È POS­SI­BI­LE OT­TE­NE­RE L’ABILITAZIONE DI AV­VO­CA­TO PA­GAN­DO MI­GLIA­IA DI EU­RO?

In Spa­gna si in­da­ga sui lau­rea­ti ita­lia­ni che di­ven­ta­no abo­ga­dos sbor­san­do 11 mi­la eu­ro. Si trat­ta di una truf­fa?

GENTE - - La Gente Domanda -

Gli abo­ga­dos so­no il cor­ri­spet­ti­vo spa­gno­lo de­gli av­vo­ca­ti ita­lia­ni. Ne­gli ul­ti­mi an­ni so­no di­ven­ta­ti an­che una scor­cia­to­ia per eser­ci­ta­re la pro­fes­sio­ne in Ita­lia. Il per­ché è pre­sto det­to. Nel no­stro Pae­se per di­ven­ta­re av­vo­ca­to, ol­tre al­la lau­rea in leg­ge, so­no ne­ces­sa­ri 18 me­si di pra­ti­can­ta­to pres­so uno stu­dio le­ga­le e il su­pe­ra­men­to di un esa­me di Sta­to ri­te­nu­to as­sai com­ples­so. In Spa­gna, in­ve­ce, l’esa­me sul­la car­ta è più sem­pli­ce: ba­sta su­pe­ra­re un quiz mul­ti­ri­spo­sta. Ot­te­nu­to il ti­to­lo di abo­ga­do è pos­si­bi­le eser­ci­ta­re la pro­fes­sio­ne an­che in Ita­lia, sep­pu­re non ci si pos­sa chia­ma­re av­vo­ca­to. Do­po tre an­ni di at­ti­vi­tà, ci si po­trà de­fi­ni­re av­vo­ca­to e a quel pun­to non ci sa­rà al­cu­na dif­fe­ren­za tra chi ha so­ste­nu­to il com­ples­so e lun­go iter ita­lia­no e chi in­ve­ce, in ma­nie­ra le­ga­le, ha op­ta­to per la via spa­gno­la. Quan­to al fat­to che de­ci­ne di au­to­bus ca­ri­chi di aspi­ran­ti, che avreb­be­ro pa­ga­to 11 mi­la eu­ro per so­ste­ne­re l’esa­me, ab­bia­no rag­giun­to la Spa­gna, è te­ma di un’in­chie­sta del­la ma­gi­stra­tu­ra ibe­ri­ca. Cer­to, i nu­me­ri non stu­pi­sco­no: so­lo a Ro­ma il 50 per cen­to dei nuo­vi av­vo­ca­ti è... spa­gno­lo.

Ri­spon­de FRAN­CE­SCO PETRELLI av­vo­ca­to, se­gre­ta­rio dell’Unio­ne del­le ca­me­re pe­na­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.