PERLOMENO IO LA PEN­SO CO­SÌ

Mi­ste­ro Me­la­nia. Ri­com­pa­re do­po 25 gior­ni e spun­ta un pia­no se­gre­to

GENTE - - Sommario - La pa­gi­na del di­ret­to­re MONICA MOSCA

S te­pha­nie Gri­sham è una don­ni­na gra­zio­sa con i ca­pel­li ne­ri li­sci e gli oc­chi scu­ri. Fi­si­ca­men­te, di lei non c’è al­tro da di­re. Chi la co­no­sce be­ne, pe­rò, rac­co­man­da di non la­sciar­si in­gan­na­re, as­si­cu­ra che è una leo­nes­sa e che quel suo fi­si­co mi­nu­to po­co, an­zi mal rap­pre­sen­ta il ca­rat­te­re e la de­ter­mi­na­zio­ne. Ste­pha­nie è la por­ta­vo­ce del­la fir­st la­dy ame­ri­ca­na Me­la­nia Trump, com­pi­to che ogni gior­no ha i pic­chi e i bri­vi­di di un ot­to­vo­lan­te, tan­to Me­la­nia scen­de e sa­le nel gra­di­men­to del Pae­se. A qua­lun­que al­tez­za si tro­vi, in te­sta ai son­dag­gi o in co­da, cri­ti­ca­ta per ogni non­nul­la dai de­trat­to­ri del ma­ri­to o ap­plau­di­ta per un al­tro non­nul­la, cer­to Me­la­nia è un da­to­re di la­vo­ro che dà pa­rec­chio da fa­re. Do­po 25 gior­ni di as­sen­za dal­la sce­na pub­bli­ca, las­so di tem­po in­fi­ni­to per una per­so­na­li­tà co­me lei, la fir­st la­dy è in­fat­ti ri­tor­na­ta a fian­co del ma­ri­to pre­si­den­te, an­nun­cia­ta ap­pun­to da un

