LA MODA VA IN PA­RA­DI­SO

LA CASULA RICAMATA DI WOJTYLA E LE TIARE DI DIA­MAN­TI DEI PAPI RE: 40 PEZ­ZI UNICI ESPO­STI A NEW YORK CON I GRAN­DI STI­LI­STI. «DIO È STA­TO IL PRI­MO SARTO», DI­CE IL CARDINAL RAVASI

GENTE - - Sommario - Di Ales­san­dra Ga­vaz­zi PER COPRICAPO UNA CORONA SEN­ZA PREZ­ZO

Una tu­ni­ca di Dol­ce&Gab­ba­na al Me­tro­po­li­tan di New York. Una mo­stra sen­za pre­ce­den­ti sve­la il bi­no­mio fe­de-moda.

Quan­do nel 2013 Jor­ge Ma­rio Ber­go­glio di­ven­tò Pa­pa Fran­ce­sco, in mol­ti rav­vi­sa­ro­no in quel­le sue scar­pe ne­re - or­to­pe­di­che, eco­no­mi­che e un fi­lo con­sun­te - la pri­ma ci­fra del suo pon­ti­fi­ca­to. Il con­fron­to era cor­so, ra­pi­do e im­pie­to­so, a qual­che an­no pri­ma: a quel 3 gen­na­io 2010 in cui un col­po di ven­to spo­stò la ve­ste di Be­ne­det­to XVI e mi­se in mo­stra le pre­zio­se slip­pers in cuo­io ros­so che Ra­tzin­ger cal­za­va ai pie­di. Ope­ra di un ar­ti­gia­no no­va­re­se e non di Pra­da, co­me in­ve­ce scris­se un gior­na­le in­gle­se, gli val­se­ro per­si­no l’in­gres­so nel­la clas­si­fi­ca di

Esqui­re de­di­ca­ta agli uo­mi­ni più ele­gan­ti del pia­ne­ta. Il dia­vo­lo, si sa, si na­scon­de nei det­ta­gli e quel det­ta­glio pun­ta drit­to a un te­ma: re­li­gio­ne e moda, lusso e fe­de so­no mon­di co­sì di­stan­ti? O non si so­no, for­se, da sem­pre in­fluen­za­ti fi­no a di­ven­ta­re, in al­cu­ne epo­che sto­ri­che, qua­si in­di­stin­gui­bi­li? Il que­si­to è d’at­tua­li­tà, tan­to da es­se­re il ful­cro di una gran­de mo­stra dal ti­to­lo già di per sé evo­ca­ti­vo: Hea­ven­ly Bo­dies: Fa­shion and the Ca­tho­lic Ima­gi­na­tion ( Cor­pi ce­le­sti: la moda e l’im­ma­gi­na­rio cat­to­li­co).

Or­ga­niz­za­ta dal Me­tro­po­li­tan Mu­seum di New York, è riu­sci­ta a riu­ni­re Do­na­tel­la Ver­sa­ce, An­ne Win­tour, po­ten­te di­ret­to­re di Vo­gue, ri­vi­sta cui è in­ti­to­la­to il Costume In­sti­tu­te del po­lo espo­si­ti­vo, e il cardinal Gian­fran­co Ravasi, che del ca­ta­lo­go ha fir­ma­to la pre­fa­zio­ne. «L’uo­mo è ciò che man­gia, ma po­trem­mo an­che di­re che l’uo­mo è ciò che ve­ste», ha ri­cor­da­to il pre­si­den­te del Pon­ti­fi­cio con­si­glio del­la

