SE LA SCUO­LA DI­VEN­TA UN IN­FER­NO

GENTE - - La Posta Dei Lettori -

Ca­ro di­ret­to­re, so­no la mam­ma di una bam­bi­na (ma or­mai è una ra­gaz­za, ha 15 an­ni) che ten­de a in­gras­sa­re. Non è cer­to obe­sa, ma l’es­se­re cic­ciot­tel­la è suf­fi­cien­te per­ché al­cu­ni com­pa­gni di scuo­la cru­de­li la pren­da­no in gi­ro. A vol­te lei tor­na a ca­sa mol­to tri­ste o ad­di­rit­tu­ra di pes­si­mo umo­re pro­prio per que­sta ra­gio­ne. Ab­bia­mo chie­sto aiu­to al­la scuo­la, i pro­fes­so­ri le stan­no vicini ma non pos­so­no cer­to ve­de­re e ascol­ta­re ogni co­sa che ac­ca­de. Ie­ri ho let­to la ter­ri­bi­le sto­ria del­la ra­gaz­zi­na di Ver­cel­li che si è uc­ci­sa but­tan­do­si sot­to un tre­no. Ora so­no ter­ro­riz­za­ta, let­te­ral­men­te. E non so co­me com­por­tar­mi. Ma­ri­na Cru­spi

Gen­ti­le Mo­ni­ca, le scri­vo per de­nun­cia­re una si­tua­zio­ne mol­to pre­oc­cu­pan­te che si è crea­ta nel­la scuo­la me­dia del no­stro pae­se, in pro­vin­cia di Por­de­no­ne, do­ve una pro­fes­so­res­sa di ma­te­ma­ti­ca sta ren­den­do la vi­ta im­pos­si­bi­le a mio fi­glio di 12 an­ni. Lei una vol­ta lo ha umi­lia­to da­van­ti al­la clas­se per­ché non ave­va stu­dia­to, da al­lo­ra lui ha il ter­ro­re di an­da­re a scuo­la e ha an­che ini­zia­to a sof­fri­re di at­tac­chi di pa­ni­co. Mio ma­ri­to e io ne ab­bia­mo par­la­to con il pre­si­de dell’isti­tu­to, che ci ha con­fer­ma­to di ave­re a che fa­re con una do­cen­te “par­ti­co­la­re” e ha pro­mes­so di so­ste­ner­ci. Quan­do la pro­fes­so­res­sa ha sa­pu­to del no­stro in­con­tro con il pre­si­de, pe­rò, se l’è pre­sa con noi: ci ha con­vo­ca­ti e ha tuo­na­to che no­stro fi­glio è ne­ga­to per la ma­te­ma­ti­ca e da lei non ri­ce­ve­rà al­cun aiu­to. È sta­ta la sua ven­det­ta. Tan­to in­cre­di­bi­le quan­to di­se­du­ca­ti­va! Or­mai la ma­te­ma­ti­ca non c’en­tra più nien­te, il pro­ble­ma è uma­no. Chi si com­por­ta co­sì non me­ri­ta di sta­re in cat­te­dra e ave­re la re­spon­sa­bi­li­tà di edu­ca­re dei ra­gaz­zi­ni. Gior­gia

Ca­re let­tri­ci, im­ma­gi­no l’an­go­scia e la sof­fe­ren­za di en­tram­be. Nel ca­so del­la pri­ma let­te­ra pen­so che tu, Gior­gia, non de­vi aver pau­ra di chie­de­re aiu­to. I bul­li, se non ca­pi­sco­no che pos­so­no fa­re mol­to ma­le, van­no de­nun­cia­ti. Con­si­de­ra an­che la pos­si­bi­li­tà di ri­vol­ger­ti a chi può da­re un sup­por­to psi­co­lo­gi­co al­la tua bam­bi­na e a te per af­fron­ta­re al me­glio que­sto pe­rio­do dif­fi­ci­le. La se­con­da let­te­ra mi ha la­scia­ta sen­za pa­ro­le. Non ba­sta es­se­re un ge­nio del­la ma­te­ma­ti­ca e sa­per im­por­re la di­sci­pli­na per me­ri­tar­si una cat­te­dra: ser­vo­no an­che tan­ta uma­ni­tà e ri­spet­to per pla­sma­re i ra­gaz­zi. In­se­gna­re è una mis­sio­ne e chi non la con­ce­pi­sce co­me ta­le do­vreb­be cam­bia­re la­vo­ro al più pre­sto.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.