Fi­lip­po La Man­tia, chef in­na­mo­ra­to

GENTE - - Sommario - DI VA­NIA CRIP­PA

Li rag­giun­gia­mo l’una do­po l’al­tro. Fi­lip­po La Man­tia, oste e cuo­co del ce­le­bre ri­sto­ran­te di piaz­za Ri­sor­gi­men­to a Mi­la­no, do­po una gu­sto­sa chiac­chie­ra­ta si con­ge­da con una ri­ve­la­zio­ne dol­cis­si­ma: «Sì, Chia­ra e io ci spo­se­re­mo. Non è una prio­ri­tà im­me­dia­ta. Sia­mo già una famiglia fe­li­ce, è que­sto che con­ta. Ma le noz­ze ar­ri­ve­ran­no». Gi­ria­mo la no­ti­zia a lei, la fu­tu­ra spo­sa, Chia­ra Ma­ci, food blog­ger e star Tv di Cuo­chi e fiam­me: «Ma dav­ve­ro l’ha det­to?», scop­pia a ri­de­re. «In real­tà qual­che vol­ta ne ab­bia­mo par­la­to, ma per il mo­men­to sia­mo pie­ni di im­pe­gni. E poi non se la può ca­va­re co­sì, aspet­to la clas­si­ca pro­po­sta». So­no en­tram­bi ca­ri­chi di buo­nu­mo­re con­ta­gio­so, fe­li­ci di par­la­re del­la lo­ro fa­ti­ca let­te­ra­ria a quat­tro ma­ni, Ma tu co­me la fai la ca­po­na­ta? (Har­pe­rCol­lins): 200 pa­gi­ne che so­no il rac­con­to del­la lo­ro ami­ci­zia, di­ven­ta­ta poi amo­re, e del­le ri­cet­te che for­ma­no il lo­ro mon­do. «Co­me il cous cous di Fi­lip­po, che mia fi­glia di­vo­ra, o le mie pol­pet­te al su­go, che a lui piac­cio­no da im­paz­zi­re seb­be­ne ci sia la ci­pol­la, un in­gre­dien­te che ha ban­di­to dai suoi piat­ti... ma io no», con­fi­da Chia­ra Ma­ci, men­tre La Man­tia ag­giun­ge: «Rac­con­tar­ci at­tra­ver­so il con­fron­to tra due ge­ne­ra­zio­ni, due vi­te e due am­bien­ti di­ver­si mi ha sti­mo­la­to».

È il 2012 quan­do Chia­ra e Fi-

HAN­NO OL­TRE VENT’AN­NI DI DIF­FE­REN­ZA E LITIGANO SU TUT­TO. «MA», DI­CO­NO, «NON VI­VIA­MO L’UNO SEN­ZA L’AL­TRA»

lip­po si conoscono e nes­su­no dei due, im­pe­gna­to in al­tre re­la­zio­ni, im­ma­gi­na­va co­me sa­reb­be fi­ni­ta po­co più di un an­no do­po, quan­do, com­pli­ce la tra­smis­sio­ne

The Chef, si mettono in­sie­me. «Ho pen­sa­to su­bi­to che fos­se trop­po sim­pa­ti­co», rac­con­ta Chia­ra. «Quan­do ha aper­to il suo ri­sto­ran­te a Mi­la­no non ho ca­pi­to più nul­la. Un po’ al­la vol­ta ab­bia­mo ini­zia­to a ve­der­ci sem­pre più spes­so. Usci­va­mo in­sie­me, an­da­va­mo a ce­na, da so­li o con ami­ci. E sta­va­mo be­ne. Par­la­va­mo, ri­de­va­mo. Era tut­ta una se­rie di ge­sti, sguar­di, pa­ro­le... E una se­ra, fi­nal­men­te, lui mi ha ba­cia­ta». Fi­lip­po rac­con­ta un’al­tra sto­ria: «È sta­ta Chia­ra a fa­re il primo pas­so. È ve­ro, io ero paz­zo di lei, ma spa­ven­ta­to dai 23 an­ni che ci di­vi­do­no. Co­mun­que, da quan­do ci sia­mo ba­cia­ti, mi so­no but­ta­to in que­sto re­ga­lo che la vi­ta mi ha fat­to e mi sta fa­cen­do».

