BA­STA NI­DI DIE­TRO LE SBAR­RE

HA SO­SPE­SO I CA­PI DEL­LA SE­ZIO­NE IN CUI UNA DETENUTA HA UC­CI­SO I SUOI FI­GLI. «È SUC­CES­SO QUAL­CO­SA CHE NON DO­VE­VA AC­CA­DE­RE», DI­CE IL GUARDASIGILLI BO­NA­FE­DE. CHE PER LE MAM­ME ARRESTATE PEN­SA A «PIÙ DETENZIONI DO­MI­CI­LIA­RI E LUO­GHI IDONEI»

GENTE - - Sommario - di Ros­sa­na Lin­gui­ni

All’in­do­ma­ni dell’or­ro­re di Re­bib­bia, il mi­ni­stro del­la Giu­sti­zia Al­fon­so Bo­na­fe­de an­nun­cia: «In­ve­sti­rò su ca­se famiglia e per le mam­me de­te­nu­te».

Era a Re­bib­bia dal 27 ago­sto Ali­ce Se­ba­ste, 33 an­ni, te­de­sca di na­sci­ta, geor­gia­na per cit­ta­di­nan­za, arrestata per spac­cio in­ter­na­zio­na­le di stu­pe­fa­cen­ti: ave­va con sé die­ci chi­li di ma­ri­jua­na. Ma il suo cri­mi­ne più gran­de l’ha com­mes­so il 18 set­tem­bre, quan­do le te­le­ca­me­re di sor­ve­glian­za del car­ce­re l’han­no ri­pre­sa men­tre sca­ra­ven­ta­va giù dal­le sca­le del ni­do del­la se­zio­ne fem­mi­ni­le i suoi due fi­gli, uc­ci­den­do sul col­po la bim­ba di set­te me­si e cau­san­do la mor­te ce­re­bra­le del ma­schiet­to di due an­ni, di cui i me­di­ci del Bam­bin Ge­sù di Ro­ma han­no do­vu­to con­sta­ta­re il de­ces­so po­che ore do­po. Ma­dre as­sas­si­na e cer­ta­men­te in­sta­bi­le, Ali­ce, al­la qua­le era sta­ta ne­ga­ta la de­ten­zio­ne do­mi­ci­lia­re, for­se più che per l’esi­sten­za di esi­gen­ze cau­te­la­ri ec­ce­zio­na­li per la man­can­za di una fis­sa di­mo­ra. Co­sì è ri­ma­sta die­tro le sbar­re, e con lei quei due bim­bet­ti in­no­cen­ti, con­dan­na­ti a scon­ta­re le col­pe del­la lo­ro mam­ma e mol­to di più.

Ali­ce, detenuta-mam­ma rin­chiu­sa in car­ce­re as­sie­me ai due fi­glio­let­ti, ave­va stra­zia­to i suoi pic­co­li da me­no di tre ore quan­do il mi­ni­stro del­la Giu­sti­zia Al­fon­so Bo­na­fe­de ha la­scia­to il suo uf­fi­cio di via Are­nu­la per pre­ci­pi­tar­si a Re­bib­bia. «Ap­pe­na ho sa­pu­to che era­no coin­vol­ti bam­bi­ni pic­co­lis­si­mi ho avu­to due pen­sie­ri», ci spie­ga il Guardasigilli. «Il primo era di di­spia­ce­re im­men­so per la tragedia in sé, il se­con­do di in­cre­du­li­tà: ma co­me è po­tu­to ac­ca­de­re? Per­ché pur­trop­po non è ra­ro che la cro­na­ca ci met­ta da­van­ti a dram­mi del­la fol­lia o del­la di­spe­ra­zio­ne dei ge­ni­to­ri nei con­fron­ti dei lo­ro fi­gli, ma in que­sto ca­so si trat­ta­va di bam­bi­ni che si tro­va­va­no in una strut­tu­ra del­lo Sta­to. È di­ver­so».

Che co­sa è suc­ces­so lì den­tro?

«Non pos­so scen­de­re nei det­ta­gli per­ché c’è un’indagine del­la ma­gi­stra­tu­ra in cor­so, ma se il gior­no do­po i fat­ti dal mi­ni­ste-

ro del­la Giu­sti­zia so­no par­ti­ti prov­ve­di­men­ti di so­spen­sio­ne per i ver­ti­ci del­la se­zio­ne fem­mi­ni­le è evi­den­te che io ho con­sta­ta­to che qual­co­sa non è an­da­ta co­me do­ve­va an­da­re».

