ORA AB­BIA­MO NUO­VI AMI­CI DAPPERTUTTO

VIAGGIATORI, ABITANTI DEL PO­STO, ITA­LIA­NI TRASFERITI ALL’ESTE­RO: DALL’ASIA AL SUD AMERICA, SO­NO LE PER­SO­NE INCONTRATE AD AVER RE­SO SPE­CIA­LE LA NO­STRA AV­VEN­TU­RA

GENTE - - Speciale - di Federica Capozzi UL­TI­MA PUN­TA­TA

Sei me­si di aspet­ta­ti­va dal la­vo­ro, tre con­ti­nen­ti, do­di­ci na­zio­ni, cen­tot­tan­ta not­ti fuo­ri ca­sa di cui cen­to­qua­ran­ta­due pas­sa­te in un let­to (le al­tre su pull­man, ae­rei, pa­vi­men­ti, o den­tro ten­de e ama­che), do­di­ci vo­li, ot­tan­ta­set­te bus, qua­ran­tu­no bar­che, quat­tor­di­ci pas­sag­gi in au­to­stop, 1.650 chi­lo­me­tri a pie­di, 5.359 in mo­to, un fi­dan­za­to paz­zo che ha te­nu­to trac­cia di tut­to. Que­sto è il bi­lan­cio del­la no­stra av­ven­tu­ra, che pe­rò non tie­ne con­to dei ri­cor­di, dei vol­ti, del­le sto­rie da rac­con­ta­re che ab­bia­mo rac­col­to co­me fio­ri, col­le­zio­na­to co­me per­le.

Io amo le sto­rie, Gior­gio la com­pa­gnia. In tut­to que­sto tem­po lon­ta­ni da Mi­la­no, dai no­stri ami­ci on­ni­pre­sen­ti, che quan­do or­ga­niz­zia­mo una ce­na per po­chi in­ti­mi ar­ri­va­no da noi in ven­ti, era al­ta­men­te im­pro­ba­bi­le che re­si­stes­si­mo noi due so­li, io e lui, lui e io (Mon­to­ne, la ma­scot­te, è di po­che pa­ro­le). Co­sì ab­bia­mo ac­col­to con gio­ia ogni in­con­tro, ogni nuo­va per­so­na, ogni oc­ca­sio­ne di ascol­ta­re espe­rien­ze, vi­te, av­ven­tu­re. Ascol­ta­re è sta­ta la par­te mi­glio­re del viag­gio, e più di una vol­ta mi so­no tro­va­ta - de­for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le! - a pren­de­re ap­pun­ti su fo­gliet­ti vo­lan­ti e to­va­glio­li di car­ta.

Tan­te del­le per­so­ne incontrate era­no viaggiatori co­me noi, in gi­ro per due set­ti­ma­ne, sei me­si, un an­no. Zai­no in spal­la, scarpe co­mo­de, iti­ne­ra­ri in­cer­ti e fu­tu­ro in di­ve­ni­re. Al­cu­ni sen­za più un la­vo­ro, una ca­sa, un vo­lo di ri­tor­no. Li­be­ri co­me l’aria, co­rag­gio­si co­me i paz­zi. Gli spo­si­ni in luna di miele pro­lun­ga­ta, i gi­gan­ti in­gle­si che sognavano l’In­dia, la ra­gaz­za po­lac­ca con fi­glio di di­ciot­to me­si al se­gui­to, par­ti­ta quan­do lui ne ave­va tre. E poi Flo­ren­ce, con la qua­le ab­bia­mo fe­steg­gia­to il Na­ta­le un’ora do­po aver­la co­no­sciu­ta, Sté­pha­ne, che an­co­ra mi scri­ve per rac­con­tar­mi co­me se la pas­sa a fa­re il vo­lon­ta­rio in Thai­lan­dia, Mi­che­le, che pri­ma o poi an­dre­mo a tro­va­re a Ve­ne­zia. Po­chi coe­ta­nei - con i no­stri più di 35, me­no

di 40 era­va­mo un po’ so­pra la me­dia - tan­tis­si­mi gio­va­ni, ma quan­to sag­gi! Non me la scor­de­rò mai Ca­ro­li­na, por­to­ghe­se di­ciot­ten­ne in Asia a tem­po in­de-

ter­mi­na­to, che mi spie­ga, con le stes­se pa­ro­le che use­rei io, che par­ti­re non è fug­gi­re, che non c’è gio­ia più gran­de di ave­re un luo­go a cui tor­na­re.

