Un do­cu-film fa lu­ce sull’or­ri­bi­le in­fan­zia di Whit­ney Hou­ston

A 7 AN­NI LA FU­TU­RA POP­STAR VEN­NE MOLESTATA DA DEE DEE WARWICK, CHE LE DA­VA LE­ZIO­NI DI CAN­TO E AVE­VA DI­CIOT­TO AN­NI PIÙ DI LEI. «QUEL­LA VIO­LEN­ZA L’HA SE­GNA­TA E POR­TA­TA AL­LA TRA­GI­CA FI­NE», SPIE­GA IL RE­GI­STA

GENTE - - Sommario - DI SARA RECORDATI

Un vi­so d’an­ge­lo, una vo­ce straor­di­na­ria e un de­sti­no tra­gi­co. Un de­sti­no che ini­ziò a pren­de­re for­ma quan­do Whit­ney Hou­ston ave­va ap­pe­na 7 an­ni e fu abu­sa­ta ses­sual­men­te da una cu­gi­na, che ne ave­va di­ciot­to più di lei. L’or­ro­re, dun­que, po­po­lò l’in­fan­zia del­la fu­tu­ra pop­star, la stes­sa che ne­gli an­ni No­van­ta avreb­be se­dot­to il mon­do can­tan­do I will al­ways lo­ve you, il sin­go­lo più ven­du­to da una don­na.

Que­sta è la sto­ria che il re­gi­sta Ke­vin Ma­cDo­nald, no­to per il plu­ri­pre­mia­to film

L’ul­ti­mo re di Sco­zia, rac­con­ta nel do­cu­men­ta­rio che ha scioc­ca­to e com­mos­so il Fe­sti­val di Can­nes. In­ti­to­la­to sem­pli­ce­men­te

Whit­ney (ar­ri­ve­rà nel­le sa­le a fi­ne an­no), sve­la il la­to oscu­ro del­la vi­ta del­la di­va che ha ven­du­to più di 200 mi­lio­ni di di­schi pri­ma di an­ne­ga­re nel­la va­sca da ba­gno del Be­ver­ly Hil­ton di Los An­ge­les, a 48 an­ni, l’11 feb­bra­io 2012. Ave­va in­ge­ri­to un mix di dro­ga e far­ma­ci. «Non so­no mai sta­to un gran­de fan di Whit­ney Hou­ston pri­ma di gi­ra­re que­sto film», rac­con­ta il re­gi­sta. «Ma ero in­can­ta­to dal­la ca­ri­ca emo­ti­va del­la sua vo­ce. Co­mu­ni­ca­va più at­tra­ver­so il suo­no che con i te­sti. L’al­tra co­sa che mi in­te­res­sa­va di lei era il suo de­sti­no tra­gi­co. Sa­pe­vo che esi­ste­va­no se­gre­ti e bugie da sma­sche­ra­re e co­sì ho co­min­cia­to la mia in­da­gi­ne in­ter­vi­stan­do ol­tre set­tan­ta per­so­ne, suoi pa­ren­ti e ami­ci, e vi­sio­nan­do tan­tis­si­mo ma­te­ria­le ine­di­to. Ne è usci­ta una ve-

ri­tà dram­ma­ti­ca, che l’ha se­gna­ta per sem­pre». Un’in­da­gi­ne che i cri­ti­ci han­no de­fi­ni­to qua­si psi­ca­na­li­ti­ca e che ha per­mes­so ai pa­ren­ti, che han­no col­la­bo­ra­to e pro­dot­to il film, di ela­bo­ra­re la tra­ge­dia. «Am­mi­ro la fa­mi­glia per aver­mi la­scia­to rac­con­ta­re quel­lo che vo­le­vo».