cul­tu­ra, ci­tan­do il fi­lo­so­fo te­de­sco Lud­wig Feuer­ba­ch, per spie­ga­re i fi­li che tes­so­no l’in­ces­san­te le­ga­me tra moda e Chie­sa. Fin dal­le ra­di­ci, dal­la Ge­ne­si, quan­do è Dio a ri­co­pri­re di pel­li Eva e Ada­mo cac­cia­ti dall’Eden. «Dio è crea­to­re e sarto. Il ve­sti­to», ha ar­go­men­ta­to an­co­ra Ravasi, «da sem­pre ha un si­gni­fi­ca­to sim­bo­li­co: in tut­te le cul­tu­re ha lo sco­po di pro­teg­ge­re e co­pri­re il cor­po, cu­sto­di­re il mi­ste­ro del­la vi­ta. Tut­te le re­li­gio­ni han­no i lo­ro abi­ti li­tur­gi­ci, che ri­man­go­no in­ve­ce sem­pre nel­lo spa­zio del tra­scen­den­te». E pro­prio per que­sto abi­ti e pa­ra­men­ti del­la li­tur­gia cat­to­li­ca tan­to pre­zio­si da non aver mai ol­tre­pas­sa­to la sa­gre­stia del­la Cap­pel­la Si­sti­na, fa­ran­no par­te di que­sta esposizione sen­za pre­ce­den­ti. Qua­ran­ta pez­zi dal va­lo­re in­cal­co­la­bi­le, tra cui la tiara di Pio IX con dia­man­ti e zaf­fi­ri e un pi­via­le ap­par­te­nu­to a Be­ne­det­to XV in se­ta bian­ca, ri­ca­ma­to in­te­ra­men­te con fi­lo d’oro.

Ma l’in­tui­zio­ne del cu­ra­to­re del­la mo­stra, An­drew Bol­ton - che ha am­mes­so che so­lo per tro­va­re un ac­cor­do con il Va­ti­ca­no ci so­no vo­lu­ti due an­ni e ben ot­to in­con­tri tra “di­plo­ma-

LA SAN­TA SE­DE SI È CON­VIN­TA SO­LO DO­PO DUE AN­NI DI IN­CON­TRI

zie” - è l’ac­co­sta­men­to con la moda più con­tem­po­ra­nea. Già per­ché pa­ra­men­ti e ac­ces­so­ri papali dia­lo­ghe­ran­no con ol­tre 140 crea­zio­ni di Va­len­ti­no e Dol­ce&Gab­ba­na, Ver­sa­ce e Ba­len­cia­ga, Ca­puc­ci e John Gal­lia­no. Sti­li­sti che han­no omag­gia­to o dis­sa­cra­to i sim­bo­li e pa­ra­men­ti cat­to­li­ci, ma con lo stes­so ba­ga­glio cul­tu­ra­le. «L’ele­men­to più in­te­res­san­te è pro­prio que­sto dop­pio bi­na­rio», spie­ga a Gen­te la sto­ri­ca del­la moda So­fia Gno­li ri­flet­ten­do «sull’am­bi­zio­ne di un pro­get­to dif­fi­ci­le e ar­ti­co­la­to». La du­pli­ci­tà con­si­ste, in so­stan­za, nell’espor­re «da un la­to ab­bi­glia­men­to ec­cle­sia­le di al­tis­si­mo li­vel­lo di ar­ti­gia­na­li­tà, dall’al­tro il mo­do in cui quei ri­fe­ri­men­ti han­no in­flui­to sul­la moda di tut­ti i gior­ni». Due mon­di che nel tem­po so­no en­tra­ti an­che in dia­lo­go di­ret­to. Ba­sti pen­sa­re a uno dei pez­zi espo­sti: «La casula ricamata dal­la mai­son fran­ce­se Le­sa­ge in­dos­sa­ta da Gio­van­ni Pao­lo II per la Gior­na­ta mon­dia­le del­la Gio­ven­tù del 1997 a Pa­ri­gi», con­ti­nua la sto­ri­ca. Non so­lo, per­ché gli sti­li­sti ve­sto­no per­si­no la Ma­don­na, se ci pas­sa­te il mo­do di di­re pro­fa­no: Ric­car­do Ti­sci, per esem­pio, ha di­se­gna­to l’abi­to per la sta­tua del­la Vergine del­le Gra­zie di Pa­la­gia­nel­lo, Ta­ran­to, suo pae­se na­ta­le. E a Pa­ri­gi, nel­la chie­sa di No­stra Si­gno­ra del­la Com­pas­sio­ne, Ma­ria è grif­fa­ta Yves Saint Lau­rent.

