N ino Fras­si­ca: «Il­mio gos­sip in­ven­ta­to»

«LA MIA “NO­VEL­LA BEL­LA” È LA RI­VI­STA PIÙ IM­POR­TAN­TE D’ITA­LIA», SCHER­ZA IL CO­MI­CO, CHE HA PUB­BLI­CA­TO UN LI­BRO CON TUT­TE LE EDI­ZIO­NI. «NON CI IMPRESSIONA PIÙ NUL­LA, PER­CIÒ IO CREO NO­TI­ZIE ESAGERATE»

GENTE - - Sommario - DI SA­RA RECORDATI

O gni do­me­ni­ca se­ra, du­ran­te la pun­ta­ta di Che tem­po che fa su Ra­iu­no, Ni­no Fras­si­ca leg­ge in di­ret­ta le esi­la­ran­ti no­ti­zie di

No­vel­la Bel­la, di cui è il di­ret­to­re. Con il suo ti­pi­co sti­le sur­rea­le, in po­chi mi­nu­ti si fa bef­fe dei per­so­nag­gi più in vi­sta del­la te­le­vi­sio­ne e dei gior­na­li. Fras­si­ca, che è an­che l’ama­to ma­re­scial­lo Cec­chi­ni di Don Mat­teo e l’odio­so fra Gia- cin­to di La ma­fia uc­ci­de so­lo d’esta­te, ha ora rac­col­to le più ce­le­bri fra quel­le bat­tu­te in un li­bro, No­vel­la Bel­la (ed. Mon­da­do­ri), nel qua­le enun­cia: “Que­sta è la sto­ria del più im­por­tan­te gior­na­le ita­lia­no. Io so­no di­ret­to­re e an­che vi­ce­di­ret­to­re, per­ché mi so­sti­tui­sco in ca­so di as­sen­za”. L’ab­bia­mo in­ter­vi­sta­to per far­ci rac­con­ta­re co­me na­sco­no le sue tro­va­te ful­mi­nan­ti.

Fras­si­ca, ha de­ci­so di far­ci con­cor­ren­za pub­bli­can­do una ri­vi­sta?

«Voi di Gen­te non do­ve­te te­mer­mi per­ché il mio gior­na­le è un no­ven­na­le: esce ogni no­ve an­ni in tut­te le edi­co­le, li­bre­rie, ma­cel­le­rie e pic­co­le di­stil­le­rie».

Quan­do è na­to No­vel­la Bel­la?

«Tut­to ha avu­to ini­zio nel mio Pro­gram­mo

ne di Ra­dio­due, in on­da il sa­ba­to e la do­me­ni­ca: un gran­de va­rie­tà, do­ve ho co­min­cia­to a da­re no­ti­zie di gos­sip e fe­ste mon­da­ne. Poi l’ho por­ta­to a Che tem­po che

fa da Fa­zio, che mi fa da spal­la. In te­le­vi­sio­ne mi pos­so sbiz­zar­ri­re fa­cen­do ve­de­re i fa­vo­lo­si gad­get che pro­po­nia­mo as­sie­me al­la ri­vi­sta. Un tem­po i gior­na­li re­ga­la­va­no di tut­to: da una can­na da pe­sca in­te­ra al­la car­roz­zi­na con un bam­bi­no den­tro. Con il nu­me­ro 35 di No­vel­la Bel­la, per esem­pio, al­le­ghia­mo un quin­ta­le di mat­to­ni per ini­zia­re a co­strui­re la ca­sa del­le va­can­ze».

Quan­te se ne in­ven­ta­no pur di ven­de­re.

« Quan­do ero pic­co­lo mia ma­dre e le

mie so­rel­le leg­ge­va­no Gen­te: al­lo­ra ba­sta­va po­co per scan­da­liz­za­re e at­ti­ra­re l’at­ten­zio­ne. Spes­so era suf­fi­cien­te rac­con­ta­re la ve­ri­tà. Ora sia­mo abi­tua­ti a tut­to, ab­bia­mo vi­sto tut­to e non ci fa im­pres­sio­ne nien­te. Per­ciò ogni no­ti­zia de­ve es­se­re esa­ge­ra­ta: non ba­sta di­re che uno ha l’aman­te, de­ve aver­ne do­di­ci den­tro l’ar­ma­dio e quat­tro sot­to il let­to».

Rie­sce an­che a far­si pub­bli­ci­tà?

« Ogni tan­to man­do i miei ni­po­ti al­la di­ret­ta del­la mes­sa do­me­ni­ca mat­ti­na, su Re­te 4. Im­prov­vi­sa­men­te lo­ro ti­ra­no fuo­ri il gior­na­le e tut­ti lo ve­do­no».

Per­ché pren­de in gi­ro i gior­na­li e i gior­na­li­sti?

