Ru­pert Eve­rett di­ven­ta Oscar Wil­de

«LUI FI­NÌ IN PRIGIONE PER­CHÉ GAY, IO HO RI­SCHIA­TO DI PREN­DE­RE UNA STRA­DA SEN­ZA RI­TOR­NO», DI­CE L’AT­TO­RE. «MI SO­NO SALVATO GRA­ZIE ALL’EDU­CA­ZIO­NE MI­LI­TA­RE DEL­LA MIA FA­MI­GLIA. A PRO­PO­SI­TO, TOR­NO A VI­VE­RE CON MAM­MA»

GENTE - - Sommario - DI SA­RA RE­COR­DA­TI

Di Oscar Wil­de mi com­muo­vo­no più le de­bo­lez­ze che il ge­nio: quel­lo lo co­no­sco­no già tut­ti», ci confida l’af­fa­sci­nan­te Ru­pert Eve­rett nel lus­suo­so sa­lot­to di un ho­tel mi­la­ne­se. «In­ve­ce io rac­con­to la va­ni­tà, l’in­gor­di­gia e lo sno­bi­smo che lo por­ta­ro­no all’au­to­di­stru­zio­ne». L’at­to­re par­la del film The Hap­py Prin­ce (il prin­ci­pe fe­li­ce), in que­sti gior­ni al ci­ne­ma, che pren­de il ti­to­lo da un rac­con­to per bam­bi­ni di Wil­de («Mam­ma me lo leg­ge­va da pic­co­lo», ri­cor­da Ru­pert) e nar­ra una vi­cen­da tutt’al­tro che lie­ta.

Nel 1895 Oscar Wil­de era l’uo­mo più fa­mo­so e am­mi­ra­to di Lon­dra, po­co do­po per­se tut­to, con­dan­na­to a due an­ni di car­ce­re du­ro per omo­ses­sua­li­tà. Il film rac­con­ta il de­cli­no del­lo scrit­to­re: dal­la scar­ce­ra­zio­ne, quan­do gon­fio, ma­la­to, sen­za de­na­ro, di­men­ti­ca­to qua­si da tut­ti, si tra­sci­nò in au­toe­si­lio sot­to fal­so no­me tra la Nor­man­dia e Na­po­li, fi­no al­la mor­te, av­ve­nu­ta a Pa­ri­gi, do­ve og­gi la sua tom­ba al ci­mi­te­ro Pè­re-La­chai­se è me­ta di pel­le­gri­nag­gi co­me quel­la di Jim Mor­ri­son.

«Una sto­ria dav­ve­ro tra­gi­ca, qua­si quan­to quel­la di Cri­sto. Wil­de fu osan­na­to per il suo ge­nio, poi umi­lia­to, de­ri­so e di­men­ti­ca­to. E do­po la mor­te è “ri­sor­to”, è sta­to esal­ta­to», spie­ga l’at­to­re, che non ha mai fat­to mi­ste­ro del­la pro­pria omo­ses­sua­li­tà e con­si­de­ra Wil­de il pun­to di par­ten­za per il mo­vi­men­to di li­be­ra­zio­ne gay. «Un at­to­re che in­vec­chia ri­ce­ve po­che pro­po­ste, spes­so ter­ri­bi­li. Io ho sem­pre pen­sa­to che bi­so­gna in­ven­tar­si il pro­prio de­sti­no, per­ciò ho scrit­to que­sto film per me e al­la fi­ne l’ho an­che di­ret­to. Mi ci so­no vo­lu­ti die­ci an­ni, nei qua­li so­no di­ven­ta­to Oscar Wil­de, tan­to che in sce­na, an­che se non sem­bra, il truc­co era

al mi­ni­mo. So­lo par­ruc­ca, una pro­te­si in boc­ca per al­lar­ga­re la ma­scel­la e una tu­ta in­gras­san­te sot­to gli abi­ti».

