Co­me ho fregato l’oro­lo­gio biologico

Se­con­do una ri­cer­ca ame­ri­ca­na, le don­ne ver­so gli “anta” han­no ot­ti­me pos­si­bi­li­tà di con­ce­pi­re se l’uo­mo è mol­to più gio­va­ne. E fin­ché si trat­ta di in­na­mo­rar­si, non è trop­po dif­fi­ci­le. Ma poi il “ra­gaz­zo” reg­ge­rà il pe­so di una fa­mi­glia? Le cop­pie che abb

GIOIA - - Sommario - di Fran­ce­sca Bus­si – fo­to Dia­na Ba­gno­li

con la fi­glia Aga­ta ap­pe­na na­ta, che se la strin­ge con­tro la ca­mi­cia. «Se l’era mes­sa ap­po­sta», di­ce ri­den­do, per­ché sa­pe­va che l’avreb­be vi­sta e toc­ca­ta per pri­mo, che sa­reb­be sta­to lui a te­ner­la «vi­ci­no al suo cuo­re», ed era con­vin­to che quell’in­con­tro, quel con­tat­to, me­ri­tas­se­ro un tes­su­to più de­li­ca­to di una ma­gliet­ta. «Per lui è sta­ta un’emo­zio­ne, qual­co­sa di dav­ve­ro im­por­tan­te. Quel gior­no era mol­to te­ne­ro, co­sì spa­ven­ta­to: a me ave­va­no fat­to un ce­sa­reo pro­gram­ma­to, a lui ave­va­no af­fi­da­to questa bam­bi­na che ur­la­va». È fe­li­ce, Sa­bri­na, di non aver­gli det­to no, co­me era sta­ta ten­ta­ta di fa­re quel­la se­ra di no­ve an­ni fa, quan­do lui l’ave­va in­vi­ta­ta a usci­re. La dif­fe­ren­za di età la spin­ge­va a non dar­gli una chan­ce, non im­por­ta­va che fos­se «sim­pa­ti­co, ca­ri­no, mi era pia­ciu­to da su­bi­to». Per­ché Sa­bri­na ha 46 an­ni e Ja­co­po 31. La lo­ro è una di quel­le fa­mi­glie con mam­ma più gran­de e pa­pà più gio­va­ne, pro- va vi­ven­te del­la ri­cer­ca del­la Har­vard Me­di­cal school di Bo­ston che que­st’esta­te ha da­to l’ad­dio de­fi­ni­ti­vo all’oro­lo­gio biologico. O me­glio: l’ha re­so pa­ri­ta­rio. Ha in­fat­ti sfa­ta­to il mi­to de­gli uomini “al­la Char­lie Cha­plin”, pa­pà fi­no in tar­da età: an­che la fer­ti­li­tà ma­schi­le di­mi­nui­sce con il pas­sa­re del tempo, e co­sì per una don­na ver­so gli “anta” la pos­si­bi­li­tà di con­ce­pi­re au­men­ta fi­no al 70 per cen­to con un part­ner sot­to i 30. Il re­sto che si sco­pre, par­lan­do con que­ste cop­pie, non lo può spie­ga­re uno stu­dio scien­ti­fi­co. Per­ché è fat­to del­la stes­sa ma­te­ria un po’ va­ga dei sen­ti­men­ti. Ed è una storia che rac­con­ta co­me i pa­dri più gio­va­ni sia­no, con­tra­ria­men­te a ogni luo­go co­mu­ne sull’ir­re­spon­sa­bi­li­tà, mol­to ma­tu­ri. Co­me Ja­co­po. «Se pen­so a co­me ero io al­la sua età, con il mio

