IN­SIE­ME SO­LO SUL SET

GENTE - - Sommario - di Sa­ra Recordati

Il nuo­vo film, Eu­fo­ria, Va­le­ria Go­li­no, l’ha de­di­ca­to all’ex com­pa­gno Sca­mar­cio, che ha vo­lu­to co­me pro­ta­go­ni­sta. «Pur di aver­lo sul set l’ho cor­teg­gia­to per un an­no», di­ce.

Cer­ti amo­ri non fi­ni­sco­no, fan­no dei gi­ri im­men­si e poi ri­tor­na­no”. La can­zo­ne di Ven­dit­ti è il pri­mo pen­sie­ro che vie­ne in men­te an­dan­do al ci­ne­ma a ve­de­re Eu­fo­ria, il nuo­vo, in­ten­so film di Va­le­ria Go­li­no, che ha Ric­car­do Sca­mar­cio per pro­ta­go­ni­sta. La lo­ro re­la­zio­ne si è con­clu­sa, ma non per que­sto han­no smes­so di la­vo­ra­re in­sie­me. La pel­li­co­la è una ve­ra di­chia­ra- zio­ne d’amo­re del­la re­gi­sta per il suo gio­va­ne ex com­pa­gno, con il qua­le ha con­di­vi­so un­di­ci an­ni di pas­sio­ne e che qui ap­pa­re in qua­si ogni fo­to­gram­ma, al mas­si­mo del­la ma­tu­ra­zio­ne ar­ti­sti­ca. « C’è mol­to amo­re e te­ne­rez­za, ma io m’in­na­mo­ro di tut­ti i miei at­to­ri», si scher­mi­sce la Go­li­no: «È suc­ces­so an­che con Ja­smi­ne Trin­ca, pro­ta­go­ni­sta del mio pri­mo film, Mie

le ». Cer­to, ma qui è di­ver­so. E l’in­ti­mi­tà a lun­go con­di­vi­sa tra re­gi­sta a in­ter­pre­te tra­su­da in ogni sce­na. « Co­no­sco be­ne Ric­car­do: è ine­vi­ta­bi­le che cer­cas­si di ac­chiap­pa­re le espres­sio­ni o le si­tua­zio­ni che mi han­no emo­zio­na­to in pas­sa­to. È ve­ro che cer­ti amo­ri non fi­ni­sco­no, co­sì co­me con­ti­nuo a vo­le­re be­ne a Fa­bri­zio Ben­ti­vo­glio, con cui so­no sta­ta per die­ci an­ni. Non è det­to che ac­ca­da, ma in cer­ti ca­si si può con­ti­nua­re a vo­ler be­ne a qual­cu­no per sem­pre».

Eu­fo­ria è la sto­ria di due fra­tel­li (in­ter­pre­ta­ti da Sca­mar­cio, ap­pun­to, e Va­le­rio Ma­stan­drea) che si so­no per­si di vi­sta e si

ri­tro­va­no quan­do uno dei due sco­pre di ave­re una gra­ve ma­lat­tia. Che stra­no ti­to­lo, Eu­fo­ria. «Non vo­le­vo rac­con­ta­re que­ste vicende con cu­pez­za, ma man­te­nen­do una ve­na gio­io­sa. Quel­la che per­met­te di sor­ri­de­re e d’im­bel­li­re il pre­sen­te rac­con­tan­do an­che qual­che bu­gia ne­ces­sa­ria: a me è ca­pi­ta­to. E suc­ce­de an­che a Mat­teo (Sca­mar­cio) quan­do sce­glie di non co­mu­ni­ca­re a Et­to­re (Ma­stan­drea) che a que­st’ul­ti­mo re­sta po­co da vi­ve­re».

Al­la sua se­con­da pro­va da re­gi­sta Va­le­ria Go­li­no ha vo­lu­to ac­can­to a sé non so­lo Ric­car­do, ma tut­to il suo gran­de clan di ami­ci, a par­ti­re dal­la pro­dut­tri­ce Vio­la Pre­stie­ri, poi le at­tri­ci Isa­bel­la Fer­ra­ri, Va­len­ti­na Cer­vi e Ja­smi­ne Trin­ca. « Co­no­sco Isa­bel­la da una vi­ta: ci sia­mo in­con­tra­te a Fiu­mi­ci­no quan­do io ave­vo 18 an- ni e lei 20. Io con la te­sta pie­na di ric­ci e la ke­fiah pa­le­sti­ne­se e lei, che ave­va già fat­to Sa­po­re di ma­re, una ve­ra di­va: in tail­leur e pel­lic­cia, tut­ta pro­fu­ma­ta. Ab­bia­mo co­min­cia­to a par­la­re e non ci sia­mo più la­scia­te: sem­bra­va­mo la stra­na cop­pia». Le fa eco la Fer­ra­ri: «Fu un col­po di ful­mi­ne. An­da­va­mo en­tram­be al Fe­sti­val del ci­ne­ma di To­ri­no e con­ti­nuam­mo a par­la­re an­che in ca­me­ra d’al­ber­go. Ri­den­do, ci scam­biam­mo i ve­sti­ti».