Era im­pos­si­bi­le, del re­sto, re­si­ste­re all’at­tra­zio­ne spe­cia­le che si era crea­ta

tra di lo­ro: «Que­stio­ne di chi­mi­ca. Ci piac­cia­mo mol­tis­si­mo», di­ce il cuo­co. «Per Fi­lip­po io ho per­so let­te­ral­men­te la te­sta. Non mi era suc­ces­so per nes­su­no», chio­sa Chia­ra. «An­co­ra ades­so, una vol­ta al­la set­ti­ma­na, ci ri­ta­glia­mo una se­ra­ta per noi, pro­via­mo un nuo­vo ri­sto­ran­te, an­dia­mo al ci­ne­ma, e io mi cu­ro, mi fac­cio bel­la per lui. Quan­do il sen­ti­men­to è for­te vie­ne na­tu­ra­le im­pe­gnar­si per con­ti­nua­re a re­sta­re in­sie­me. L’amo­re è vo­lon­tà».

Il le­ga­me è sta­to co­ro­na­to il 16 feb­bra­io dall’ar­ri­vo di un fi­glio, An­drea, lo stes­so no­me del pa­pà di Fi­lip­po. «L’ho per­so che ave­vo 24 an­ni, era un sar­to con un bel­lis­si­mo ate­lier a Pa­ler­mo, cu­ci­na­va in mo­do di­vi­no. Me lo so­no go­du­to po­co. Quel­lo che vo­glio in­se­gna­re ai miei fi­gli è che i ge­ni­to­ri so­no sa­cri e che, spes­so, te ne ren­di con­to quan­do non ci so­no più». Ol­tre al pic­co­lo di ca­sa, ci so­no Bianca, 5 an­ni, «che va paz­za per il brun­ch», la bam­bi­na che Chia­ra Ma­ci ha avu­to da una pre­ce­den­te re­la­zio­ne, e Ca­ro­li­na, 11, fi­glia di Fi­lip­po e del­la ex mo­glie Ste­fa­nia Sca­ram­pi di Pru­ney, «che ado­ra la pa­sta al­la nor­ma e la ca­po­na­ta, le ha nel Dna».