Tor­nan­do tra le co­mu­ni mor­ta­li, la com­mi­stio­ne af­fon­da al ci­ne­ma del No­ve­cen­to. «Nel 1956», spie­ga la Gno­li, «le sorelle Fon­ta­na di­se­gna­ro­no per Ava Gard­ner una tu­ni­ca mi­di a bot­ton­ci­ni ros­si chia­ma­ta “pre­ti­no”. Ma è in Ro­ma di Fe­de­ri­co Fel­li­ni che as­si­stia­mo al­la pri­ma, vi­sio­na­ria sfi­la­ta ec­cle­sia­sti­ca che poi ha ispi­ra­to il cu­ra­to­re dell’esposizione ame­ri­ca­na. E in un cer­to sen­so ri­tro­via­mo la stes­sa sce­na ri­ma­neg­gia­ta dal ta­len­to di Ro­ber­to Be­ni­gni ne Il pic­co­lo dia­vo­lo, ri­cor­da­te “Mo­del­lo Giu­dit­ta”?». Un gio­co con­ti­nuo di ri­man­di tra il ci­ne­ma, la sar­to­ria­li­tà e la fe­de. Tra vi­ta quo­ti­dia­na e al­ta moda. «Del re­sto la re­li­gio­ne fa par­te del­la vi­ta, ne sia­mo in­tri­si da mil­len­ni: è ine­vi­ta­bi­le che i due mon­di si con­ta­mi­ni­no. E non esi­ste gran­de contraddizione tra lusso e fe­de, so­prat­tut­to nel­la li­tur­gia ro­ma­na». A di­spet­to del­la po­ver­tà pre­di­ca­ta da Fran­ce­sco? For­se più a suo com­ple­ta­men­to. Co­me se il bel­lo fos­se uno stru­men­to in più per ar­ri­va­re al Cie­lo. «Quan­do Pi­cas­so vi­de le ca­su­le di­se­gna­te da Ma­tis­se», ha ri­cor­da­to il cardinal Ravasi per spie­ga­re que­sta ap­pa­ren­te contraddizione, «dis­se: “Que­sti non so­no pa­ra­men­ti sa­cri, ma far­fal­le che vo­la­no nel cie­lo di Dio”».

A PA­RI­GI SAINT LAU­RENT “VE­STE” UNA STA­TUA DI MA­RIA

Tra i pez­zi se­le­zio­na­ti c’è an­che mol­ta, mol­tis­si­ma sto­ria dell’arte. Tra i più stu­pe­fa­cen­ti, l’abi­to in tul­le co­lor zir­co­nio di Va­len­ti­no che ri­man­da agli Ada­mo ed Eva di Lu­cas Cra­na­ch di­pin­ti nel 1526. Un’ope­ra mo­nu­men­ta­le, ricamata con fi­li di 50 co­lo­ri e 2.200 ore di la­vo­ra­zio­ne, fir­ma­ta da Ma­ria Gra­zia Chiu­ri e Pier Pao­lo Pic­cio­li per la sta­gio­ne 2013-2014. E poi an­co­ra i mo­sai­ci bi­zan­ti­ni del Duo­mo si­ci­lia­no di Mon­rea­le, che lo stes­so an­no per­mea­no la moda di Dol­ce & Gab­ba­na. O, più in­die­tro nel tem­po, la pro­vo­ca­zio­ne di Jean Paul Gaul­tier. Nel 2007 il cou­tu­rier fran­ce­se stu­pì con la Vir­gin Col­lec­tion: una teo­ria di pro­vo­ca­to­rie Madonne, per lo più do­len­ti e co­mun­que seduttive. Fra­gi­li e lus­su­rio­se al­lo stes­so tem­po, con il sim­bo­lo del mar­ti­rio, fos­se una corona di spi­ne o una la­cri­ma di san­gue ta­tua­ta in vi­so. Ma an­che una Ma­dre con bam­bi­no ricamata su una tu­ni­ca co­me fos­se la ve­tra­ta di una chie­sa, a ri­chia­ma­re non so­lo il con­te­nu­to del­la pre­ghie­ra, ma an­che il suo (pre­zio­so) con­te­ni­to­re. E poi an­co­ra la cro­ce, il sim­bo­lo più den­so del­la sto­ria cri­stia­na, ri­pro­po­sto - da Gian­ni Ver­sa­ce ne­gli an­ni No­van­ta a Lan­vin in un son­tuo­so abi­to blu not­te ri­sa­len­te all’epo­ca pre-bel­li­ca, so­lo per ci­tar­ne due - ri­ma­neg­gia­to, im­pre­zio­si­to, dis­sa­cra­to. Ma an­che in que­sto c’è un va­lo­re, lo as­si­cu­ra Ravasi in per­so­na. «Si dis­sa­cra so­lo ciò che ha sen­so, ciò che si ri­co­no­sce».