Wil­de avreb­be po­tu­to con­ti­nua­re la sua vi­ta di suc­ces­si sen­za sfi­da­re aper­ta­men­te le re­go­le del­la so­cie­tà. In­ve­ce si espo­se al­la ven­det­ta quan­do de­ci­se di fa­re cau­sa al pa­dre del suo in­na­mo­ra­to Bo­sie, che in una no­ta gli ave­va da­to del so­do­mi­ta. «Che poi era ve­ro! Ma Oscar si con­si­de­ra­va al di so­pra del­le re­go­le. Il suc­ces­so l’ave­va re­so com­ple­ta­men­te cie­co». An­che Eve­rett, nel­la sua car­rie­ra, ha pre­so qual­che sban­da­ta. «Quan­do sei gio­va­ne, bel­lo e tut­ti vo­glio­no fa­re ses­so con te, ten­di a per­de­re la te­sta. Co­me Oscar, io so­no va­ni­to­so. La mia for­tu­na è sta­ta una car­rie­ra-ot­to­vo­lan­te: un ta­le al­ter­nar­si di al­ti e bas­si che mi ha co­stret­to a te­ne­re i pie­di per ter­ra. A sal­var­mi è sta­ta an­che l’edu­ca­zio­ne mi­li­ta­re che ho ri­ce­vu­to dal­la mia fa­mi­glia [ il pa­dre An­tho­ny era mag­gio­re dell’eser­ci­to bri­tan­ni­co e la ma­dre, Sa­ra, è fi­glia di un vi­ceam­mi­ra­glio, ndr]. Nei mo­men­ti in cui ri­schia­vo di im­boc­ca­re la stra­da dell’ec­ces­so e del non ri­tor­no, il sen­so del li­mi­te mi ha salvato ri­por­tan­do­mi sul­la ret­ta via. Da ra­gaz­zo de­te­sta­vo le re- go­le, con gli an­ni ho im­pa­ra­to il va­lo­re del­la di­sci­pli­na».

Og­gi, a 58 an­ni, spie­ga di non es­se­re più il ra­gaz­zac­cio che ama­va le fe­ste, la droga e che per un pe­rio­do è sta­to gi­go­lò, ma un uo­mo più sag­gio ed equi­li­bra­to. «So­no re­gre­di­to al pun­to che ho de­ci­so che dall’esta­te tor­ne­rò a vi­ve­re con mia ma­dre. E vi­sto che lei è una ve­ra do­mi­na­tri­ce non sa­rà fa­ci­le, ma è mol­to an­zia­na e mi sem­bra­va giu­sto star­le vi­ci­no. È da quan­do ave­vo 15 an­ni che non vi­via­mo in­sie­me». Nell’au­to­bio­gra­fia An­ni sva­ni­ti Ru­pert rac­con­ta­va di aver sof­fer­to quan­do fu man­da­to in collegio in te­ne­ra età. «So­no cre­sciu­to in un mo­na­ste­ro dal qua­le fug­gi­vo di na­sco­sto con gli ami­ci di scor­ri­ban­de. Da pic­co­lo pa­ti­vo la so­li­tu­di­ne, poi cre­scen­do ho ap­prez­za­to l’in­di­pen­den­za».