«Per la ri­pe­ti­ti­vi­tà del­le no­ti­zie, pie­ne di luo­ghi co­mu­ni. La no­stra co­per­ti­na più ven­du­ta è quel­la con Be­len fer­ma in coda al se­ma­fo­ro. Ma pren­dia­mo in gi­ro an­che i ta­lent e il suc­ces­so del­la te­le­vi­sio­ne del do­lo­re di Bar­ba­ra D’Ur­so che, co­me rac­con­tia­mo, so­gna di por­ta­re in tra­smis­sio­ne un omi­ci­dio in di­ret­ta. Di­ver­ti­men­to pu­ro: quan­do scri­vo a ca­sa al mio com­pu­ter ri­do da so­lo».

Do­ve tro­va l’ispi­ra­zio­ne?

«Tra­scor­ro mol­te ore guar­dan­do la te­le­vi- sio­ne al po­me­rig­gio per ve­de­re che co­sa suc­ce­de. So­prat­tut­to Po­me­rig­gio Li­ve, La

vi­ta in di­ret­ta, Blob, ma an­che i rea­li­ty e i ta­lent. Mi ispi­ra­no la con­fu­sio­ne, le la­cri­me, lo sfrut­ta­men­to del­la sof­fe­ren­za: tut­to quel­lo che fa spet­ta­co­lo. Nel nu­me­ro 25 di No­vel­la Bel­la c’è un’intervista esclu­si­va a Vin­cen­zo di Uo­mi­ni e don­ne che si sca­glia con­tro Vit­to­ria la bel­la tro­ni­sta e in­vei­sce: “Tu stai con Mar­co per­ché è in­tel­li­gen­te, in­ve­ce di sta­re con me che so­no tut­to sce­mo!”». Mi in­cu­rio­si­sce an­che l’ac­ca­ni­men­to su cer­ti per­so­nag­gi e l’in­ven­tar­si di sa­na pian­ta sto­rie non ve­re.

La po­li­ti­ca non le in­te­res­sa?

« Cer­can­do la co­mi­ci­tà pu­ra non va­do a ro­vi­sta­re in ar­go­men­ti se­ri co­me la po­li­ti­ca. Se par­li del go­ver­no de­vi es­se­re in­for­ma­to e non su­per­fi­cia­le, ti de­vi schie­ra­re e hai del­le re­spon­sa­bi­li­tà. È un al­tro me­stie­re e do­po un po’ mi spa­ven­ta, per­ché la sa­ti­ra è pe­san­te. Io in­ve­ce fac­cio sur­rea­li­smo pu­ro, so­no leg­ge­ro e sen­za re­spon­sa­bi­li­tà. E cer­co di sfug­gi­re al­la ba­na­li­tà, al­la bat­tu­ta che fan­no tut­ti co­me quel­la ov­via su Car­lo Con­ti che è trop­po ab­bron­za­to. In­fat­ti il no­stro ul­ti­mo scoop era su Gerry Scotti, che è sta­to vi­sto en­tra­re nel ba­gno de­gli uo­mi­ni».

Qua­li ar­go­men­ti piac­cio­no di più ai suoi let­to­ri?

«An­che in que­st’epo­ca di cri­si dei gior­na­li, au­men­ta­no in edi­co­la le ri­vi­ste de­di­ca­te ai pet­te­go­lez­zi. Chi, Co­me, Do­ve, Quan

do, Per­ché: se do­ves­si crear­ne una nuo­va fa­rei fa­ti­ca a tro­va­re un no­me di una so­la pa­ro­la non an­co­ra uti­liz­za­to. Al­le per­so­ne pia­ce sa­pe­re tut­to del mon­do dei vip che a lo­ro sem­bra tan­to lon­ta­no. Se rac­con­ti la vi­ta del far­ma­ci­sta sot­to ca­sa non in­te­res­sa a nes­su­no. Se in­ve­ce de­scri­vi co­me so­no i Pooh la mat­ti­na ap­pe­na sve­gli, i let­to­ri ti se­guo­no vo­len­tie­ri. Spes­so non san­no che non è ve­ro nien­te: è tut­to fu­mo e nien­te ario­sto».

«L’UL­TI­MO SCOOP CHE HO FAT­TO RI­GUAR­DA­VA GERRY SCOTTI: CLA­MO­RO­SO, È STA­TO VI­STO EN­TRA­RE NEL BA­GNO DE­GLI UO­MI­NI»

AL NA­TU­RA­LE Ni­no Fras­si­ca, 67 an­ni, non si tin­ge più: ec­co­lo con bar­ba e ca­pel­li cor­ti, bian­chi, pron­to a gi­ra­re una nuo­va com­me­dia in Ca­la­bria sul­la ’ndran­ghe­ta. Sot­to, il suo vo­lu­me No­vel­la Bel­la (Mon­da­do­ri), rac­co­glie le mi­glio­ri bat­tu­te del gior­na­le sur­rea­le di cui è di­ret­to­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.