tra­ver­so gli oc­chi del pro­ta­go­ni­sta. È un ro­man­zo di for­ma­zio­ne, sul pas­sag­gio e le espe­rien­ze che van­no dall’ado­le­scen­za all’età adul­ta». Ora ne sta già scri­ven­do un al­tro. In più, rac­con­ta, «il pros­si­mo me­se ini­zie­rò le ri­pre­se di un film sto­ri­co per il ci­ne­ma, am­bien­ta­to nel­la Se­con­da guer­ra mon­dia­le, con Pier­ce Bro­snan e Ma­ria Val­ver­de. È una sto­ria d’amo­re che vuo­le esal­ta­re la lot­ta del­la don­na nel­la sua bat­ta­glia per l’in­di­pen­den­za cul­tu­ra­le, emo­zio­na­le, ses­sua­le». Giu­lio cul­la il so­gno di tra­sfe­rir­si, an­che per un bre­ve pe­rio­do, in Ame­ri­ca, a Los An­ge­les, do­ve ap­pun­to gra­vi­ta an­che Fran­ce­sca. «Lei è una buo­na mo­ti­va­zio­ne,

ma fa­re un’espe­rien­za all’este­ro non mi di­spia­ce­reb­be». Dal to­no del­la vo­ce, da co­me ne par­la, è chia­ro che a Giu­lio que­sta ra­gaz­za pia­ce pa­rec­chio. «Ab­bia­mo mol­te af­fi­ni­tà, tra cui la pas­sio­ne per il ci­ne­ma. Di lei mi af­fa­sci­na­no co­rag­gio e te­na­cia. Fran­ce­sca è mol­to gio­va­ne, ma ha un’espe­rien­za di vi­ta dal­la qua­le at­tin­go e che mi sti­mo­la mol­tis­si­mo. Quan­do ave­va un­di­ci an­ni è an­da­ta a vi­ve­re in col­le­gio e da quel mo­men­to ha ini­zia­to a la­vo­ra­re sul­la sua in­di­pen­den­za. Par­la cin­que lin­gue ed è estre­ma­men­te vo­li­ti­va. Per me l’amo­re si nu­tre del­la sti­ma che pro­vi per una per­so­na. E di Fran­ce­sca ho una sti­ma im­men­sa. Di­cia­mo che i pre­sup­po­sti ci so­no af­fin­ché la sto­ria pro­se­gua...», sve­la con­trav­ve­nen­do al­la sua ri­ser­va­tez­za. «So­no ti­mi­do, ma da ra­gaz­zi­no lo ero an­co­ra di più. Ho ini­zia­to a fa­re l’at­to­re an­che per vin­ce­re quel­lo che io ri­te­ne­vo po­tes­se es­se­re un li­mi­te», rac­con­ta. «Quan­do stu­dia­vo Odon­to­ia­tria mi pre­pa­ra­vo per gli esa­mi con un ami­co. Pas­sa­va­mo le stes­se ore sui li­bri, se­guen­do lo stes­so pro­gram­ma. Ep­pu­re lui, più spa­val­do, pren­de­va vo­ti ai qua­li io non ar­ri­va­vo per­ché il ca­rat­te­re mi fre­na­va». Una ti­mi­dez­za che lo por­ta­va an­che a di­ven­ta­re ros­so e a chiu­der­si quan­do, ra­gaz­zi­no, si tro­va­va gli oc­chi ad­dos­so di chi fa­ce­va su e giù lun­go il suo me­tro e 92 cen­ti­me­tri di per­fe­zio­ne. «Pen­sa­vo fos­se­ro at­trat­ti da qual­co­sa che non an­da­va in me piut­to­sto che il con­tra­rio. Ho avu­to mo­men­ti in cui ero più con­sa­pe­vo­le e fa­si in cui l’in­si­cu­rez­za pren­de­va il so- prav­ven­to. Per que­sto, ho sem­pre pre­fe­ri­to col­ti­va­re al­tro, stu­dian­do e de­di­can­do­mi ai miei hob­by. So­no più a mio agio con un cac­cia­vi­te in ma­no e un mo­to­re da smon­ta­re di quan­to non lo sia da­van­ti all’ob­biet­ti­vo di un fo­to­gra­fo». Ha un se­gre­to, Giu­lio, che gli ha per­mes­so di fa­re il mo­del­lo e l’at­to­re a te­sta al­ta. «Le ar­ti mar­zia­li. Si trat­ta di una di­sci­pli­na che ti riem­pie di for­za ed ener­gia, ti in­se­gna a re­spi­ra­re e au­men­ta la per­ce­zio­ne di te stes­so». Ma se vuoi ve­de­re Ber­ru­ti ve­ra­men­te a suo agio... «...Por­ta­mi in of­fi­ci­na con una mo­to e una mac­chi­na su cui la­vo­ra­re». Ri­de Giu­lio nel rac­con­ta­re che da ado­le­scen­te pas­sa­va par­te del­le esta­ti in una car­roz­ze­ria. «Per i miei com­pa­gni, io ero quel­lo stra­no. An­che se non ave­vo ne­ces­si­tà, mi di­ver­ti­vo a la­vo­ra­re, im­pa­ran­do il più pos­si­bi­le». Un hob­by, que­sto, che si è tra­sfor­ma­to in un la­vo­ro. «Con un ami­co ho una so­cie­tà che rea­liz­za mo­to cu­sto­miz­za­te, os­sia per­so­na­liz­za­te per il clien­te. A vol­te ne co­strui­sco una, ma me ne in­na­mo­ro a tal pun­to che la ten­go per me», sve­la. «So­no ipe­re­ner­ge­ti­co, po­lie­dri­co, ado­ro espri­mer­mi in va­ri cam­pi. Mia non­na, quan­do ero pic­co­lo, di­ce­va: “Sai fa­re tut­to, ma be­ne nien­te”. Poi ag­giun­ge­va “Con­ce­di­ti il lus­so di sba­glia­re, ma ca­di sem­pre in avan­ti, sen­za te­me­re di met­ter­ti gio­co”», rac­con­ta. Giu­lio, in ef­fet­ti, bal­la, re­ci­ta, can­ta «sot­to la doc­cia», scri­ve, ha ma­nua­li­tà e se­te con­ti­nua di ap­pren­de­re. Fa tut­to be­ne, ma ha un tal­lo­ne d’Achil­le... «La cu­ci­na. Da sin­gle so­prav­vi­ve­vo gra­zie al­la pa­sta bian­ca con il ton­no in sca­to­let­ta. Ho pro­va­to a dar­la a Fran­ce­sca, con pes­si­mi ri­sul­ta­ti. Quan­do è a Ro­ma vi­ve con me e mi ha vie­ta­to l’ac­ces­so ai for­nel­li. Mi li­mi­to a fa­re la spe­sa».