Ovun­que la gen­te del po­sto ci ha ac­col­to con il sor­ri­so, in tan­ti ci han­no aper­to le por­te di ca­sa. Dal mi­niap­par­ta­men­to di Fe­de­ri­co, a Ushua­ia, in ci­ma a una sa­li­ta che non fi­ni­va mai, al bel vil­li­no di Rose, ad Ha­noi, do­ve sia­mo sta­ti man­da­ti a let­to al­le ot­to e mez­zo «per­ché do­mat­ti­na ci sve­glia­mo pre­sto», ab­bia­mo con­di­vi­so co­la­zio­ni, ce­ne, chiac­chie­re sul­la cul­tu­ra, le usanze, la vi­ta. Ad Ha-Giang, nel Viet­nam del nord, per una set­ti­ma­na ab­bia­mo vis­su­to sot­to il tet­to di Hao, cuo­ca fan­ta­sti­ca e di­sor­ga­niz­za­ta, con un ri­sto­ran­te ve­ge­ta­ria­no ap­pe­na aper­to e una fi­glia di 5 an­ni os­ses­sio­na­ta da De­spa­ci

to. Le ab­bia­mo la­va­to pi­le di piat­ti e in­se­gna­to la ri­cet­ta del su­go, ab­bia­mo co­no­sciu­to i suoi ami­ci e i suoi vi­ci­ni: il po­li­ziot­to che vo­le­va par­la­re in­gle­se ma sa­pe­va di­re so­lo Hel­lo, l’ex ga­leot­to re­den­to, og­gi tour ope­ra­tor co­scien­zio­so e fan del­la cu­ci­na ita­lia­na. In Ci­le, Ma­ri­tza e Gior­gio ci han­no ce­du­to il let­to del­la fi­glia di 5 an­ni, of­fer­to

GA­BRIEL­LA: «SE TORNO MI SIEDO, IO VO­GLIO RESTARE SCOMODA»

chiac­chie­re esi­sten­zia­li­ste e vi­deo­gio­chi fi­no al­le ore pic­co­le; Feña ci ha por­ta­to al­la fe­sta del­la ven­dem­mia, Fer­nan­do, par­ruc­chie­re di pro­fes­sio­ne, mi ha pro­mes­so un nuo­vo ta­glio di ca­pel­li (ma era not­te fon­da e ci sia­mo ac­con­ten­ta­ti di sto­na­re in­sie­me i suc­ces­si di Raf­fael­la Car­rà). E an­co­ra Kim­mi, la ta­tua­tri­ce viet­na­mi­ta che ha im­pa­ra­to l’ita­lia­no ascol­tan­do Um­ber­to Toz­zi, Juan il ca­mio­ni­sta ar­gen­ti­no, che non ci cre­de­va che gli ita­lia­ni non be­vo­no il ma­te, Li­ber­tad, che in Bo­li­via ha un hotel sul lago e so­gna di cam­bia­re il mon­do in­se­gnan­do l’eco­lo­gia ai tu­ri­sti.