Cer­te ami­ci­zie so­no più pre­zio­se dell’a- mo­re, se non al­tro per­ché du­ra­no mol­to di più. «Mi com­muo­ve che Isa­bel­la in Eu­fo­ria, nei pan­ni del­la mo­glie ab­ban­do­na­ta da Ma­stan­drea, ab­bia scel­to di ap­pa­ri­re non al suo me­glio, ma sciu­pa­ta, sen­za truc­co. Si è fi­da­ta di me», pro­se­gue Go­li­no, che nel frat­tem­po e con di­scre­zio­ne ha già tro­va­to un nuo­vo amo­re gio­va­ne, l’av­vo­ca­to ro­ma­no Fa­bio Pa­lom­bi, che ha 24 an­ni me­no di lei. Da quel pri­mo “col­po di ful­mi­ne” con Isa­bel­la è pas­sa­ta mol­ta ac­qua sot­to i pon­ti. «La vi­ta ci ha con­dot­to su stra­de dif­fe-

«SUL SET C’ERA MOL­TA TE­NE­REZ­ZA FRA NOI», SPIE­GA LA RE­GI­STA, CHE HA VO­LU­TO CON SÉ L’EX COM­PA­GNO E LE AMI­CHE CA­RE, CO­ME LA FER­RA­RI: «TRA ME E VA­LE­RIA FU UN COL­PO DI FUL­MI­NE...»

ren­ti, Isa­bel­la mo­glie e mam­ma di tre fi­gli, io con i miei amo­ri to­ta­liz­zan­ti, ma non per que­sto ci sia­mo per­se di vi­sta. Al­me­no una vol­ta al me­se ci ri­tro­via­mo, e con noi c’è Va­len­ti­na Cer­vi». È lei, in­fat­ti, l’al­tra pun­ta di que­sto trian­go­lo tut­to al fem­mi­ni­le: «Ci sia­mo in­con­tra­te an­ni fa al­la Mo­stra di Ve­ne­zia, ab­bia­mo pas­sa­to la not­te in ca­me­ra a be­re vo­d­ka e chiac­chie­ra­re», ri­cor­da Va­len­ti­na. «È bel­lo la­vo­ra­re con un’ami­ca, per­ché non ti giu­di­ca». Ri­de Va­le­ria: «L’ami­ci­zia per­met­te di af­fi­da­re all’al­tra co­se in­di­ci­bi­li, che ma­ga­ri non hai con­fes­sa­to nean­che a te stes­sa».

Per Isa­bel­la Fer­ra­ri si trat­ta di un pe­rio­do di ri­na­sci­ta - in que­sti gior­ni è an­che nel­la com­me­dia In viag­gio con Ade­le - do­po il lun­go stop im­po­sto dal­la pa­to­lo­gia au­toim­mu­ne che l’ha col­pi­ta al­le gam­be nel 2016, im­pe­den­do­le per un po’ di cam­mi­na­re. «La ma­lat­tia mi ha in­se­gna­to a su- pe­ra­re le mie pau­re e ad as­sa­po­ra­re, mol­to di più, tut­to quel­lo che ho», con­fi­da la Fer­ra­ri. «Og­gi so­no più for­te di pri­ma, ma an­che in quel pe­rio­do non ho mai mol­la­to, ho sem­pre te­nu­to du­ro ve­den­do la pre­oc­cu­pa­zio­ne ne­gli oc­chi dei miei ca­ri». Con­cor­da sul fat­to che Sca­mar­cio in que­sto film sia in uno sta­to di gra­zia. «È il mi­ste­ro del­la vi­ta: c’è chi si la­scia per sem­pre, in­ve­ce per lui è sta­to spe­cia­le re­ci­ta­re per la don­na che ha ama­to tan­to ed evi­den­te­men­te si è sen­ti­to a suo agio nel la­sciar­si an­da­re in que­sto ruo­lo estre­mo».

