• Il pe­dia­tra. Nien­te al­col in gra­vi­dan­za • La psi­co­lo­ga. Amo­re e li­ti­gi

Se due per­so­ne si vo­glio­no be­ne dav­ve­ro non de­vo­no ave­re pau­ra di di­scu­te­re tra lo­ro, an­che vi­va­ce­men­te. Spes­so si fin­ge di es­se­re miti e com­pren­si­vi pur di non af­fron­ta­re una sa­na di­scus­sio­ne

GENTE - - Sommario - DI EN­ZO CORBELLA E GIANNA SCHELOTTO

Fin da ra­gaz­zo il ma­ri­to di Sa­ra sof­fre d’in­son­nia. Ne­gli ul­ti­mi tem­pi, pe­rò, il di­stur­bo si è ac­cen­tua­to a cau­sa del­la gra­ve cri­si che sta at­tra­ver­san­do l’azien­da in cui la­vo­ra. È di con­ti­nuo pre­oc­cu­pa­to e a fi­ne gior­na­ta la stan­chez­za non gli fa­vo­ri­sce il son­no, glie­lo ren­de an­co­ra più inaf­fer­ra­bi­le. Di not­te i pro­ble­mi si in­gi­gan­ti­sco­no e l’an­sia lie­vi­ta in lui. A quel pun­to sve­glia Sa­ra, che gli dor­me pla­ci­da­men­te ac­can­to, e cer­ca ras­si­cu­ra­zio­ni e con­for­to. Lei cer­ca di cal­mar­lo, sdram­ma­tiz­za le sue in­quie­tu­di­ni, lo coc- co­la, gli par­la fi­no a quan­do, esau­sto, si ad­dor­men­ta. Ma l’in­do­ma­ni è col­ta da pro­fon­di ri­sen­ti­men­ti nei suoi con­fron­ti. Le sem­bra che, in­ve­ce di tra­vol­ger­la con le sue pa­tur­nie, do­vreb­be pro­teg­ger­la, ad ogni co­sto. Se non fos­se co­sì ego­cen­tri­co non le but­te­reb­be ad­dos­so tut­te le pau­re, al con­tra­rio cer­che­reb­be di non coin­vol­ger­la an­che a co­sto di na­scon­der­le qual­che ve­ri­tà sgra­de­vo­le. Ac­ca­de co­sì che, men­tre di not­te è la più amo­re­vo­le del­le mo­gli, di gior­no uti­liz­za i mo­ti­vi più fu­ti­li per ag­gre­dir­lo e sca­ri­car­gli ad- dos­so rab­bio­se rea­zio­ni. È scon­ten­ta e mu­so­na, fa di ogni co­sa un dram­ma e le pa­ro­le fra lo­ro si fan­no sgar­ba­te. Lui non rie­sce a ca­pi­re che i com­por­ta­men­ti del­la mo­glie so­no, sia pu­re in­di­ret­ta­men­te, col­le­ga­ti con gli ap­pel­li di aiu­to che le man­da du­ran­te la not­te e dun­que si crea tra i due una di­stan­za so­lo ap­pa­ren­te­men­te in­com­pren­si­bi­le. In real­tà Sa­ra è fe­de­le al suo ruo­lo, in­chio­da­ta per cer­ti ver­si all’idea che una buo­na mo­glie deb­ba es­se­re sem­pre di­spo­ni­bi­le e com­pren­si­va. Per que­sto di not­te as­su­me un at­teg­gia­men­to pro­tet­ti­vo e ma­ter­no. Ma non si ac­cor­ge che in tal mo­do crea una si­tua­zio­ne di in­sin­ce­ri­tà, per­ché na­scon­de al ma­ri­to, e a se stes­sa, le pre­oc­cu­pa­zio­ni che ri­guar­da­no an­che lei e la de­lu­sio­ne di ve­de­re smar­ri­to e in­fan­ti­le l’uo­mo sul qua­le avreb­be vo­lu­to con­ta­re co­me com­pa­gno del­la vi­ta. Il ri­sul­ta­to è che l’uo­mo con­ti­nue­rà a sca­ri­ca­re le pro­prie ten­sio­ni sul­la sua com­pa­gna, sen­za ren­der­si con­to che die­tro all’ama­bi­li­tà di lei si na­scon­do­no de­lu­sio­ne e ma­les­se­re. È la pau­ra di ri­ve­lar­si, di ma­ni­fe­sta­re l’au­ten­ti­ci­tà dei pro­pri sen­ti­men­ti che crea, tra que­sti due co­niu­gi, un vuo­to di co­mu­ni­ca­zio­ne. For­se sa­reb­be più sa­no, ogni tan­to, per­de­re la pa­zien­za, ir­ri­tar­si e per­si­no li­ti­ga­re piut­to­sto che sfor­zar­si di ap­pa­ri­re miti e com­pren­si­vi men­tre si co­va­no den­tro di sé in­si­cu­rez­ze e ri­sen­ti­men­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.