GAUL­TIER PROVOCÒ CON UNA COL­LE­ZIO­NE DI MADONNE SEDUTTIVE

LA TU­NI­CA È UN MOSAICO L’abi­to di Dol­ce&Gab­ba­na, ispi­ra­to ai mo­sai­ci del Duo­mo di Mon­rea­le, è in mo­stra a New York. Tut­te le im­ma­gi­ni di que­sto ser­vi­zio so­no for­ni­te dal Me­tro­po­li­tan Mu­seum of Art; la com­po­si­zio­ne di­gi­ta­le è di Ka­te­ri­na Jebb. Crea­ta nel 1854, que­sta è la tiara in zaf­fi­ri, sme­ral­di e dia­man­ti in­dos­sa­ta da Pio IX, ul­ti­mo Pa­pa re. Il va­lo­re del­la corona è ine­sti­ma­bi­le.

MADONNE ISPANICHE E MITRE PAPALI NEL SE­GNO DELL’ORO Lo sti­le ec­cle­sia­sti­co più son­tuo­so con­ta­mi­na per­si­no gli abi­ti da spo­sa del­le col­le­zio­ni d’al­ta moda. E que­sti mo­del­li ne so­no la di­mo­stra­zio­ne. A si­ni­stra, l’oro e la corona con ve­lo del­le Ver­gi­ni an­da­lu­se per Dol­ce&Gab­ba­na del 2013. A de­stra, John Gal­lia­no per Dior nel­la sta­gio­ne 2000-2001, con tan­to di man­tel­li­na e mi­tra pon­ti­fi­cie ri­ca­ma­te con il più pre­zio­so dei me­tal­li. PER QUE­STO RICAMO 2.200 ORE DI LA­VO­RO Cin­quan­ta fi­li di co­lo­ri di­ver­si la­vo­ra­ti da ma­ni esper­te per 2.200 ore com­ples­si­ve: l’ar­ti­gia­na­to di Va­len­ti­no rag­giun­ge vet­te estre­me in que­sta ope­ra che sfi­lò nel 2013 a Pa­ri­gi.

IL SIM­BO­LO PIÙ PRE­ZIO­SO La giac­ca dal ta­glio se­ve­ro pren­de vi­ta con la cro­ce ricamata in pie­tre pre­zio­se: l’idea di La­croix del 1988 è sta­ta poi in­fi­ni­ta­men­te ri­pro­dot­ta.

CROCI E VETRATE: IL COR­PO CO­ME UNA CHIE­SA A si­ni­stra, la tu­ni­ca mo­no­spal­la di Jean Paul Gaul­tier da­ta­ta 2007: ap­par­te­ne­va al­la Vir­gin Col­lec­tion de­di­ca­ta al­la fi­gu­ra di Ma­ria e ri­pro­du­ce una Ma­don­na con Bam­bi­no sti­liz­za­ta co­me fos­se una ve­tra­ta di una cat­te­dra­le. Al cen­tro e a de­stra, il sim­bo­lo del­la cro­ce ri­vi­si­ta­to ri­spet­ti­va­men­te in oro e chia­ve bi­zan­ti­na da Gian­ni Ver­sa­ce per la sta­gio­ne 1997-1998 e in se­ta blu da Lan­vin nel 1939.

UNA SPO­SA DA PRO­CES­SIO­NE Nel 2009 Ch­ri­stian La­croix pro­po­ne una spo­sa che ri­nun­cia al bian­co, ma che di­ven­ta al­lo stes­so tem­po una Ma­don­na opu­len­ta e in­fio­ra­ta, co­me nel­la Set­ti­ma­na San­ta in Spa­gna o nel­le pro­ces­sio­ni nel Sud d’Ita­lia. LUSSO E FE­DE, LA CONTRADDIZIONE NON C’È Do­na­tel­la Ver­sa­ce, 62 an­ni, con il cardinal Gian­fran­co Ravasi, 75, pre­si­den­te del Pon­ti­fi­cio con­si­glio del­la cul­tu­ra. La sti­li­sta è tra i pro­mo­to­ri dell’esposizione, mon­si­gnor Ravasi ha cu­ra­to la pre­fa­zio­ne al ca­ta­lo­go, di­cen­do: «Dio è an­che sarto. Non c’è contraddizione tra lusso e fe­de».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.