Kit ty Spen­cer: co­me ziaDia­na fa gi­ra­re tut­ti

L’IN­FAN­ZIA IN SU­DA­FRI­CA, L’AR­RI­VO A LON­DRA A 18 AN­NI, LE FE­STE, LE SFILATE PER DOL­CE & GAB­BA­NA. CHI È LA NI­PO­TE DI LA­DY D, BEL­LA CO­ME UN AN­GE­LO, MA DAL­LA VI­TA... PO­CO PRINCIPESCA

GENTE - - Sommario - DI FE­DE­RI­CA CA­POZ­ZI

Suc­ce­de sem­pre, a ogni ma­tri­mo­nio che si ri­spet­ti. A un cer­to pun­to, per un mi­nu­to sol­tan­to, un’ora, a vol­te l’in­te­ra gior­na­ta, c’è qual­cu­no che ru­ba la sce­na al­la spo­sa. Al­le noz­ze di Wil­liam e Ka­te fu Pip­pa Midd­le­ton, la so­rel­la-da­mi­gel­la fa­scia­ta in un abi­to trop­po bian­co, trop­po se­xy, una lun­ga fi­la di bot­ton­ci­ni ad ac­com­pa­gna­re l’oc­chio fi­no a un se­de­re da mo­del­la, che fe­ce par­la­re di sé as­sai più del vi­si­no del­la pro­prie­ta­ria. Set­te an­ni più tar­di, agli at­te­si spon­sa­li di Har­ry e Me­ghan del 19 mag­gio, è sta­to il tur­no di un’al­tra fan­ciul­la di cat­tu­ra­re i fla­sh dei fo­to­gra­fi e l’at­ten­zio­ne del mon­do.

Bion­da, se­ra­fi­ca, di ver­de ve­sti­ta - e

“chi di ver­de si ve­ste di sua bel­tà si fi­da”, sta­bi­li­sce il pro­ver­bio, me­glio an­co­ra se l’abi­to è un Dol­ce & Gab­ba­na Al­ta Moda con fio­ri di­pin­ti a ma­no - im­mu­ne dal ri­di­co­lo al qua­le il cap­pel­li­no d’or­di­nan­za spes­so espone, lo sguar­do ce­le­ste an­cor più dol­ce die­tro la ve­let­ta, la si­gno­ri­na ri­spon­de al no­me di Kit­ty Spen­cer - La­dy Kit­ty Spen­cer - ed è la ni­po­te di Dia­na, figlia del di lei fra­tel­lo Char­les Spen­cer e del­la sua pri­ma mo­glie, l’ex mo­del­la Vic­to­ria Ai­t­ken, na­ta Loc­k­wood.

La più ele­gan­te del­la fe­sta, si è det­to (pas­si l’au­da­cia di in­dos­sa­re una grif­fe ita­lia­na quan­do il pro­to­col­lo rea­le ne vor­reb­be una in­gle­se). Un an­ge­lo ca­du­to dal cie­lo, la co­pia spu­ta­ta del­la zia scom­par­sa. Ma dav­ve­ro Kit­ty è la crea­tu­ra ete­rea, im­pec­ca­bi­le e ter­ri­bil­men­te chic, che ab­bia­mo

am­mi­ra­to al­le noz­ze del cu­gi­no? Ci spia­ce de­lu­der­vi, si­gno­ri, ma la real­tà è un po’ più com­ples­sa. Per ca­ri­tà, Kit­ty, che og­gi ha 27 an­ni, ol­tre 320 mi­la se­gua­ci su In­sta­gram (di cui 100 mi­la gua­da­gna­ti ne­gli ul­ti­mi die­ci gior­ni) e un con­trat­to con l’agen­zia che lan­ciò Ka­te Moss, non è una scel­le­ra­ta, una di cui la fa­mi­glia rea­le po­treb­be - o do­vreb­be - ver­go­gnar­si. Ma di cer­to non è più la ra­gaz­zi­na di­li­gen­te che stu­dia­va psi­co­lo­gia all’uni­ver­si­tà e a Va­ni

ty Fair con­fes­sa­va: «È di­ver­ten­te fa­re la mo­del­la, ma non è una co­sa su cui pen­so di co­strui­re il mio fu­tu­ro».

