CO­ME SI PUÒ SCONGIURARE IL RI­SCHIO DI IN­CI­DEN­TI DU­RAN­TE BAT­TU­TE DI CAC­CIA?

GENTE - - La Gente Domanda -

L’uc­ci­sio­ne di un gio­va­ne ad Apri­ca­le (Im­pe­ria) da par­te di un cac­cia­to­re ha ria­per­to il di­bat­ti­to. Qua­li aree so­no si­cu­re?

Sem­pli­fi­can­do mol­to, il cac­cia­to­re può ac­ce­de­re al­le aree dell’Am­bi­to ter­ri­to­ria­le in cui è iscrit­to. So­no esclu­se le aree ur­ba­ne, quel­le pro­tet­te, i ter­re­ni in cor­so di col­ti­va­zio­ne (frut­te­ti spe­cia­liz­za­ti, vi­gne­ti, uli­ve­ti, cam­pi di mais…), i fon­di re­cin­ta­ti. La cac­cia è poi vie­ta­ta a me­no di 100 me­tri da ca­se e fab­bri­ca­ti, luo­ghi di la­vo­ro, mez­zi agri­co­li in ope­ra; a me­no di 50 me­tri da stra­de e fer­ro­vie ed è vie­ta­to spa­ra­re in di­re­zio­ne di que­ste strut­tu­re da me­no di 150 me­tri. Il ter­ri­to­rio a di­spo­si­zio­ne si ri­du­ce dun­que in ma­nie­ra sen­si­bi­le. Per quan­to la nor­ma­ti­va ten­da a evi­ta­re il più pos­si­bi­le l’oc­ca­sio­ne di in­ci­den­ti, al­la ba­se ci so­no sem­pre la con­sa­pe­vo­lez­za e la pru­den­za di chi ma­neg­gia il fu­ci­le. È ne­ces­sa­ria mag­gior at­ten­zio­ne an­che da par­te di chi fa escur­sio­ni nel­le cam­pa­gne e nei bo­schi o va a rac­co­glie­re fun­ghi. Ri­ma­ne­re sui sen­tie­ri se­gna­la­ti e non ad­den­trar­si in zo­ne im­per­vie è una buo­na abi­tu­di­ne. Al­tra è non ve­stir­si di scu­ro o peg­gio mi­me­ti­co, me­glio in­dos­sa­re qual­co­sa di ben vi­si­bi­le, co­me i giub­bet­ti aran­cio­ni, ba­sta quel­lo che tut­ti ab­bia­mo in au­to. La re­go­la prin­ci­pe, da en­tram­be le par­ti, è usa­re buon sen­so e mas­si­ma pru­den­za.

Ri­spon­de GIAN­LU­CA DALL’OLIO pre­si­den­te Fe­der­cac­cia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.