Il do­cu­men­ta­rio ri­ve­la che Whit­ney, quan­do era so­lo una bam­bi­na del­le ele­men­ta­ri, fu molestata dal­la cu­gi­na Dee Dee Warwick - so­rel­la mi­no­re del­la più ce­le­bre Dion­ne - che ave­va di­ciot­to an­ni più di lei e le in­se­gna­va a can­ta­re (la don­na è scom­par­sa a 63 an­ni, in se­gui­to a pro­ble­mi di dro­ga, nel 2008). Que­sta la dram­ma­ti­ca con­fes­sio­ne ri­la­scia­ta nel cor­so del film dall’as­si­sten­te del­la Hou­ston, e sua uni­ca con­fi­den­te, Mary Jo­nes. «Un gior­no par­la­va­mo di mia so­rel­la che fu molestata da ra­gaz­zi­na», rac­con­ta la don­na nel do­cu­men­ta­rio. «E Whit­ney ri­ve­lò con le la­cri­me agli oc­chi: “È suc­ces­so an­che a me ed è sta­ta una don­na”. Le chiesi se ne aves­se mai par­la­to con la ma­dre. “No”, ri­spo­se, “per­ché te­mo la sua rea­zio­ne”. Pen­so che si ver­go- gnas­se. Di­ce­va: “Mi chie­do se non ho fat­to qual­co­sa per far pen­sa­re a Dee Dee di vo­ler­la”. Io le dis­si di smet­ter­la. Un mo­le­sta­to­re è so­lo un mo­le­sta­to­re.

Se Cis­sy [ Emi­ly “Cis­sy” Hou­ston, la ma­dre di Whit­ney, ndr] lo aves­se sa­pu­to, avreb­be fat­to qual­co­sa, per­ché Cis­sy ama i suoi fi­gli». Un rac­con­to che vie­ne poi con­fer­ma­to dal fra­tel­la­stro di Whit­ney, Ga­ry, che con­fes­sa di es­se­re sta­to mo­le­sta­to an­che lui dal­la stes­sa cu­gi­na fra i 7 e i 9 an­ni. Ga­ry non era pre­sen­te a Can­nes per so­ste­ne­re il film, ma in com­pen­so c’era­no sua mo­glie e sua fi­glia a te­sti­mo­nia­re la ve­ri­di­ci­tà del­la sto­ria.

Se­con­do mol­ti che l’han­no co­no­sciu­ta, Whit­ney era le­sbi­ca, ma non eb­be mai il co­rag­gio di vi­ve­re li­be­ra­men­te la pro­pria ses­sua­li­tà, pro­prio a cau­sa dei trau­mi in­fan­ti­li. Pre­fe­rì, in­ve­ce, spo­sa­re il can­tan­te Bob­by Bro­wn nel 1992, an­no in cui uscì il film

Guar­dia del cor­po. Whit­ney era all’api­ce del­la car­rie­ra. An­ni do­po Ke­vin Cost­ner, suo part­ner in quel film, am­mi­se di es­ser­si in­na­mo­ra­to del­la di­va sul set, ma di es­se­re sta­to in­ca­pa­ce di con­fes­sa­re i suoi sen­ti­men­ti. In­som­ma, pro­prio quan­do avreb­be po­tu­to ave­re tut­to, la pop­star co­min­ciò a pre­ci­pi­ta­re nell’au­to­di­stru­zio­ne. Bob­by Bro­wn la av­vi­ci­nò al­la dro­ga e so­prat­tut­to la pic­chiò per an­ni, no­no­stan­te lo ne­gas­se­ro en­tram­bi. Lei ri­co­min­ciò a vi­ve­re do­po il di­vor­zio, nel 2007, ma non tor­nò più la stes­sa. No­no­stan­te aves­se ten­ta­to a più ri­pre­se di di­sin­tos­si­car­si, non uscì mai dal tun­nel del­la dro­ga e i suoi ul­ti­mi an­ni fu­ro- no se­gna­ti da can­cel­la­zio­ni di con­cer­ti, sce­na­te im­ba­raz­zan­ti e cri­si de­pres­si­ve. «Nes­su­no mi fa fa­re qual­co­sa se non vo­glio», rac­con­tò Whit­ney in una ce­le­bre in­ter­vi­sta te­le­vi­si­va del 2002. «Ogni co­sa che fac­cio è una mia de­ci­sio­ne. Quin­di il mio più gran­de de­mo­ne so­no io: so­no il mio mi­glior ami­co e an­che il mio peg­gior ne­mi­co». La real­tà fu che Bob­by era in­vi­dio­so del suo suc­ces­so e la co­stin­se a fa­re di­ver­si pas­si in­die­tro, an­nien­tan­do­la a po­co a po­co. An­che la lo­ro uni­ca fi­glia, Bob­bi Kri­sti­na, fi­nì tra­gi­ca­men­te a 22 an­ni esat­ta­men­te co­me la ma­dre: fu ri­tro­va­ta in una va­sca da ba­gno, uc­ci­sa da un’over­do­se, nel 2015.

