LA PO­STA DEI LET­TO­RI

Scri­ve­te al­la no­stra re­da­zio­ne: a ri­spon­de­re a cia­scu­no di voi è il di­ret­to­re. Ec­co gli in­di­riz­zi: Gen­te, via Ro­ber­to Brac­co 6, 20159 Mi­la­no o di­ret­to­re­gen­te@hear­st.it

GENTE - - Sommario -

LA CU­CI­NOT­TA E SUA “SO­REL­LA” Ca­ro di­ret­to­re, sul nu­me­ro 40 ho vi­sto la fo­to del­la Cu­ci­not­ta con la fi­glia di­cias­set­ten­ne: nel­la di­da­sca­lia c’è scrit­to che sem­bra­no so­rel­le. Ma non ve­de­te i due vol­ti, quel­lo fre­sco del­la fi­glia e quel­lo vis­su­to del­la ma­dre? Car­lo Del Pe­ru­gia Ca­ro Car­lo, de­vi es­se­re un uo­mo ru­de e po­co av­vez­zo a fa­re com­pli­men­ti al­le don­ne... Quel­la no­stra di­da­sca­lia di am­mi­ra­zio­ne era una do­ve­ro­sa ga­lan­te­ria nei con­fron­ti di una bra­va at­tri­ce che, a 50 an­ni, re­sta bel­lis­si­ma an­che con il vi­so “vis­su­to”. LETTRICE E SCRITTRICE Gen­ti­le di­ret­to­re, leg­go Gen­te da an­ni e ho la pas­sio­ne del­la scrit­tu­ra. Ho ap­pe­na ul­ti­ma­to un ro­man­zo, Vo­glio vi­ve­re spet­ti­na­ta, che rac­con­ta la sto­ria di una don­na, Ele­na, che pri­ma è fi­glia e stu­den­tes­sa, poi mo­glie, la­vo­ra­tri­ce e ma­dre. È un ro­man­zo d’amo­re, ma an­che un viag­gio in­tro­spet­ti­vo del­la pro­ta­go­ni­sta. Il mio so­gno è ve­der­lo pub­bli­ca­to da una ca­sa edi­tri­ce. In­tan­to, mi pia­ce­reb­be ave­re un suo giu­di­zio. Gra­zie. Vit­to­ria K. S. Ca­ra Vit­to­ria, è un pia­ce­re sco­pri­re, una vol­ta di più, che tra i let­to­ri di Gen­te ci so­no per­so­ne in gam­ba co­me te. Il tuo ro­man­zo è in­te­res­san­te, a trat­ti emo­zio­nan­te, e mi au­gu­ro che il so­gno di ve­der­lo pub­bli­ca­to pos­sa rea­liz­zar­si al più pre­sto. CANDIDIAMO GLI AN­GE­LA AL NO­BEL! Gen­ti­le di­ret­to­re, quan­do que­sta let­te­ra sa­rà pub­bli­ca­ta, il No­bel per la let­te­ra­tu­ra sa­rà già sta­to as­se­gna­to. Tut­ta­via pen­so che, in fu­tu­ro, non sa­reb­be un’idea mal­va­gia can­di­da­re Pie­ro e Al­ber­to An­ge­la a que­sto pre­mio, per l’im­pe­gno che nel cor­so del­la lo­ro vi­ta han­no mes­so nel­la di­vul­ga­zio­ne del­la co­no­scen­za e per la pro­fes­sio­na­li­tà con la qua­le ci so­no riu­sci­ti. Sa­reb­be un pre­mio mol­to più me­ri­ta­to di quel­lo as­se­gna­to nel 2016 al ma­le­du­ca­tis­si­mo Bob Dy­lan. Giu­sep­pe Pe­ro­ni Ca­ro Giu­sep­pe, que­st’an­no il No­bel per la let­te­ra­tu­ra non è sta­to as­se­gna­to a cau­sa di uno scan­da­lo ses­sua­le che ha “pa­ra­liz­za­to” l’Ac­ca­de­mia che de­si­gna il vin­ci­to­re. Se ne ri­par­le­rà nel 2019, quan­do ci sa­ran­no due vin­ci­to­ri. Pie­ro e Al­ber­to An­ge­la so­no straor­di­na­ri, è ve­ro, ma quel pre­mio va di so­li­to a per­so­na­li­tà no­te in tut­to il mon­do e pen­so che sa­reb­be­ro lo­ro stes­si i pri­mi a li­qui­da­re la pro­po­sta con una bat­tu­ta. Dy­lan? In ef­fet­ti me­ri­ta­va il No­bel per l’an­ti­pa­tia. UNA POE­SIA PER AL BANO E ROMINA Gen­ti­le di­ret­to­re, de­di­co que­sta poe­sia ai miei can­tan­ti pre­fe­ri­ti: Al Bano e Romina. L’amo­re è tor­na­re a ca­sa da un lun­go viag­gio e re­spi­ra­re con te l’aria del Sa­len­to. L’amo­re è can­ta­re le no­stre can­zo­ni. L’amo­re è vo­ler­ti be­ne ogni gior­no. L’amo­re è an­da­re al ma­re, sta­re sdra­ia­ti al so­le e fa­re lun­ghe nuo­ta­te con te. L’amo­re è far­ti mil­le sorprese e ve­de­re il tuo vi­so ros­so dall’emo­zio­ne. L’amo­re è cam­mi­na­re con te, te­nen­do­ti per ma­no. L’amo­re è guar­da­re dal bal­co­ne il sor­ge­re del so­le e il tra­mon­to. L’amo­re è aver­ti ac­can­to e po­ter­ti di­re an­co­ra ti amo. Mau­ra Gra­zia­no (Ac­qui Ter­me)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.