Un ca­pi­to­lo a par­te, poi, me­ri­ta­no gli ita-

lia­ni tra­sfe­ri­ti­si all’este­ro. Li ab­bia­mo cer­ca­ti ovun­que, sco­va­ti an­che nei po­sti più im­pro­ba­bi­li, in­ter­vi­sta­ti per il no­stro blog ( www.ra­mon­the­run.com). At­tra­ver­so i lo­ro oc­chi ab­bia­mo vi­sto le me­te del no­stro viag­gio sot­to un’al­tra lu­ce, còl­to par­ti­co­la­ri che al­tri­men­ti ci sa­reb­be­ro sfug­gi­ti. Im­pos­si­bi­le quan­ti­fi­ca­re il plu­sva­lo­re che ci han­no re­ga­la­to, ognu­no a mo­do suo, o de­ci­de­re chi sia il no­stro pre­fe­ri­to. Al­ber­to, for­se, ami­co di un mio col­le­ga e architetto di re­sort di lus­so, che in vent’an­ni ha vi­sto cam­bia­re il Myan­mar e ce l’ha rac­con­ta­to com’era un tem­po, sen­za stra­de né elet­tri­ci­tà? O Ma­ri­nel­la, ve­tri­ni­sta di un ne­go­zio di abbigliamento di Hoi An, in Viet­nam, che ci ha spe­di­to Mon­to­ne a 500 chi­lo­me­tri di di­stan­za quel­la vol­ta che l’ab­bia­mo scor­da­to su un ma­ni­chi­no? O an­co­ra Leo, che ha gi­ra­to tan­to, vis­su­to ovun­que, e ora ha tro­va­to il suo po­sto su un’iso­la cam­bo­gia­na do­ve ha aper­to un

glam­ping (un “cam­peg­gio gla­mour”) per da­re agli al­tri quel­lo che lui ha sem­pre ri­ce­vu­to viag­gian­do? A Ushua­ia ab­bia­mo in­con­tra­to la si­gno­ra Ma­ria, ar­ri­va­ta in Ar­gen­ti­na nel 1948 con la pri­ma barca di no­ve­cen­to ita­lia­ni emi­gran­ti, a Val­le­du­par Va­len­ti­na, che a 30 an­ni la­vo­ra per l’Onu al di­sar­mo del­le Farc, le For­ze ar­ma­te ri­vo­lu­zio­na­rie del­la Co­lom­bia. Da­vi­de e Ta­tia­na, in Ci­le, ci han­no ospi­ta­to co­me vec­chi ami­ci nel­la lo­ro bai­ta in mez­zo al­la na­tu­ra, sot­to il cie­lo stel­la­to più bel­lo di sem­pre; Mar­ta, in Pe­rù, ci ha spie­ga­to gli stra­ni ri­ti dei po­po­li an­di­ni, rac­con­tan­do­ci di quel­la vol­ta che ha fat­to da ma­dri­na a una muc­ca. A Li­ma, Ga­briel­la, che da quat­tro an­ni la­vo­ra nei quar­tie­ri brut­ti del­la cit­tà, quel­li do­ve nes­su­no vor­reb­be an­da­re, do­ve la violenza è rou­ti­ne e la spe­ran­za uno spi­ra­glio co­sì pic­co­lo che qua­si non si ve­de, ci ha re­ga­la­to la sua pic­co­la, straor­di­na­ria ve­ri­tà: «Se tor­nas­si in Ita­lia fi­ni­rei per “se­der­mi”, ma io vo­glio restare scomoda».

Quan­to a noi, al­la fi­ne sia­mo tor­na­ti, co­me da copione. Più sag­gi no - nes­su­na fol­go­ra­zio­ne sul­la via di Da­ma­sco - ma tan­to più ric­chi, con gli oc­chi col­mi di bel­lez­za, il cuo­re in­gom­bro di ri­cor­di. E sì, inu­ti­le dir­lo: una va­li­gia già pron­ta per il pros­si­mo viag­gio.

ARCHITETTO GOURMET Io con Al­ber­to Pey­re, l’architetto che ha co­strui­to il pri­mo re­sort di lus­so a Ng­pa­li, in Myan­mar. Ami­co di un col­le­ga di Gen­te, ci ha in­vi­ta­to a ca­sa sua per una ce­na fan­ta­sti­ca. UNA CE­NA DI NA­TA­LE AL­TER­NA­TI­VA Io e Gior­gio (al cen­tro), il mio com­pa­gno di vi­ta e di viag­gio, con due ra­gaz­zi sim­pa­ti­cis­si­mi conosciuti a Luang Pra­bang, in Laos: Flo­ren­ce, ita­lia­na, e Nick, te­de­sco. Con lo­ro ab­bia­mo fe­steg­gia­to il Na­ta­le, man­gian­do ri­so frit­to e be­ven­do bir­ra lo­ca­le in un ri­sto­ran­te tutt’al­tro che ele­gan­te. Con noi, Mon­to­ne (a si­ni­stra) e l’Ere­de, cioè la ma­scot­te uf­fi­cia­le e quel­la di scor­ta del­la spe­di­zio­ne.

