STOP TER­ZA PRO­VA E VO­TI DI­VER­SI: CO­ME CAMBIERÀ LA MA­TU­RI­TÀ?

GENTE - - Sommario -

Dal 2019 l’Esa­me di Sta­to sa­rà ri­strut­tu­ra­to. In che mo­do ver­rà va­lu­ta­ta la pre­pa­ra­zio­ne de­gli stu­den­ti? E al­la fi­ne del­la scuo­la su­pe­rio­re ha an­co­ra sen­so? L a pri­ma no­vi­tà è l’abo­li­zio­ne del­la ter­za pro­va, ov­ve­ro il quiz­zo­ne in­ter­di­sci­pli­na­re. Sep­pu­re nell’idea­zio­ne ori­gi­na­le la pro­va aves­se un sen­so, ov­ve­ro va­lu­ta­re la pre­pa­ra­zio­ne del ra­gaz­zo a 360 gra­di, nel tem­po era di­ven­ta­ta me­ro no­zio­ni­smo, per­tan­to è un be­ne che sia sta­ta can­cel­la­ta. Cam­bia inol­tre an­che la strut­tu­ra del te­ma di ita­lia­no, che vie­ne re­so più vi­ci­no al­le esi­gen­ze e al­le ca­pa­ci­tà dei ra­gaz­zi. La mo­di­fi­ca più ra­di­ca­le tut­ta­via è nel­le gri­glie di va­lu­ta­zio­ne per il cal­co­lo del vo­to fi­na­le. Se fi­no­ra in­fat­ti l’an­da­men­to dell’esa­me in sé va­le­va per il 75 per cen­to, ades­so sa­rà il per­cor­so ef­fet­tua­to dal­lo stu­den­te ne­gli ul­ti­mi tre an­ni a pe­sa­re di più. Una de­ci­sio­ne sag­gia per­ché il vo­to fi­na­le di­ven­ta co­sì il frut­to di un in­sie­me di fat­to­ri, del­la cre­sci­ta del­lo sco­la­ro, del­la sua ma­tu­ra­zio­ne nel tem­po, e non di una so­la cir­co­stan­za che può an­che es­se­re for­tui­ta. È co­me se di­ces­si­mo ai gio­va­ni che non ba­sta il “ri­bal­to­ne” dell’ul­ti­mo mo­men­to, ma che nel­la vi­ta con­ta quel che si è se­mi­na­to e co­me lo si è col­ti­va­to. Co­me pre­si­di, sia­mo in­ve­ce con­tra­ri all’abo­li­zio­ne del te­st In­val­si per i ma­tu­ran­di: si trat­ta­va di una pro­va che non in­flui­va in nes­sun mo­do sull’esa­me, ma di un in­di­spen­sa­bi­le stru­men­to dia­gno­sti­co per sta­bi­li­re lo sta­to di sa­lu­te del si­ste­ma sco­la­sti­co ita­lia­no. Una sor­ta di ter­mo­me­tro, la ra­dio­gra­fia gra­zie al­la qua­le avrem­mo ca­pi­to ec­cel­len­ze e pun­ti de­bo­li su cui in­ter­ve­ni­re. La can­cel­la­zio­ne di que­sto stru­men­to è una gran­de per­di­ta. Un’ul­ti­ma ri­fles­sio­ne sull’uti­li­tà del­la ma­tu­ri­tà: or­mai il 99 per cen­to de­gli stu­den­ti vie­ne pro­mos­so. Si­gni­fi­ca che tut­ti so­no ido­nei, quin­di di fat­to è una pro­va or­mai inu­ti­le. Tut­ta­via va man­te­nu­ta per il suo ruo­lo sim­bo­li­co: è un ri­to di ini­zia­zio­ne all’età adul­ta che re­sta fon­da­men­ta­le.

Ri­spon­de ANTONELLO GIANNELLI pre­si­den­te As­so­cia­zio­ne na­zio­na­le pre­si­di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.