« C’era qual­co­sa di mol­to di­stur­ba­to in Whit­ney, co­me se non si sen­tis­se mai a suo agio nei pro­pri pan­ni», ha spie­ga­to an­co­ra il re­gi­sta. « Sem­bra­va ases­sua­ta. Era una don­na bel­lis­si­ma, ma non era mai par­ti­co­lar­men­te se­xy. Ho vi­sto e fat­to in­ter­vi­ste con per­so­ne che ave­va­no su­bi­to abu­si ses­sua­li du­ran­te l’in­fan­zia e c’era qual­co­sa nel suo mo­do di fa­re che mi ri­cor­da­va quel ti­po di com­por­ta­men­to». La dif­fi­col­tà mag­gio­re del film, spie­ga, è sta­ta do­ver­si scon­tra­re con l’opa­ci­tà che cir­con­da­va la can­tan­te. «Le sue in­ter­vi­ste ri­sul­ta­va­no sem­pre ba­na­li e as­sai su­per­fi­cia­li. Non ri­ve­la­va mai nul­la di se stes­sa, ma fu pro­prio que­sto a far­mi so­spet­ta­re che ci fos­se sot­to un mistero».

«Tut­ti l’ama­va­no», ri­pe­te spes­so l’ad­do­lo­ra­ta ma­dre Cis­sy nel do­cu­men­ta­rio. «Ma ora so che lei ri­ma­se per sem­pre una bam­bi­na e che de­si­de­ra­va so­lo ri­tro­va­re la stra­da di ca­sa». In­fi­ne l’ama­ra con­clu­sio­ne del re­gi­sta: «Whit­ney sof­fri­va dav­ve­ro per i trop­pi se­gre­ti e quel­li, se non li af­fron­ti, non se ne van­no mai».

da Can­nes (Fran­cia) Sara Recordati AN­CHE LEI NON C’È PIÙ La can­tan­te Dee Dee Warwick (1945-2008) è la cu­gi­na che se­con­do l’as­si­sten­te di Whit­ney Hou­ston mo­le­stò la fu­tu­ra pop­star (a de­stra; 19632012) quan­do ave­va 7 an­ni. TRO­VA­RE LA VE­RI­TÀ È UN AFFARE DI FA­MI­GLIA Can­nes (Fran­cia). Il re­gi­sta di Whit­ney, Ke­vin Ma­cDo­nald, 50 an­ni, ha sfi­la­to con la pro­dut­tri­ce del do­cu-film Pa­tri­cia Hou­ston, 48 (la co­gna­ta di Whit­ney Hou­ston), e sua fi­glia Ra­yah, 19.

E POI LA FI­GLIA, AL­TRA TRA­GE­DIA Whit­ney con la fi­glia Bob­bi Kri­sti­na (19932015), scom­par­sa a cau­sa di una over­do­se tre an­ni do­po la ma­dre.

L’AMO­RE MAI SBOCCIATO CON KE­VIN COST­NER PO­TE­VA SALVARLA Ke­vin Cost­ner, og­gi 63 an­ni, con Whit­ney Hou­ston in una sce­na di Guar­dia del cor­po, del 1992. L’at­to­re ha di­chia­ra­to suc­ces­si­va­men­te di es­ser­si in­na­mo­ra­to del­la bel­lis­si­ma pop­star, ma di non es­se­re sta­to ca­pa­ce di dir­glie­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.