La lot­ta agli stu­pri va­le il No­bel del­la Pa­ce

GENTE - - Sommario - DI ROS­SA­NA LIN­GUI­NI

Lei è Na­dia Mu­rad, per me­si ri­dot­ta in schia­vi­tù ses­sua­le dall’Isis. Og­gi gi­ra il mon­do af­fin­ché a nes­su­na toc­chi più la stes­sa sor­te. Lui è il dot­tor De­nis Mu­k­we­ge che in Con­go ha sal­va­to mi­glia­ia di don­ne abu­sa­te e vio­len­ta­te. Vin­co­no il pre­mio per la Pa­ce as­se­gna­to dall’Ac­ca­de­mia di Oslo

L ei è un’ira­che­na mi­nu­ta, gli oc­chio­ni gran­di e i mo­di da bam­bi­na che la fan­no sem­bra­re più pic­co­la dei suoi 25 an­ni, lui è un si­gno­re con­go­le­se dai ca­pel­li briz­zo­la­ti e gli abi­ti for­ma­li che di­mo­stra più dei suoi 63 an­ni. Di­ver­si, Na­dia Mu­rad Ba­see Ta­ha e De­nis Mu­k­we­ge, ep­pu­re si­mi­li nel co­rag­gio e nel­la for­za con cui si so­no bat­tu­ti e con­ti­nua­no a bat­ter­si con­tro stu­pri di guer­ra e schia­vi­tù ses­sua­le: un im­pe­gno og­gi pre­mia­to con il No­bel per la Pa­ce 2018, che Mu­rad e Mu­k­we­ge con­di­vi­do­no. La lo­ro bat­ta­glia è una, ma l’han­no com­bat­tu­ta in an­go­li del Pia­ne­ta mol­to lon­ta­ni, e in ma­nie­ra di­ver­sa. Per­ché dif­fe­ren­te è il de­sti­no che è toc­ca­to lo­ro in sor­te. Quel­lo di Na­dia, or­ri­bi­le, ce lo rac­con­tò lei stes­sa tre an­ni fa a Milano, do­ve sta­va la­vo­ran­do per la mis­sio­ne che si è scel­ta: far co­no­sce­re al mon­do le atro­ci­tà in­flit­te a lei e a mi­glia­ia di ra­gaz­ze e bam­bi­ne ap­par­te­nen­ti al­la sua stes­sa mi­no­ran­za et­ni­ca, i cur­di Ya­zi­di, per­se­gui­ta­ti da­gli ji­ha­di­sti del­lo Sta­to Isla­mi­co a ca­sa lo­ro, sul­le mon­ta­gne di Si­n­jar. «Ho su­bì­to stu­pro in­di­vi­dua­le e col­let­ti­vo, so­no sta­ta com­pra­ta e ven­du­ta, ho vi­sto fu­ci­la­re sei miei fra­tel­li, uc­ci­de­re mia ma­dre, di­strug­ge­re il mio vil­lag­gio e ster­mi­na­re i no­stri uo­mi­ni, in­dot­tri­na­re i no­stri bam­bi­ni e ren­de­re schia­ve le no­stre don­ne», ci dis­se al­lo­ra in ara­bo. Ul­ti­ma di die­ci fra­tel­li e or­fa­na del pa­dre dall’età di 8 an­ni, ha vis­su­to fi­no al 3 ago­sto del 2014 a Ko­cho, quie­to vil­lag­gio di 1.700 ani­me nel Kur­di­stan ira­che­no do­ve so­gna­va di apri­re un sa­lo­ne di bel­lez­za per truc­ca­re e pet­ti­na­re le spo­se. In­ve­ce quel gior­no i mi­li­zia­ni del Ca­lif­fa­to la por­ta­ro­no via e per lei co­min­ciò una quo­ti­dia­ni­tà fat­ta di vio­len­ze e di ter­ro­re fi­no a quan­do riu­scì a scap­pa­re e a ri­fu­giar­si in una fa­mi­glia mu­sul­ma­na sun­ni­ta di Mo­sul. Da lì è partito il suo viag­gio di for­za e spe­ran­za, pas­sa­to per un Con­si­glio di si­cu­rez­za dell’Onu del 2015 de­di­ca­to al­la trat­ta di es­se­ri uma­ni, per l’in­ca­ri­co di pri­mo Am­ba­scia­to­re di buo­na vo­lon­tà del­le Na­zio­ni Uni­te per la di­gni­tà dei so­prav­vis­su­ti al­la trat­ta di es­se­re uma­ni e per nu­me­ro­si riconoscimenti: dal Pre­mio Sa­kha­rov a que­sto, as­se­gna­to dall’Ac­ca­de­mia di Oslo e con­di­vi­so con il dot­tor Mu­k­we­ge. Lui, in­ve­ce, me­di­co gi­ne­co­lo­go nel­la Re­pub­bli­ca De­mo­cra­ti­ca del Con­go, ha de­di­ca­to la sua vi­ta ad aiu­ta­re le vit­ti­me di vio­len­za ses­sua­le nel suo Pae­se e a con­dan­na­re l’im­pu­ni­tà per gli stu­pri di mas­sa e l’im­mo­bi­li­smo del­le isti­tu­zio­ni su que­sto or­ro­re. A ri­schio del­la sua stes­sa vi­ta. Al Pan­zi Ho­spi­tal di Bu­ka­vu, ca­po­luo­go del Sud Ki­vu, nell’est del Con­go, do­ve la­vo­ra dal 1999, ha ac­col­to mi­glia­ia di ra­gaz­ze e don­ne abu­sa­te. Qui tro­va­no as­si­sten­za me­di­ca, psi­co­lo­gi­ca, giu­ri­di­ca e, a vol­te, una nuo­va vi­ta co­strui­ta gra­zie al so­ste­gno di pro­gram­mi te­ra­peu­ti­ci per ri­con­qui­sta­re l’au­to­no­mia fi­nan­zia­ti dall’Onu e da do­na­to­ri pri­va­ti. Un mo­del­lo che fun­zio­na, e che al­tri Pae­si afri­ca­ni, co­me per esem­pio Gui­nea e Bur­ki­na Fa­so, stan­no imi­tan­do. Per­ché non im­por­ta da do­ve si par­te, in­se­gna­no Na­dia Mu­rad e il dot­tor De­nis Mu­k­we­ge: la stra­da per vin­ce­re i cri­mi­ni su­bi­ti dal­le don­ne è an­co­ra mol­to lun­ga.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.