Ai tem­pi vi­ve­va an­co­ra a Ca­pe To­wn, in Su­da­fri­ca, do­ve la sua fa­mi­glia si era tra­sfe­ri­ta quan­do lei ave­va cin­que an­ni. Il con­te Char­les, suo pa­dre, spe­ra­va co­sì di te­ne­re lon­ta­na dai guai e dai ri­flet­to­ri la mo­glie, che ave­va se­ri pro­ble­mi di ano­res­sia e di­pen­den­za da al­col e co­cai­na. Non fun­zio­nò: due an­ni do­po, nel 1997, la don­na fi­nì in cli­ni­ca per di­sin­tos­si­car­si. Il ma­tri­mo­nio an­dò mi­se­ra­men­te a ro­to­li e, in se­gui­to al­la mor­te di La­dy D, Char­les tor­nò in pian­ta sta­bi­le a Lon­dra, la­scian­do i quat­tro fi­gli - ol­tre al­la pri­mo­ge­ni­ta Kit­ty, le ge­mel­le Eli­za e Ame­lia e un ma­schio, Louis - con la ex.

La no­stra creb­be in un am­bien­te bor­ghe­se, più vi­ci­na al­la na­tu­ra che al jet set. Le pia­ce­va stu­dia­re, era ap­pas­sio­na­ta di let­te­ra­tu­ra, sto­ria e po­li­ti­ca, fa­ce­va una vi­ta nor­ma­le, usci­va con un ra­gaz­zo nor­ma­le, un com­pa­gno di stu­di, un eme­ri­to Si­gnor Nes­su­no. Per due vol­te snob­bò l’in­vi­to al gran bal­lo del­le de­but­tan­ti di Pa­ri­gi, ché tan­to non le in­te­res­sa­va. Poi sua ma­dre eb­be l’en­ne­si­mo crol­lo psi­chi­co, e tut­to cam­biò. Pre­oc­cu­pa­to per i ragazzi, il con­te Spen­cer de­ci­se di por­tar­li a Lon­dra e te­ner­li con sé. In tem­po ze­ro Kit­ty fi­nì sul­la co­per­ti­na del Ta­tler, pa­ti­na­ta ri­vi­sta in­gle­se che la bat­tez­zò It Girl (ra­gaz­za co­per­ti­na) dell’an­no. As­sag­giò la bel­la vi­ta, ca­pì co­sa si era per­sa fi­no a quel mo­men­to e ce la mi­se tut­ta per re­cu­pe­ra­re in fret­ta. An­nun­ciò che avreb­be se­gui­to le or­me di sua ma­dre nel­la moda, si tuf­fò nel­la mon­da­ni­tà più sfre­na­ta, non man­cò più una fe­sta. Con buo­na pa­ce del pa­dre, che l’avreb­be vo­lu­ta (e la vor­reb­be tut­to­ra) schi­va e ri­ser­va­ta co­me lui, si ado­pe­rò in ogni mo­do per met­ter­si in mo­stra, in un’esca­la­tion di esi­bi­zio­ni­smo me­dia­ti­co dav­ve­ro po­co prin­ci­pe­sco. Più che du­chi e con­tes­si­ne, ini­ziò a fre­quen­ta­re ric­ca­stri e par­ve­nus; più che al­le cor­se dei ca­val­li e al­le par­ti­te di cric­ket, la si vi­de nel­la res­sa dei par­ty di Ibi­za. Per qual­che an­no si ac­com­pa­gnò all’im­mo­bi­lia­ri­sta ita­lia­no Nic­co­lò Ba­rat­tie­ri di San Pie­tro, poi, tor­na­ta sin­gle, pre­se a vo­la­re di fio­re in fio­re. A un cer­to pun­to si de­li­rò per­si­no di una sua tre­sca con il prin­ci­pe Har­ry, ma il pet­te­go­lez­zo si ri­ve­lò in­fon­da­to.

La sua bel­lez­za bur­ro­sa fe­ce brec­cia nei cuori. Ton­det­ta un gior­no, più snel­la il suc­ces­si­vo, poi an­co­ra con qual­che chi­lo di trop­po, sem­pre por­ta­to, pe­rò, con clas­se so­praf­fi­na e al­le­gro me­ne­fre­ghi­smo, Kit­ty si vi­de lau­rea­ta dal Ta­tler, l’an­no scor­so, En

gli­sh Ro­se 2017, “Ro­sa d’In­ghil­ter­ra”, in­se­ri­ta cioè nel no­ve­ro del­le fan­ciul­le più bel­le e in­te­res­san­ti del Re­gno Uni­to. Dol­ce & Gab­ba­na l’ar­ruo­la­ro­no per cam­pa­gne pub­bli­ci­ta­rie e sfilate, l’ul­ti­ma du­ran­te la set­ti­ma­na del­la moda mi­la­ne­se di feb­bra­io, av­vian­do un pro­ces­so di “raf­fi­na­men­to” del suo sti­le cul­mi­na­to nell’ele­gan­za im­pec­ca­bi­le che ha la­scia­to tut­ti a boc­ca aper­ta al ma­tri­mo­nio del prin­ci­pe e Me­ghan.