CUO­RE GRAN­DE, PRO­GET­TI AMBIZIOSI E TAN­TO EN­TU­SIA­SMO So­pra, fo­to di grup­po con Da­vi­de Bo­lo­gna e Ta­tia­na Zac­co­ne, pie­mon­te­si. Per sei me­si l’an­no vi­vo­no nel­la me­ra­vi­glio­sa ri­ser­va di Ñu­ble, in Ci­le, do­ve si oc­cu­pa­no di tu­ri­smo so­ste­ni­bi­le. A si­ni­stra, io e Mon­to­ne con Ga­briel­la Fio­ra­mon­ti, ro­ma­na, che si è tra­sfe­ri­ta in Pe­rù quat­tro an­ni fa per la­vo­ra­re nel so­cia­le.

VAGABONDI E RE­SI­DEN­TI So­pra, noi con due ra­gaz­zi fran­ce­si in­con­tra­ti in Laos: Sté­pha­ne (il se­con­do da si­ni­stra) è an­co­ra in gi­ro per il mon­do e mi scri­ve spes­so per ag­gior­nar­mi. A de­stra, in un bar di San­tia­go con An­ge­la e Va­len­ti­na, me­ra­vi­glio­se ci­le­ne ami­che dei no­stri vi­ci­ni di ca­sa di Mi­la­no, che ce le han­no pre­sen­ta­te a di­stan­za. LO­RO SO­NO CAMPIONI DI SEL­FIE Qui sia­mo al Sa­lar de Uyu­ni, il de­ser­to di sa­le bo­li­via­no, con Yvon­ne e Cy­rus di Hong Kong. Lei, cam­pio­nes­sa di sel­fie, era per­fet­ta, truc­ca­ta e pet­ti­na­ta an­che nel­le si­tua­zio­ni più sco­mo­de. SUL­LA STRA­DA Juan, mi­ti­co ca­mio­ni­sta ar­gen­ti­no che ci ha da­to un lun­ghis­si­mo pas­sag­gio sul­le stra­de in­fi­ni­te del­la Pa­ta­go­nia. A si­ni­stra, io con il pol­li­ce al­za­to un at­ti­mo pri­ma che il suo ca­mion ros­so si fer­mas­se a rac­co­glier­ci. Per un’in­te­ra gior­na­ta Juan ci ha in­trat­te­nu­to con rac­con­ti esi­la­ran­ti.

AL­LA FE­STA DEL VI­NO Io con Feña, co­no­sciu­ta an­ni fa in Sviz­ze­ra e ri­vi­sta in Ci­le, do­ve è tor­na­ta da po­co. La sua cit­tà, San­ta Cruz, è no­ta per il vi­no.

AC­CO­GLIEN­ZA ME­RA­VI­GLIO­SA A Pun­ta Are­nas, in Pa­ta­go­nia, io e Gior­gio sia­mo sta­ti ospi­ta­ti da una fa­mi­glia ado­ra­bi­le: Gior­gio, Ma­ri­tza e la pic­co­la Vin­ka. Nel­la fo­to man­ca Mi­len­ka, la fi­glia più gran­de, che ci ha ce­du­to la ca­me­ret­ta.

LO CHEF BO­LI­VIA­NO CHE CU­CI­NA ITA­LIA­NO Tra noi due c’è Alain, cuo­co del ri­sto­ran­te Pa­pa­ve­ro di Su­cre, in Bo­li­via. Spo­sa­to con un’ita­lia­na che non sta ai for­nel­li ma in­se­gna yo­ga, ha la­vo­ra­to a lun­go in Bra­si­le e nel no­stro Pae­se: ha una cul­tu­ra cu­li­na­ria paz­ze­sca.

VULCANICA Ma­ri­nel­la Giu­di­ci, sty­li­st ber­ga­ma­sca di un ne­go­zio di Hoi An, in Viet­nam. Qui è con Mon­to­ne, che ab­bia­mo di­men­ti­ca­to in bou­ti­que e lei ci ha ri­spe­di­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.