Nei guai il sin­da­co di Ria­ce, sim­bo­lo dell’ac­co­glien­za ai mi­gran­ti

PER­SI­NO ALL’ESTE­RO LO CON­SI­DE­RA­NO UN PROFETA DELL’IN­TE­GRA­ZIO­NE. MA È AC­CU­SA­TO DI USA­RE ME­TO­DI SBRIGATIVI PER RAG­GIUN­GE­RE QUEL­LO SCO­PO. SUL SUO NO­ME SI SCONTRANO PO­LI­TI­CI, AT­TO­RI, IN­TEL­LET­TUA­LI

GENTE - - Sommario - DI ALES­SAN­DRA GA­VAZ­ZI

Ai ri­flet­to­ri Do­me­ni­co “Mim­mo” Lu­ca­no, sin­da­co di Ria­ce dal 2004 e no­to in pae­se per il ca­rat­te­re schi­vo, si è do­vu­to abi­tua­re suo mal­gra­do due an­ni fa, quan­do, gra­zie al suo mo­del­lo di ac­co­glien­za dei mi­gran­ti, fu di­chia­ra­to dal­la ri­vi­sta ame­ri­ca­na Fortune uno dei cin­quan­ta lea­der più in­fluen­ti al mon­do e il pic­co­lo co­mu­ne del­la Lo­cri­de ven­ne pre­so d’as­sal­to da gior­na­li­sti e trou­pe te­le­vi­si­ve di ogni an­go­lo del pia­ne­ta. E, co­me mo­stra­no le fo­to che ri­pub­bli­chia­mo in que­ste pa­gi­ne, c’era­va­mo an­che noi. Ora le lu­ci si riac­cen­do­no, per­ché Lu­ca­no è sta­to ar­re­sta­to dal­la Guar­dia di fi­nan­za con l’ac­cu­sa di fa­vo­reg­gia­men­to dell’im­mi­gra­zio­ne clan­de­sti­na e frau­do­len­to af­fi­da­men­to di­ret­to del ser­vi­zio di rac­col­ta dei ri­fiu­ti nell’am­bi­to dell’in­da­gi­ne “Xe­nia”. In gre­co an­ti­co, ospi­ta­li­tà. Al­tre con­te­sta­zio­ni, le più gra­vi, co­me mal­ver­sa­zio­ne, truf­fa ai dan­ni del­lo Sta­to e con­cus­sio­ne, in­ve­ce so­no ca­du­te: per­ché la ge­stio­ne dei fi­nan­zia­men­ti ero­ga­ti dal mi­ni­ste­ro dell’In­ter­no e dal­la pre­fet­tu­ra di Reg­gio Ca­la­bria al co­mu­ne di Ria­ce per l’ac­co­glien­za dei ri­fu­gia­ti e dei ri­chie­den­ti asi­lo po­li­ti­co, che era l’og­get­to dell’in­chie­sta, sa­rà sta­ta an­che pa­stic­cio­na e un po­co su­per­fi­cia­le, ma - si leg­ge nel prov­ve­di­men­to del­la Procura di Lo­cri - non si è tra­dot­ta in il­le­ci­ti.

Lu­ca­no dun­que è ai do­mi­ci­lia­ri, men­tre per la sua com­pa­gna Te­sfa­hun Lem­lem

“FORTUNE”: UNO TRA I CIN­QUAN­TA LEA­DER PIÙ IN­FLUEN­TI AL MON­DO

l’or­di­nan­za ha di­spo­sto il di­vie­to di di­mo­ra: in­sie­me, so­sten­go­no gli in­qui­ren­ti, avreb­be­ro “ar­chi­tet­ta­to de­gli espe­dien­ti cri­mi­no­si, tan­to sem­pli­ci quan­to ef­fi­ca­ci, volti ad ag­gi­ra­re la di­sci­pli­na pre­vi­sta dal­le nor­me na­zio­na­li” per age­vo­la­re l’ac­co­glien­za di mi­gran­ti che, se­con­do la leg­ge ita­lia­na, non ne avreb­be­ro avu­to di­rit­to. Mez­zi po­co or­to­dos­si, in al­tre pa­ro­le, per rea­liz­za­re quel “mo­del­lo Ria­ce” in cui tutto il mon­do ha spe­ra­to. Per esem­pio, emer­ge da al­cu­ne in­ter­cet­ta­zio­ni dell’in­chie­sta, or­ga­niz­zan­do ma­tri­mo­ni di con­ve­nien­za tra cit­ta­di­ni ita­lia­ni e stra­nie­re che avreb­be­ro al­tri­men­ti do­vu­to lasciare il suo­lo ita­lia­no. “(...) Og­gi lei è una di­nie­ga­ta per tre vol­te, lei non può fa­re più una com­mis­sio­ne, non è più una ri­cor­ren­te, se è co­me di­ce lei che è sta­ta di­nie­ga­ta per tre vol­te non c’è una quar­ta pos­si­bi­li­tà, lei ha so­lo la pos­si­bi­li­tà di ri­tor­na­re in Ni­ge­ria”, di­ce il sin­da­co a Te­sfa­hun, sen­za sa­pe­re che la con­ver­sa­zio­ne te­le­fo­ni­ca è in­tr­cet­ta­ta. “Pe­rò... fam­mi an­da­re avan­ti... sai qual è se­con­do me l’unica stra­da per­cor­ri­bi­le, vo­len­do spre­me­re le me­nin­gi? Che lei si spo­si, co­me ha fat­to Stel­la… Stel­la si è spo­sa­ta con Na­za­re­no, io so­no re­spon­sa­bi­le dell’uf­fi­cio ana­gra­fe, il ma­tri­mo­nio te lo fac­cio im­me­dia­ta­men­te... con un cit­ta­di­no ita­lia­no... (...)”.

