SFI­DA TUT­TI I PRE­GIU­DI­ZI

«ERA UN TROVATELLO. CON IL SUO CO­RAG­GIO E LA SUA FOR­ZA È UN ESEM­PIO PER I BIM­BI», SPIE­GA L’AU­TRI­CE

GENTE - - Animali - di Rossana Linguini

HA AN­CHE INI­ZIA­TO UN TOUR NEL­LE SCUO­LE ITA­LIA­NE

C’ era una vol­ta un gat­to, ve­nu­to al mon­do sot­to tan­ti in­fau­sti au­spi­ci da far te­me­re che set­te vi­te non gli sa­reb­be­ro ba­sta­te. Ma sic­co­me l’esi­sten­za ol­tre a quel che ci toc­ca in sor­te è pu­re ciò che ci sce­glia­mo con for­za e au­da­cia, è an­da­ta di­ver­sa­men­te. E la sto­ria ve­ra del gat­ti­no più ne­ro del fu­tu­ro che sem­bra­va spet­tar­gli è di­ven­ta­ta una fa­vo­la a lie­to fi­ne di in­te­gra­zio­ne, ri­spet­to e co­rag­gio. È quel­la nar­ra­ta in Sto­ria di Mi­lo, il gat­to che non sa­pe

va sal­ta­re, edi­to da Guan­da e ope­ra di Co­stan­za Riz­za­ca­sa d’Or­so­gna, gior­na­li­sta, scrit­tri­ce e “mam­ma adot­ti­va” di Mi­lo: per­ché quel mi­ci­no chia­ma­to co­me il fi­glio più pic­co­lo dell’In­com­pre­so di Lui­gi Co­men­ci­ni, film pre­fe­ri­to dell’au­tri­ce, esi­ste dav­ve­ro. E le sue ge­sta, ol­tre che nel li­bro, so­no rac­con­ta­te dal­la Riz­za­ca­sa su “Io e Mi­lo”, ru­bri­ca set­ti­ma­na­le del Cor­rie­re.it, e su­gli ac­count Twit­ter e In­sta­gram del mi­cio.

Uni­co na­to vi­vo del­la sua cuc­cio­la­ta, Mi­lo, pic­co­lo, gra­ci­le e dal­le “un­ghiet­te de­li­ca­te co­me fi­li d’er­ba”, so­prav­vi­ve an­che al­la pre­ma­tu­ra scom­par­sa del­la mam­ma ran­da- gia pri­ma di es­se­re sal­va­to da un ra­gaz­zo che lo in­fi­la nel­la sua ta­sca cal­da in una not­te di piog­gia nel cuo­re di Bre­ra, a Mi­la­no. La sua nuo­va vi­ta, pe­rò, co­min­cia a Ro­ma, quan­do il fe­li­no vie­ne adot­ta­to dal­la so­rel­la del ra­gaz­zo, che sco­pre co­me quel mi­ci­no dal ca­rat­te­re for­te co­me “una pan­te­ra in mi­nia­tu­ra”, che pe­rò cam­mi­na a zig zag, sof­fra di una sin­dro­me neu­ro­lo­gi­ca, l’ipo­pla­sia ce­re­bel­la­re. Una di­sa­bi­li­tà con­ge­ni­ta che ren­de Mi­lo “ne­ro co­me la pe­ce” e dun­que già ber­sa­glio di an­ti­che e mai so­pi­te su­per­sti­zio­ni, ul­te­rior­men­te di­ver­so dai suoi si­mi­li. Co­me ac­ca­de a chiun­que par­ta svan­tag­gia­to ri­spet­to agli al­tri, non im­por­ta se con quat­tro zam­pe o due gam­be.

È at­tor­no a que­sta me­ta­fo­ra che si svi­lup­pa il li­bro, scrit­to dal­la Riz­za­ca­sa con trat­to iro­ni­co e ci­ta­zio­ni let­te­ra­rie: il Ba­bau di Di­no Buz­za­ti, che per Mi­lo as­su­me ora le sem­bian­ze di un mo­sce­ri­no ora quel­le di una muc­ca, o il gab­bia­no Jo­na­than Li­ving­ston di Ri­chard Ba­ch, che pe­rò nel li­bro si chia­ma Vir­gi­lio ed è il pri­mo ami­co che avrà il pic­co­lo Mi­lo. Lun­go la sua stra­da ne in­con­tre­rà al­tri, dal ric­cio Giu­lia, sfrat­ta­ta dal Co­los­seo da un bran­co di ra­gaz­zi­ni che vo­le­va­no dar­le fuo­co, all’asti­ce Ca­glio­stro, che ha per­so una che­la per sal­var­si da una pen­to­la d’ac­qua bol­len­te, al­lo sch­nau­zer Pi­no, il ca­ne che du­ran­te una va­can­za all’iso­la di Li­no­sa gli in­se­gne­rà co­me le raz­ze sia­no so­lo un’in­ven­zio­ne de­gli uo­mi­ni. As­sie­me a lo­ro Mi­lo su­pe­re­rà pau­re e dif­fi­col­tà, in­se­gnan­do al­la sua mam­ma uma­na “che i fi­gli bi­so­gna pro­teg­ger­li ma an­che la­sciar­li an­da­re. Che se si rom­po­no pa­zien­za, si riat­tac­ca­no”. In­tan­to il li­bro sca­la le clas­si­fi­che di ven­di­ta ed è già in ri­stam­pa do­po po­chi gior­ni dall’usci­ta, e chis­sà che pre­sto non di­ven­ti un car­to­ne ani­ma­to. Per ora la sua au­tri­ce lo por­ta in gi­ro per le scuo­le.

«Leg­go stral­ci del li­bro e gli stu­den­ti ca­pi­sco­no tut­to», rac­con­ta Co­stan­za Riz­za­ca­sa. «Una bam­bi­na di Ca­po Ver­de ha rac­con­ta­to di quan­do le ti­ra­va­no i ca­pel­li per­ché ne­ra, un bim­bo si­ci­lia­no di co­me lo chia­mas­se­ro “ter­ro­ne”. E un ra­gaz­zi­no mi ha spie­ga­to che la di­scri­mi­na­zio­ne con­tro il ne­ro, il di­sa­bi­le e l’in­di­fe­so og­gi non è di­ver­sa da quan­do al suo bi­snon­no proi­bi­ro­no di en­tra­re a scuo­la per­ché ebreo».

PO­SA PER NOI CON LA BIOGRAFA Ro­ma. Mi­lo con Co­stan­za Riz­za­ca­sa d’Or­so­gna, 45 an­ni, che l’ha adot­ta­to e ha scrit­to Sto­ria di Mi­lo, il gat­to che non sa­pe­va sal­ta­re, Guan­da, 112 pa­gi­ne, 13 eu­ro. (Fo­to Al­ber­to Cri­sto­fa­ri). HA AN­CHE UNA VI­TA DA WEBSTAR Sce­ne di vi­ta quo­ti­dia­na di Mi­lo po­sta­te sui so­cial: so­pra, su una mi­cro-ama­ca in va­can­za; a si­ni­stra, con un cap­pel­li­no di pa­glia per ri­pa­rar­si dal so­le; sot­to, nel tra­spor­ti­no du­ran­te un viag­gio in tre­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.