«HO DE­CI­SO DI IN­ZIA­RE A RE­CI­TA­RE AN­CHE PER VIN­CE­RE LA TI­MI­DEZ­ZA»

UNA BOM­BA SUL BO­LI­DE Ro­ma. Giu­lio Ber­ru­ti, 33 an­ni, se­xy e sel­vag­gio, po­sa su una Har­ley-Da­vid­son rie­la­bo­ra­ta. «I mo­to­ri so­no la mia gran­de pas­sio­ne», rac­con­ta. L’at­to­re, re­du­ce dal ta­lent show Dan­ce Dan­ce Dan­ce, ha pub­bli­ca­to il ro­man­zo Nu­tshell (Mon­da­do­ri Elec­ta). (Fo­to Gian­lu­ca Sa­ra­gò/La Pres­se).

PAS­SEG­GIAN­DO IN TE­NE­REZ­ZA Giu­lio, rag­gian­te e con un co­lo­ra­tis­si­no look da rap­per, cam­mi­na per le stra­de del cen­tro con la nuo­va com­pa­gna, Fran­ce­sca, 21 an­ni, stu­den­tes­sa e at­tri­ce di ori­gi­ni sviz­ze­ro-au­stria­che, e Bro­w­nie, cuc­cio­la di hu­sky di tre me­si che da uno vi­ve con lui.

LA SUA BI­SCOT­TI­NA Giu­lio coc­co­la la sua Bro­w­nie che pa­re gra­di­re di buon gra­do le at­ten­zio­ni: «L’ho chia­ma­ta co­sì per­ché è ca­sta­na e mor­bi­da co­me il bi­scot­to ame­ri­ca­no», rac­con­ta l’at­to­re.

ELE­GAN­ZA NA­TU­RA­LE Ber­ru­ti, chic in smo­king, sfi­la al­la Mo­stra In­ter­na­zio­na­le d’ar­te ci­ne­ma­to­gra­fi­ca di Ve­ne­zia.

BA­CI GE­LA­TI Ro­ma. Giu­lio Ber­ru­ti ba­cia la sua Fran­ce­sca pri­ma di gu­star­si un ge­la­to. La pic­co­la Bro­w­nie li guar­da ra­pi­ta. O for­se sta pun­tan­do di­ret­ta­men­te al co­no...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.