Al mo­men­to di pa­ga­re il con­to può emer­ge­re la cri­si di cop­pia

Le an­ti­che con­ven­zio­ni so­no su­pe­ra­te, ma per mol­ti of­fri­re la ce­na al­le com­pa­gne re­sta un ob­bli­go, una di­mo­stra­zio­ne di po­te­re, che spes­so le part­ner non ac­cet­ta­no. Da qui i bat­ti­bec­chi, sin­to­mi di di­sar­mo­nia

GENTE - - Salute - GIANNA SCHELOTTO

S em­bra­va un fe­no­me­no in via di estin­zio­ne, ma mol­ti uo­mi­ni an­co­ra sof­fro­no la pa­ri­tà dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co. Al ci­ne­ma, al ri­sto­ran­te, in ho­tel non ac­cet­ta­no di di­vi­de­re le spe­se con la lo­ro com­pa­gna, ri­te­nen­do che que­sto get­te­reb­be om­bre mo­le­ste sul­la lo­ro di­gni­tà. Ci so­no ca­si nei qua­li il pro­ble­ma non si po­ne: le si­gno­re si adat­ta­no di buon gra­do all’an­ti­ca re­go­la non scrit­ta e i lo­ro com­pa­gni non si sen­to­no mi­nac­cia­ti da pre­sun­te su­pre­ma­zie. Ma non sem­pre tut­to fi­la sen­za at­tri­ti. Gli uo­mi­ni si por- ta­no den­tro un pre­giu­di­zio: la lo­ro iden­ti­tà pro­fon­da è le­ga­ta a un’idea di for­za e di po­te­re ben du­ra a mo­ri­re. Se­con­do le vec­chie con­vin­zio­ni, una don­na a cau­sa del­la sua in­trin­se­ca de­bo­lez­za de­ve es­se­re pro­tet­ta dal compagno che le sta ac­can­to. Se dal pun­to di vi­sta ra­zio­na­le i ma­schi, an­che i me­no ac­cor­ti, han­no ac­cet­ta­to gran par­te dei ri­vo­lu­zio­na­ri cam­bia­men­ti che si so­no ve­ri­fi­ca­ti nel rap­por­to tra uo­mo e don­na, tut­ta­via sul pia­no del­le emo­zio­ni pro­fon­de pos­so­no an­co­ra scon­trar­si con i re­sti osti­na­ti dell’an­ti­ca idea di sé pre­sen­te nel­la psi­che ma­schi­le. Al­lo stes­so mo­do an­che in mol­te don­ne re­sta­no trac­ce del­le con­ven­zio­ni so­cia­li di un tem­po: quin­di non so­lo non si of­fen­do­no, ma ri­ten­go­no do­vu­ta e ne­ces­sa­ria la esi­bi­ta ge­ne­ro­si­tà ma­schi­le. Ma so­no tan­te or­mai, so­prat­tut­to tra le don­ne gio­va­ni e in­di­pen­den­ti, quel­le che non ac­cet­ta­no nes­sun ti­po di di­spa­ri­tà con l’uo­mo e in­si­sto­no per una più equa di­stri­bu­zio­ne del de­na­ro da spen­de­re in­sie­me. In que­sti ca­si na­sco­no di­scus­sio­ni nel­la cop­pia, che di­ven­ta­no fon­te di ma­lu­mo­ri e di di­sa­gi. In­fat­ti ognu­no dei due at­tri­bui­sce al ge­sto del pa­ga­re una sor­ta di con­fer­ma di sé e del­le pro­prie si­cu­rez­ze. Ci so­no si­gno­re che ri­nun­cia­no a viag­gi e a ce­ne per que­sto mo­ti­vo. Pre­fe­ri­sco­no evi­ta­re gli in­cre­scio­si bat­ti­bec­chi che in­sor­go­no ogni vol­ta che ar­ri­va un con­to da pa­ga­re. In una cop­pia sa­na pri­ma o poi si giun­ge a un ac­cor­do su que­sto pun­to, per­ché cia­scu­no dei due rie­sce a ca­pi­re che die­tro al­la con­tro­ver­sia non si an­ni­da­no al­tri dis­sen­si oc­cul­ti. Pe­rò ac­ca­de an­che che si uti­liz­zi il con­flit­to sul de­na­ro so­lo per na­scon­de­re a se stes­si i ve­ri se­gna­li di cri­si o di in­com­pren­sio­ne. Al­lo­ra le don­ne usa­no la pro­di­ga­li­tà ma­schi­le per ca­pi­re quan­to va­lo­re han­no per i lo­ro uo­mi­ni e co­sto­ro, apren­do i cor­do­ni del­la bor­sa, pen­sa­no di ri­pa­rar­si da pos­si­bi­li ro­ve­sci amo­ro­si. In que­sti ca­si il pro­ble­ma è più se­rio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.