tweet di Ste­pha­nie: sta­se­ra Me­la­nia ci sa­rà, sa­rà ac­can­to a The Do­nald al­la se­ra­ta or­ga­niz­za­ta al­la Ca­sa Bian­ca dal­le Gold Star Fa­mi­lies, mo­gli e fa­mi­lia­ri dei ca­du­ti in guer­ra in Iraq. Gli Sta­ti Uni­ti tut­ti han­no ti­ra­to un so­spi­ro di sol­lie­vo. Sal­vo ri­scuo­ter­si pre­sto con un al­tro tweet di Ste­pha­nie, la leo­nes­sa se­con­do me or­mai in sta­to con­fu­sio­na­le: pe­rò, ha ag­giun­to, la fir­st la­dy non par­te­ci­pa al G7 dell’8 giu­gno in Ca­na­da né all’at­te­sis­si­mo in­con­tro del 12 del­lo stes­so me­se fra Trump e il dit­ta­to­re nor­d­co­rea­no Kim Jong-un. Mi­ste­ro Me­la­nia. Co­sa sta suc­ce­den­do al­la con­sor­te dell’uo­mo più po­ten­te del mon­do? Do­ve­te te­ne­re pre­sen­te che una mo­glie del ge­ne­re, in­ten­do di ta­le ca­ra­tu­ra e di ta­le ma­ri­to, non può spa­ri­re per­ché è stan­ca o stu­fa, non può pre­fe­ri­re, ches­sò, una bre­ve va­can­za con le ami­che o un wee­kend fuo­ri por­ta con il fi­glio ado­le­scen­te Bar­ron agli im­pe­gni uf­fi­cia­li. È una que­stio­ne di Sta­to: la fir­st la­dy è una sor­ta di ap­pen­di­ce del pre­si­den­te, con lui de­ve pre­sen­zia­re a ogni im­pe­gno pub­bli­co e pos­si­bil­men­te sor­ri­de­re. Dun­que la sua pro­lun­ga­ta as­sen­za ha sca­te­na­to le cu­rio­si­tà e le ipo­te­si più paz­ze in ogni par­te del mon­do. In que­sto me­se qua­si di lon­ta­nan­za dai fla­sh, si è par­la­to di lei tan­to quan­to nel suo pri­mo in­te­ro an­no al­la Ca­sa Bian­ca. Che per la cro­na­ca non è sta­to fra i più sem­pli­ci. De­te­sta­ta all’ini­zio da­gli ame­ri­ca­ni in con­fron­to al­la don­na che l’ave­va pre­ce­du­ta, Mi­chel­le Oba­ma, rin­ne­ga­ta da­gli sti­li­sti che dap­pri­ma non vo­le­va­no ve­stir­la, pre­sa in gi­ro per il suo ac­cen­to slo­ve­no mai per­fe­zio­na­to, e dai e dai ce l’ha fat­ta a ri­scuo­te­re con­sen­si, a tro­va­re abi­ti fan­ta­sti­ci (che re­go­lar­men­te pa­ga) e an­che, do­po un cor­so sprint di di­zio­ne, a par­la­re qua­si be­ne in pub­bli­co. Poi pe­rò so­no sal­ta­te fuo­ri co­me co­ni­gliet­te le pre­sun­te aman­ti del ma­ri­to e lo scan­da­lo del de­na­ro con cui le avreb­be mes­se a ta­ce­re, e lei si è in­tri­sti­ta. Me­glio, cre­do, si è in­fu­ria­ta. Ha ini­zia­to a ri­ti­ra­re la sua bel­la ma­ni­na dal­la ma­no­na di Do­nald: lui in ogni do­ve la al­lun­ga­va per strin­ger­la, lei la sco­sta­va, la met­te­va in ta­sca, glie­la ri­fiu­ta­va. Poi è ar­ri­va­ta la ge­la­ta di ma­da­me Ma­cron che, do­po la vi­si­ta uf­fi­cia­le con il ma­ri­to al­la Ca­sa Bian­ca, ha rac­con­ta­to pa­pa­le pa­pa­le che Me­la­nia in quel­la re­si­den­za do­ra­ta sta co­me in pri­gio­ne, non può nem­me­no apri­re una fi­ne­stra, se vuo­le. Que­stio­ni di si­cu­rez­za o to­ta­le sot­to­mis­sio­ne a un ma­ri­to au­to­ri­ta­rio? Quel che sap­pia­mo, in­ve­ce, è che la so­li­ta Ste­pha­nie il 14 mag­gio ha an­nun­cia­to d’im­prov­vi­so che Me­la­nia era in ospe­da­le, ope­ra­ta per un ma­le be­ni­gno al fe­ga­to. Io di­co che i ma­li si chia­ma­no co­sì per­ché so­no sem­pre no­ci­vi, que­sto si sa. Co­mun­que sa­reb­be ri­ma­sta ri­co­ve­ra­ta una set­ti­ma­na, sa­rà poi ve­ro. Fat­to sta che dal 10 mag­gio, quan­do all’ae­ro­por­to di An­drews, vi­ci­no a Wa­shing­ton, ha ac­col­to con Do­nald tre ex pri­gio­nie­ri li­be­ra­ti dal­la Co­rea del Nord, Me­la­nia era spa­ri­ta. Il 30 mag­gio, sull’ac­count Tt­wit­ter del­la fir­st la­dy è com­par­so un mes­sag­gio che vo­le­va es­se­re ras­si­cu­ran­te, ma dai to­ni un po’ esal­ta­ti: sto be­nis­si­mo - in sin­te­si - so­no qui al­la Ca­sa Bian­ca con la mia fa­mi­glia e sto fa­cen­do un la­vo­ro im­pe­gna­ti­vo e straor­di­na­rio per i bam­bi­ni e per il po­po­lo ame­ri­ca­no. Sca­te­na­ti cie­lo: qua­si nes­su­no ha cre­du­to che quel tweet fos­se suo. Un no­to gior­na­li­sta del quo­ti­dia­no The New York Ti­mes ha scrit­to: “Chiun­que tu sia, re­sti­tui­sci a Me­la­nia il suo te­le­fo­no”. Il so­spet­to, ri­di­co­lo e grot­te­sco in­sie­me, che da più par­ti si è sol­le­va­to, è che, da­ti i to­ni pa­triot­ti­ci ed ec­ces­si­vi ti­pi­ci suoi, fos­se lo stes­so Do­nald a cin­guet­ta­re per lei. Due so­no le ri­spo­ste pro­spet­ta­te da­gli ana­li­sti più se­ri sul mi­ste­ro Me­la­nia, ap­pe­na ri­com­par­sa in pub­bli­co: il pri­mo è che la sua sa­lu­te non sia in real­tà un gran­ché, pos­si­bi­li­tà che le au­gu­ro sia del tut­to fal­sa. La se­con­da ri­spo­sta è che la fir­st la­dy, umi­lia­ta dai com­por­ta­men­ti di­cia­mo di­sin­vol­ti del ma­ri­to in fat­to di don­ne, ma so­prat­tut­to fu­rio­sa da quan­do la si­gno­ri­na Stor­my Da­niels, por­no­star ex aman­te di Do­nald, sdot­to­ra nei talk show co­me fos­se una pro­fes­so­res­sa, ab­bia per­so la vo­glia di sor­ri­de­re a den­ti stret­ti. Sta­reb­be me­di­tan­do di de­fi­lar­si pian pia­no, di al­lon­ta­nar­si a pic­co­le do­si da quel ma­ri­to in­gom­bran­te e pa­re au­to­ri­ta­rio che ini­zia ad an­dar­le stret­to. In­som­ma, ma­ga­ri lo la­scia, ec­co. For­se ha ra­gio­ne ma­da­me Ma­cron: for­se un gior­no Me­la­nia sca­val­che­rà una di quel­le fi­ne­stre che non può apri­re, sal­te­rà nel giar­di­no del­la Ca­sa Bian­ca e ta­glie­rà la cor­da. Li­be­ra e bel­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.