Fu at­tra­ver­so i film che gli mo­stra­va­no a scuo­la che sco­prì l’amo­re per il ci­ne­ma. «So­prat­tut­to quel­lo ita­lia­no, di Fran­co Zef­fi­rel­li e di Mi­che­lan­ge­lo An­to­nio­ni. Ho sem­pre avu­to un le­ga­me mol­to stret­to con la vo­stra cul­tu­ra. So­no sta­to fe­li­cis­si­mo di gi­ra­re The Hap­py Prin­ce an­che a Na­po­li, do­ve Oscar Wil­de e Bo­sie fe­ce­ro una lun­ga fu­ga d’amo­re nel 1897. Ho an­che tro­va­to l’ap­par­ta­men­to di Po­sil­li­po do­ve han­no vis­su­to. Og­gi ci abi­ta una pia­ni­sta che ha suo­na­to per me in una not­te d’esta­te con la lu­na pie­na che il­lu­mi­na­va il Ve­su­vio: è sta­to tal­men­te ro­man­ti­co... Sen­ti­vo lo spi­ri­to di Oscar vi­ci­no, co­sa che in­ve­ce non ho av­ver­ti­to nel­la stan­za di Pa­ri­gi do­ve è mor­to: lì non ho sen­ti­to nul­la. Cre­do che Na­po­li sia un po­sto mol­to pro­pi­zio per ri­tro­va­re i fan­ta­smi. Ado­ro an­che Mi­la­no, do­ve ho tan­ti ami­ci nel mon­do del­la moda, e Ro­ma, do­ve la­vo­ro ades­so». Sta in­fat­ti gi­ran­do la se­rie Rai Il no­me del­la ro­sa a Ci­ne­cit­tà. Avrem­mo scom­mes­so di tro­var­lo dei pan­ni che fu­ro­no del fa­sci­no­so Sean Con­ne­ry. «In­ve­ce in­ter­pre­to il ruo­lo del fra­te in­qui­si­to­re Ber­nar­do Guy, che fu di F. Mur­ray Abra­ham. È bel­lis­si­mo fa­re co­se or­ri­bi­li nei pan­ni di un per­fi­do mo­na­co: so­no cre­sciu­to nel mon­do cat­to­li­co, mi sen­to per­fet­ta­men­te a mio agio», ri­dac­chia. «Un ruo­lo da cat­ti­vo è mol­to più di­ver­ten­te».

«LA VA­NI­TÀ CI ACCOMUNA. MA LUI NON RI­SPET­TA­VA AL­CU­NA RE­GO­LA»

SI È “GON­FIA­TO” PER SOMIGLIARGLI Ru­pert Eve­rett, 58 an­ni, da­van­ti al ma­re di Na­po­li è Oscar Wil­de in The Hap­py Prin­ce, al ci­ne­ma in que­sti gior­ni (il film è di­stri­bui­to da Pa­lo­mar). Per tra­sfor­mar­si nel gran­de scrit­to­re, l’at­to­re (sot­to, al na­tu­ra­le) in­dos­sa­va una tu­ta in­gras­san­te, la par­ruc­ca e una pro­te­si nel­la man­di­bo­la per ap­pa­ri­re gon­fio.

di Sa­ra Re­cor­da­ti UN AMO­RE IN FU­GA Sot­to, Oscar Wil­de (1854-1900) con l’uo­mo che ama­va, lord Al­fred Bo­sie Dou­glas (18701945). A de­stra, la cop­pia, in­ter­pre­ta­ta da Eve­rett e Co­lin Mor­gan, 32 an­ni, du­ran­te la lo­ro lun­ga fu­ga d’amo­re a Na­po­li nel 1897. «CHE FA­TI­CA TRASFORMARMI IN LUI: CI HO IM­PIE­GA­TO DIE­CI AN­NI» Eve­rett in una po­sa lan­gui­da ti­pi­ca di Wil­de (a si­ni­stra). «Per que­sto ruo­lo non ho avu­to bi­so­gno di tan­to truc­co. Me­ri­to an­che dei bra­vi co­stu­mi­sti ita­lia­ni: Mau­ri­zio Mil­le­not­ti e Gian­ni Ca­sal­nuo­vo. Piut­to­sto, i die­ci an­ni che ci so­no vo­lu­ti per scri­ve­re la sce­neg­gia­tu­ra, tro­va­re i finanziamenti e fa­re il film mi han­no per­mes­so di di­ven­ta­re lui. Ora cer­co di far­lo usci­re dal­la mia vi­ta, ma non è fa­ci­le», di­ce Ru­pert, gay co­me Wil­de.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.