Si ri­fe­ri­sce a quel che ha de­nun­cia­to il ca­po dell’Am­mi­ni­stra­zio­ne pe­ni­ten­zia­ria Fran­ce­sco Ba­sen­ti­ni, par­lan­do di ri­pe­tu­te se­gna­la­zio­ni di sin­to­mi di di­sa­gio da par­te del­la detenuta e di ri­chie­ste di ac­cer­ta­men­ti an­che di ti­po psi­chia­tri­co, ri­ma­ste sen­za ri­spo­sta? «Ri­pe­to: al di là dell’at­to che è im­pu­ta­bi­le al­la ma­dre, bi­so­gna ca­pi­re quan­ti e qua­li se­gna­li aves­se da­to pri­ma la detenuta. Quel che mi pre­me che i cit­ta­di­ni ca­pi­sca­no è che quel­la se­zio­ne di Re­bib­bia è

una strut­tu­ra as­so­lu­ta­men­te all’avan­guar­dia in Ita­lia: il luo­go in cui è av­ve­nu­ta que­sta tragedia è un asi­lo ni­do a tut­ti gli ef­fet­ti, in cui i bam­bi­ni stan­no con le mam­me, a con­tat­to con per­so­na­le sa­ni­ta­rio ed edu­ca­ti­vo, ol­tre che con gli agen­ti di po­li­zia pe­ni­ten­zia­ria. Guar­di, la de­ve im­ma­gi­na­re co­sì…».

Non ho bi­so­gno di im­ma­gi­nar­la, mi­ni­stro, ci so­no sta­ta: nel 2011 Gen­te ha pub­bli­ca­to un reportage su quel­la strut­tu­ra. E sa­rà an­che di ec­cel­len­za, ma è die­tro le sbar­re. E i bam­bi­ni die­tro le sbar­re non ci do­vreb­be­ro stare: è d’ac­cor­do? «A me va be­ne af­fron­ta­re il dibattito, pe­rò vor­rei che fos­se ben chia­ro che non ha

a che fa­re con que­sto spe­ci­fi­co ca­so. Ho an­che scrit­to un po­st mol­to du­ro su Fa­ce­book ri­vol­to a po­li­ti­ci, ma­gi­stra­ti e sin­da­ca­ti che han­no par­la­to tan­to del­la vi­cen­da sen­za sa­pe­re co­sa sia suc­ces­so dav­ve­ro. Det­to que­sto, il pro­ble­ma del­le mam­me de­te­nu­te con fi­gli pic­co­li è mol­to de­li­ca­to e noi ce ne stia­mo oc­cu­pan­do».

In che mo­do?

«In­tan­to, man­te­nen­do e cer­can­do di mi­glio­ra­re la par­te re­la­ti­va al­le mam­me de­te­nu­te che era con­te­nu­ta nel­la ri­for­ma dell’or­di­na­men­to pe­ni­ten­zia­rio fat­ta dal mio pre­de­ces­so­re».

Nel te­sto dell’ex mi­ni­stro An­drea Or­lan­do si am­plia­va­no le pos­si­bi­li­tà di ri­cor­so al­la de­ten­zio­ne do­mi­ci­lia­re per le mam­me-de­te­nu­te: è co­sì? « Cer­to, e noi vo­glia­mo muo­ver­ci su que­sta li­nea: ga­ran­ti­re un mag­gio­re ac­ces­so al­la de­ten­zio­ne do­mi­ci­lia­re e ave­re più at­ten­zio­ne ri­spet­to al­la con­di­zio­ne tra­gi­ca qua­le è quel­la in cui un bam­bi­no si ri­tro­va a na­sce­re da una mam­ma che si tro­va in car­ce­re. Sem­pre sal­va­guar­dan­do l’aspet­to del­la si­cu­rez­za dei cit­ta­di­ni, per­ché de­ve es­se­re un giu­di­ce di sor­ve­glian­za a va­lu­ta­re quan­to quel­la per­so­na rap­pre­sen­ti una mi­nac­cia se sta fuo­ri dal car­ce­re, in un con­te­sto di de­ten­zio­ne do­mi­ci­lia­re. E a noi spet­ta far sì che, se il ma­gi­stra­to ri­ten­ga la de­ten­zio­ne ne­ces­sa­ria a tut­ti gli ef­fet­ti, ci sia­no tut­te le ga­ran­zie per­ché il fi­glio del­la detenuta, che ha il di­rit­to di stare vi­ci­no al­la mam­ma, si tro­vi in una si­tua­zio­ne più vi­ci­na pos­si­bi­le a una si­tua­zio­ne nor­ma­le».

Per que­sto la leg­ge pre­ve­de gli Icam, isti­tu­ti a cu­sto­dia at­te­nua­ta in cui i bam­bi­ni do­vreb­be­ro pa­ti­re me­no lo sta­to di de­ten­zio­ne, o le ca­se famiglia pro­tet­te, in cui le de­te­nu­te con fi­gli fi­no a die­ci an­ni e con­dan­na non su­pe­rio­re a quat­tro pos­so­no scon­ta­re la pro­pria pe­na sen­za sbar­re… «Sì, pre­met­ten­do che so­no mi­ni­stro sol­tan­to da tre me­si, pos­so di­re di aver con­sta­ta­to che si trat­ta di con­di­zio­ni in­ter­me­die che rap­pre­sen­ta­no un sa­no bi­lan­cia­men­to di tut­ti i di­rit­ti in gio­co, con­si­de­ran­do prio­ri­ta­rio quel­lo dei bam­bi­ni».