«La famiglia, per noi, è il va­lo­re as­so­lu­to, prio­ri­ta­rio», af­fer­ma­no in co­ro. Ma non pen­sa­te che vi­va­no nel mon­do del­le fiabe. « Ci scon­tria­mo di con­ti­nuo», di­ce lei. « Sia­mo fat­ti co­sì, è il no­stro mo­do di con­fron­tar­ci. Non riu­scia­mo a te­ner­ci den­tro idee e sen­sa­zio­ni. Va­le per le co­se bel­le e per quel­lo che lo so­no me­no. Quin­di, sen­za fil­tri, ti­ria­mo fuo­ri tut­to quel­lo che ci pas­sa per la te­sta e lo ro­ve­scia­mo ad­dos­so all’al­tro, che a sua vol­ta rin­ca­ra la do­se. An­dia­mo avan­ti fi­no a quan­do non ci sia­mo com­ple­ta­men­te sfo­ga­ti. Le no­stre li­ti­ga­te ci fan­no sof­fri­re, ma ci dan­no an­che la pos­si­bi­li­tà di af­fron­tar­ci fac­cia a fac­cia e ri­sol­ve­re i pro­ble­mi sen­za la­sciar­li in so­spe­so. Poi chiu­dia­mo la que­stio­ne e ri­co­min­cia­mo più in­na­mo­ra­ti di pri­ma». E pu­re più ge­lo­si... «Le ge­lo­sia c’è, non lo ne­go. Ma è sa­na, pura. Da par­te di en­tram­bi, an­che se for­se Chia­ra lo è più di me. Or­mai la co­no­sco be­nis­si­mo, in ogni sfu­ma­tu­ra, e mi ac­cor­go su­bi­to se c’è qual­co­sa che la in­fa­sti­di­sce», pro­se­gue il cuo­co. «Un tem­po an­che io ero ge­lo­sis­si­mo, ma in­vec­chian­do so­no di­ven­ta­to più fa­ta­li­sta. A vol­te mi ca­pi­ta di ri­ce­ve­re com­pli­men­ti che esu­la­no un po’ dal la­vo­ro, ma da quan­do so­no im­pe­gna­to non do cor­da a nes­su­no». Chia­ra, in­ve­ce, ha ini­zia­to a co­no­sce­re que­sto sen­ti­men­to so­lo ora: «Fi­lip­po è un uo­mo di quel­li con la U ma­iu­sco­la: bel­lo, ca­ri­sma­ti­co, af- fa­sci­nan­te. Il ma­schio per ec­cel­len­za a cui pia­ce pia­ce­re. Il suo ri­sto­ran­te è pie­no di don­ne che se lo man­gia­no con gli oc­chi. So­no di­ven­ta­ta ge­lo­sa, sì, lo am­met­to. Agli ini­zi ave­vo pro­prio il ter­ro­re di per­der­lo, an­che per­ché ci ve­dia­mo po­co: ci in­cro­cia­mo la mat­ti­na, a co­la­zio­ne, e la not­te, quan­do tor­na, se so­no an­co­ra sve­glia». La fi­du­cia, pe­rò, al­la fi­ne ha sem­pre la me­glio: «Per­ché Fi­lip­po è bra­vis­si­mo, rie­sce a mo­strar­si pre­sen­te an­che quan­do non c’è. Mi chia­ma di con­ti­nuo, a vol­te an­che so­lo per sa­pe­re co­me sto, op­pu­re ir­rom­pe nel­la mia gior­na­ta con una bat­tu­ta e mi strap­pa il sor­ri­so, an­che quan­do non ci sa­reb­be un bel nien­te da ri­de­re. Non sia­mo una cop­pia tra­di­zio­na­le, ma fe­li­ce». Fin­ché ca­po­na­ta non li separi, in­som­ma... «Tra i no­stri pri­mi scam­bi di ve­du­te c’è sta­to pro­prio que­sto piat­to: “Ma tu co­me fai la ca­po­na­ta? E giù di­scus­sio­ni», ri­de la food blog­ger. «A ogni mo­do noi ci sia­mo la­scia­ti e ri­pre­si va­rie vol­te pri­ma di de­ci­de­re di an­da­re a vi­ve­re in­sie­me, una scel­ta che, do­po il ti­ra e mol­la, ab­bia­mo ben pon­de­ra­to». Al­la fi­ne pe­rò l’han­no fat­to. «È sta­ta lei a for­za­re la ma­no. Per for­tu­na», chiu­de La Man­tia. «Non so più stare sen­za di lei».

di Va­nia Crip­pa È IL RE DEL­LA CU­CI­NA SICILIANA Mi­la­no. Fi­lip­po La Man­tia, 58 an­ni, pa­ler­mi­ta­no, nel suo ri­sto­ran­te di piaz­za Ri­sor­gi­men­to. Ha por­ta­to al Nord i sa­po­ri fan­ta­sti­ci del­la cu­ci­na siciliana. A si­ni­stra, lo chef ba­cia la com­pa­gna, la food blog­ger Chia­ra Ma­ci, 35, che tie­ne in brac­cio An­drea, il lo­ro fi­glio, na­to il 16 feb­bra­io. (Foto G. Chie­re­ga­to).

PAS­SIO­NE E SA­PO­RI La co­per­ti­na del li­bro scrit­to da Chia­ra Ma­ci e Fi­lip­po La Man­tia, Ma tu co­me la fai la ca­po­na­ta?, ap­pe­na usci­to per Har­pe­rCol­lins (pag. 200, 17 eu­ro). È la sto­ria del lo­ro in­con­tro d’amo­re con­trap­pun­ta­ta da gran­di ri­cet­te.

SI PREPARANO AL­LE NOZ­ZE Mi­la­no. La Man­tia in un an­go­lo del suo ri­sto­ran­te di raf­fi­na­to de­si­gn. A si­ni­stra, è con la com­pa­gna al Fe­sti­val del ci­ne­ma di Ve­ne­zia lo scor­so an­no. Lei era in at­te­sa. «Le don­ne si man­gia­no Fi­lip­po con gli oc­chi e io so­no ge­lo­sa», di­ce la food blog­ger. Pre­sto si spo­se­ran­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.