A Lu­ca­no vie­ne an­che con­te­sta­to il frau­do­len­to af­fi­da­men­to di­ret­to del ser­vi­zio di rac­col­ta e tra­spor­to dei ri­fiu­ti, che non sa­reb­be sta­to con­so­no al­le pro­ce­du­re di ga­ra pre­vi­ste per gli ap­pal­ti: più pre­ci­sa­men­te, se­con­do gli in­qui­ren­ti, il sin­da­co avreb­be isti­tui­to un al­bo co­mu­na­le del­le coo­pe­ra­ti­ve so­cia­li e fa­vo­ri­to due coo­pe­ra­ti­ve, la Eco­ria­ce e L’Aqui­lo­ne, non iscrit­te all’al­bo re­gio­na­le, cui è sta­ta af­fi­da­ta la rac­col­ta e il tra­spor­to dei ri­fiu­ti dall’ot­to­bre 2012 fi­no all’apri­le 2016.

Una rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta rea­liz­za­ta in par­te con gli asi­ni, che, a dif­fe­ren­za dei mez­zi pe­san­ti, rie­sco­no ad ar­ri­va­re dap­per­tut­to: in que­sta at­ti­vi­tà era­no im­pe­gna­ti an­che i ri­chie­den­ti asi­lo di Ria­ce, im­pie­ga­ti pu­re nel la­vo­ro sta­gio­na­le nei cam­pi, in un’azien­da di fio­ri, nel­le ca­se co­me ba­dan­ti e in un si­ste­ma di bot­te­ghe ar­ti­gia­ne in cui ope­ra­to­ri lo­ca­li e im­mi­gra­ti la­vo­ra­no ve­tro e ce­ra­mi­ca, tes­so­no, fi­la­no, ri­vi­ta­liz­zan­do il ter­ri­to­rio.

In­te­gra­zio­ne e lot­ta al­lo spo­po­la­men­to, è que­sto il mo­del­lo Ria­ce: per Fortune è una “pos­si­bi­le so­lu­zio­ne al­la cri­si dei ri­fu­gia­ti in Eu­ro­pa”, ma non tut­ti so­no d’ac­cor­do. “Ac­ci­den­ti, chis­sà co­sa di­ran­no ades­so Sa­via­no e tut­ti i buo­ni­sti che vor­reb­be­ro riem­pi­re l’Italia di im­mi­gra­ti! Io va­do avan­ti. #por­ti­chiu­si #cuo­ria­per­ti”, scri­ve su In­sta­gram il mi­ni­stro dell’In­ter­no Mat­teo Sal­vi­ni. È so­lo uno tra i com­men­ti all’ar­re­sto del sim­bo­lo dell’ac­co­glien­za af­fi­da­ti ai so­cial net­work: fra i pri­mi - e più ap­pas­sio­na­ti - ci so­no quel­li di Bep­pe Fio­rel­lo, che in­ter­pre­ta Mim­mo Lu­ca­no in Tutto il mon­do

è pae­se, fic­tion Rai de­di­ca­ta al mo­del­lo Ria­ce la cui mes­sa in on­da è sta­ta bloc­ca­ta nei me­si scor­si, quan­do è tra­pe­la­ta l’esi­sten­za di un’in­chie­sta sul sin­da­co ca­la­bre­se. “Sia­mo tut­ti in pe­ri­co­lo, pun­to. Il sin­da­co #do­me­ni­co­lu­ca­no è sta­to ac­col­to per aver ac­col­to non per aver fa­vo­reg­gia­to, al­lo­ra #ar­re­sta­te­ci­tut­ti”. E poi, ri­vol­gen­do­si a Pa­pa Fran­ce­sco: “La spie­ghi lei a que­sta po­li­ti­ca la dif­fe­ren­za tra ac­co­glie­re i bi­so­gno­si e fa­vo­ri­re le ma­fie”.

FIO­REL­LO CALATO NEL RUO­LO A de­stra, Bep­pe Fio­rel­lo, 49, con la fa­scia tri­co­lo­re, as­sie­me al ca­st del­la fic­tion Tutto il mon­do è pae­se, già rea­liz­za­ta dal­la Rai sul “mo­del­lo Ria­ce” e sul suo sin­da­co Lu­ca­no (sot­to, con l’at­to­re). La mes­sa in on­da è per ora so­spe­sa pro­prio a cau­sa dell’in­chie­sta in cor­so su Lu­ca­no.

SA­VIA­NO SI SCHIE­RA CON LUI Lu­ca­no e Ro­ber­to Sa­via­no, 39, du­ran­te un di­bat­ti­to. Lo scrit­to­re, sup­por­ter del mo­del­lo Ria­ce, ha con­dan­na­to l’ar­re­sto: “Pri­mo at­to ver­so uno Sta­to au­to­ri­ta­rio”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.