Pe­rò in Ita­lia ab­bia­mo so­lo cin­que Icam e una, una so­la ca­sa famiglia a Ro­ma. Ma co­me è pos­si­bi­le? «Il pro­ble­ma è che fon­da­men­tal­men­te in Ita­lia tut­ta la par­te po­st con­dan­na è sta­ta igno­ra­ta dal­lo Sta­to e gli uni­ci in­ter­ven­ti sul­le car­ce­ri so­no sta­ti quel­li fat­ti per sot­trar­si al­le san­zio­ni eu­ro­pee sul so­vraf­fol­la­men­to car­ce­ra­rio. Quel­lo che vo­glio fa­re io è in­ve­sti­re su per­cor­si rie­du­ca­ti­vi del la­vo­ro, per quan­to ri­guar­da gli adul­ti, e ne­gli isti­tu­ti di rie­du­ca­zio­ne, per quan­to at­tie­ne ai mi­no­ri. Bi­so­gne­rà an­che ana­liz­za­re le pro­ble­ma­ti­che che han­no im­pe­di­to la rea­liz­za­zio­ne del­le ca­se famiglia e ca­pi­re se si può in­ve­sti­re in que­sto sen­so. E, co­me ho già det­to, an­che nel pren­de­re in ma­no la ri­for­ma del mio pre­de­ces­so­re vo­glio sal­va­guar­da­re tut­ti gli aspet­ti che ef­fet­ti­va­men­te guar­da­no al­la rie­du­ca­zio­ne e al­la qua­li­tà del­la de­ten­zio­ne, con un’at­ten­zio­ne par­ti­co­la­re al­la con­di­zio­ne del­le mam­me de­te­nu­te».

Mi­ni­stro, lei su Fa­ce­book se l’è pre­sa con chi ha par­la­to trop­po di Re­bib­bia sen­za co­no­sce­re i fat­ti, ma in­ve­ce il si­len­zio del pre­mier Giu­sep­pe Con­te e dei suoi vi­ce­pre­mier Mat­teo Sal­vi­ni e Lui­gi Di Ma­io su que­sta stra­zian­te vi­cen­da non le è sem­bra­to as­sor­dan­te? «No, ri­ten­go che il go­ver­no si deb­ba espri­me­re at­tra­ver­so il mi­ni­stro com­pe­ten­te: im­ma­gi­no ab­bia­no avu­to ri­spet­to nei con­fron­ti del­la si­tua­zio­ne de­li­ca­ta che si è ve­nu­ta a crea­re a Re­bib­bia. E ab­bia­no vo­lu­to de­le­ga­re al mi­ni­stro del­la Giu­sti­zia, cioè a me, pa­ro­le e fat­ti».

IN CA­RI­CA DA TRE ME­SI Al­fon­so Bo­na­fe­de, 42 an­ni, tra­pa­ne­se di na­sci­ta e av­vo­ca­to a Fi­ren­ze, è mi­ni­stro del­la Giu­sti­zia del go­ver­no Con­te dal 1° giu­gno.

GIO­CA­RE È LI­BER­TÀ... VIGILATA Una ma­dre, un bam­bi­no, un’agen­te di cu­sto­dia cau­te­la­re: è la quo­ti­dia­ni­tà del­le ma­dri de­te­nu­te che han­no fi­gli pic­co­li. Gli scat­ti (que­sto e sot­to), rea­liz­za­ti dal fo­to­gra­fo Giam­pie­ro Co­rel­li nel 2008, nel­la Ca­sa cir­con­da­ria­le fem­mi­ni­le Pon­te De­ci­mo di Ge­no­va, fan­no par­te del­la mo­stra La bel­lez­za den­tro - Don­ne e ma­dri nel­le car­ce­ri ita­lia­ne.

CON LA PRE­SI­DEN­TE CASELLATI PORTAMMO FIABE E CA­LO­RE Era il 2011 quan­do Gen­te de­di­cò al ni­do del­la Ca­sa cir­con­da­ria­le fem­mi­ni­le di Re­bib­bia un reportage, di cui ri­pub­bli­chia­mo qui al­cu­ne foto di Fa­bri­zio Vil­la. A de­stra, l’at­tua­le pre­si­den­te del Se­na­to Ma­ria Eli­sa­bet­ta Al­ber­ti Casellati, 72, al­lo­ra se­na­tri­ce e sot­to­se­gre­ta­rio al­la Giu­sti­zia, men­tre re­ga­la ca­len­da­ri di fiabe del­la Cro­ce ros­sa ai pic­co­li ospi­ti del car­ce­re. Sot­to, una ma­dre dà da man­gia­re al fi­glio nel­la sua cel­la prov­vi­sta di let­ti­ni per i più pic­ci­ni, e, in bas­so a de­stra, la no­stra Ros­sa­na Lin­gui­ni rac­co­glie la te­sti­mo­nian­za di una detenuta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.