La Go­li­no con­fes­sa di ave­re sem­pre avu­to de­si­de­rio e pia­ce­re di ri­pren­de­re la sua ami­ca Isa­bel­la. «Già con le pri­me te­le­ca­me­re, ne­gli an­ni Ot­tan­ta, lei era la pro­ta­go­ni­sta as­so­lu­ta dei miei fil­ma­ti, bel­la e vul­ne­ra­bi­le. An­che per­ché era l’uni­ca che me lo la­scia­va fa­re! Que­sto per di­re che la re­gia mi ap­par­tie­ne da sem­pre, ma ci so­no ar­ri­va­ta tar­di, per­ché ave­vo pu­do­re. È me­ri­to di Ric­car­do e Vio­la Pre­stie­ri che, a un cer­to pun­to, mi han­no co­stret­to. Non mi sen­ti­vo in di­rit­to di pro­var­ci, co­me ca­pi­ta spes­so al­le don­ne. Cre­do­no dav­ve­ro di non po­ter­si fa­re avan­ti, di do­ver la­scia­re bril­la­re so­lo gli uo­mi­ni, ma è sba­glia­to».

È più fa­ti­co­so fa­re la re­gi­sta o l’at­tri­ce? «L’at­tri­ce di si­cu­ro, an­che se la re­gia è un im­pe­gno to­ta­liz­zan­te, che du­ra an­che due o tre an­ni». Per que­sto, per po­ter da­re tut­to al suo film, Va­le­ria si è ri­ta­glia­ta so­lo ruo­li pic­co­li da at­tri­ce. Co­me ne I vil­leg­gian­ti, che esce a Na­ta­le, in cui re­ci­ta an­co­ra con Sca­mar­cio e con un’al­tra ca­ra ami­ca, Va­le­ria Bru­ni Te­de­schi. «Le ami­che so­no tut­to, an­che nei mo­men­ti dif­fi­ci­li, quan­do li­ti­ghi; sai che per te ci sa­ran­no sem­pre».

«È BEL­LO LA­VO­RA­RE CON UNA AMI­CA: NON TI GIU­DI­CA», DI­CE LA CER­VI

LO HA COR­TEG­GIA­TO PER UN AN­NO Ric­car­do Sca­mar­cio, 38 an­ni, e Va­le­ria Go­li­no, 53, a Che tem­po che fa, do­ve han­no pre­sen­ta­to Eu­fo­ria. «Quan­do Va­le­ria ha scrit­to il film, era un mo­men­to com­pli­ca­to e dis­si no», ha spie­ga­to l’at­to­re. «Poi, un an­no do­po, mi ha fat­to leg­ge­re il co­pio­ne e ho ca­pi­to che era bel­lis­si­mo. Lei fa­ce­va pro­vi­ni, ma il pro­ta­go­ni­sta non lo tro­va­va. E a un cer­to pun­to mi ha chie­sto: “Ma in­som­ma, tu lo fa­re­sti?”. Ho ac­cet­ta­to».

LE FAN­TA­STI­CHE QUAT­TRO Can­nes (Fran­cia). All’ul­ti­mo Fe­sti­val del ci­ne­ma Va­le­ria Go­li­no (se­con­da da de­stra), al­la pre­sen­ta­zio­ne del se­con­do film da lei di­ret­to, Eu­fo­ria, ora nei ci­ne­ma. Con lei tre in­ter­pre­ti, ol­tre che sue ca­re ami­che: da si­ni­stra, Ja­smi­ne Trin­ca, 37, Va­len­ti­na Cer­vi, 44, e Isa­bel­la Fer­ra­ri, 54. Sot­to, la re­gi­sta in azio­ne sul set.

UNA MA­LAT­TIA LI SCONVOLGE So­pra, Ric­car­do Sca­mar­cio e Va­le­rio Ma­stan­drea, 46 an­ni, in una sce­na di Eu­fo­ria: so­no due fra­tel­li mol­to di­ver­si e di­stan­ti, che si ri­tro­va­no quan­do il se­con­do vie­ne col­pi­to da una gra­ve ma­lat­tia. Ri­sco­pri­ran­no l’an­ti­co af­fet­to. A de­stra, Sca­mar­cio con­so­la Isa­bel­la Fer­ra­ri, la mo­glie di­spe­ra­ta di suo fra­tel­lo. FRA­TEL­LI MOL­TO DI­VER­SI Ric­car­do e Va­le­rio in una spa. Sca­mar­cio in­ter­pre­ta un ric­co uo­mo d’af­fa­ri, co­cai­no­ma­ne, che con­du­ce una vi­ta dis­so­lu­ta; Ma­stan­drea è in­ve­ce un in­se­gnan­te, abi­tua­to a uno sti­le di vi­ta mo­ri­ge­ra­to, che si ri­tro­va ca­ta­pul­ta­to nel­la ca­sa e nel­la vi­ta del fra­tel­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.