Se la no­to­rie­tà era il suo obiet­ti­vo Kit­ty sem­bra aver­lo cen­tra­to in pie­no. Ora che l’even­to dell’an­no le ha for­ni­to un’ul­te­rio­re ve­tri­na, poi, la stra­da è tut­ta in di­sce­sa. E men­tre il mon­do la sa­lu­ta co­me la nuo­va Dia­na, lei rin­gra­zia la zia, che a ma­la pe­na ri­cor­da, e si fre­ga le ma­ni sod­di­sfat­ta, of­fren­do ai fo­to­gra­fi il suo pro­fi­lo mi­glio­re.

di Fe­de­ri­ca Ca­poz­zi

LO STI­LE È NEL DNA Kit­ty, a de­stra du­ran­te la pri­ma sfi­la­ta per Dol­ce & Gab­ba­na, è sta­ta pa­ra­go­na­ta a La­dy Dia­na (1961-1997), a si­ni­stra, so­rel­la di suo pa­dre. La gio­va­ne, che in ef­fet­ti le as­so­mi­glia mol­to, di­chia­ra di am­mi­rar­ne lo sti­le e l’ele­gan­za. Quan­do Dia­na mo­rì lei ave­va so­lo 7 an­ni e vi­ve­va in Su­da­fri­ca, quin­di ha po­chi ri­cor­di del­la zia.

AVE­VA UN ABI­TO DI­PIN­TO A MA­NO Wind­sor (Re­gno Uni­to). La­dy Kit­ty Spen­cer, 27 an­ni (a de­stra), ar­ri­va al­la cap­pel­la di St. Geor­ge per le noz­ze di Har­ry e Me­ghan. A si­ni­stra, la so­rel­la Eli­za, 25, il fra­tel­lo Louis, 24, e la ma­dre Vic­to­ria, 52, si stac­ca­no da lei e si gi­ra­no per am­mi­rar­la. In af­fet­ti era, a giu­di­zio di mol­ti esper­ti di moda, la più ele­gan­te al­le noz­ze. L’abi­to che in­dos­sa è un Dol­ce & Gab­ba­na Al­ta Moda con fio­ri di­pin­ti a ma­no. I gio­iel­li so­no di Bul­ga­ri. I CARBOIDRATI SO­NO DI MODA Kit­ty man­gia spa­ghet­ti in piaz­za San Mar­co, a Ve­ne­zia, nel­la cam­pa­gna del­la col­le­zio­ne pri­ma­ve­ri­le di Dol­ce & Gab­ba­na. Per­fet­ta­men­te a suo agio con le for­me mor­bi­de, la gio­va­ne non si è mai pre­oc­cu­pa­ta di esi­bi­re un cor­po con qual­che chi­lo di trop­po: an­che se ora è di­ma­gri­ta, ha sfon­da­to co­me mo­del­la cur­vy.

HAR­RY È IDEN­TI­CO AL CON­TE CHAR­LES La­dy Dia­na ba­cia il fra­tel­lo Char­les in una fo­to del 1985, nel­la qua­le si no­ta l’in­cre­di­bi­le so­mi­glian­za tra il con­te e il ni­po­te, il prin­ci­pe Har­ry, 33 (a si­ni­stra). Quan­do la so­rel­la mo­rì, l’uo­mo ac­cu­sò i rea­li di es­se­re re­spon­sa­bi­li dell’in­ci­den­te.

MA PA­PÀ DISAPPROVA Wind­sor (Re­gno Uni­to). Il con­te Char­les Spen­cer, 54, fra­tel­lo di La­dy Dia­na e pa­dre di Kit­ty, con la ter­za mo­glie Ka­ren, 46, spo­sa­ta nel 2011, al­le noz­ze di Har­ry. Schi­vo e al­ler­gi­co all’espo­si­zio­ne me­dia­ti­ca, do­po la mor­te del­la so­rel­la ha fat­to par­la­re di sé so­lo per i suoi ma­tri­mo­ni e di­vor­zi. Ai pri­mi ser­vi­zi fo­to­gra­fi­ci del­la figlia mag­gio­re non ha rea­gi­to be­ne, né ap­prez­za il suo esi­bi­zio­ni­smo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.