fi­dan­za­to dell’epo­ca...». Sa­bri­na ri­cor­da la ma­ter­ni­tà co­sì «di­stan­te», una co­sa al­la qua­le «pro­prio non pen­sa­vo, pro­ba­bil­men­te non ero nean­che pron­ta. Ja­co­po in­ve­ce è mol­to re­spon­sa­bi­le. Pre­pa­ra Aga­ta, la ve­ste, la por­ta all’asi­lo. E poi gio­ca­no tan­to. Lei pro­prio lo ado­ra». Pen­sar­si a lun­go ter­mi­ne non è sta­to im­me­dia­to. «Mai avrei im­ma­gi­na­to che sa­rem­mo an­da­ti avan­ti no­ve an­ni. All’ini­zio era­va­mo co­sì fre­na­ti». Sì: a un cer­to pun­to la cri­si per la dif­fe­ren­za di età è ar­ri­va­ta, ma non ha vin­to. «Non ci sia­mo la­scia­ti, lui è an­da­to qual­che me­se in In­ghil­ter­ra, un pe­rio­do di ri­fles­sio­ne. Quan­do è tor­na­to, ab­bia­mo de­ci­so di an­da­re avan­ti: era­va­mo in­na­mo­ra­ti, non ave­va sen­so chiu­de­re la storia per un nu­me­ro». In­ca­stra­ta nell’oriz­zon­te di Ja­co­po, c’era l’idea di di­ven­ta­re pa­dre, pe­rò lon­ta- na: ha scel­to di an­ti­ci­par­la. «Se fos­se sta­to con una coe­ta­nea, pro­ba­bil­men­te avreb­be aspet­ta­to an­co­ra qual­che an­no. Ma io, vi­sta l’età, non po­te­vo at­ten­de­re ol­tre, ave­vo già avu­to pro­ble­mi di sa­lu­te. E un fi­glio lo de­si­de­ra­vo mol­to». Su co­sa por­te­rà il fu­tu­ro, Sa­bri­na più di tan­to non si in­ter­ro­ga. «Non mi pro­iet­to trop­po avan­ti. So­no pes­si­mi­sta, ma fin­ché va be­ne va be­ne: vi­via­mo il pre­sen­te», mi di­ce, le “z” e le “s” re­se dol­ci dall’ac­cen­to emi­lia­no. «Pe­rò me lo so­no chie­sta tan­te vol­te, che co­sa suc­ce­de­rà: so­no ab­ba­stan­za aper­ta e pre­pa­ra­ta. Van­no a fi­ni­re ma­le an­che le storie tra coe­ta­nei, po­treb­be suc­ce­de­re pu­re al­la no­stra». Quello di cui è si­cu­ra, pe­rò, è che la bam­bi­na «ci uni­rà per la vi­ta. Qua­lun­que co­sa suc­ce­da, so che di lui mi pos­so fi­da­re. Avre­mo sem­pre un le­ga­me».

Giu­sep­pe, che s’al­za­va l’età

«Sei co­me le vip». Ogni tan­to, a Giu­sep­pe pia­ce pren­de­re in gi­ro la sua Al­ba per quel­la dif­fe­ren­za di età che li se­pa­ra: 36 an­ni lui, 46 lei, 3.650 gior­ni di di­stan­za che si tro­va­no più spes­so sul­le co­per­ti­ne dei gior­na­li che tra le val­li ber­ga­ma­sche. Lei ri­de: «Me lo fa pe­sa­re, ec­co­me se me lo fa pe­sa­re». Ma è so­lo il co­pio­ne di un gio­co tut­to lo­ro, cre­sciu­to in­sie­me a un amo­re che du­ra da 14 an­ni. E che è na­to con un col­po di ful­mi­ne nell’uf­fi­cio po­sta­le do­ve Al­ba la­vo­ra­va e Giu­sep­pe era an­da­to a fa­re le pu­li­zie. «L’ho scam­bia­to per un ra­pi­na­to­re, hai pre­sen­te quei bei ra­gaz­zi con gli occhiali scu­ri?», ri­de an­co­ra lei. Che am­met­te, sin­ce­ra: la pri­ma co­sa che l’ha col­pi­ta è sta­ta la bellezza, una sor­pre­sa, un pic­co­lo pru­ri­to al cuo­re. Lui – ori­gi­ni si­ci­lia­ne, aria te­ne­bro­sa da sciu­pa­fem­mi­ne – si era pre­sen­ta­to fin­gen­do di es­se­re più gran­de, si era ag­giun­to qual­che an­no. Una nuo­va ri­sa­ta di Al­ba: «Ti pos­so ga­ran­ti­re che è sem­pre sta­to ma­tu­ro, è pro­prio quello che mi ha fregato. Al­le spal­le, ave­vo espe­rien­ze con per­so­ne più vec­chie che ra­gio­na­va­no co­me bam­bi­ni». Rac­con­ta­no di «un ve­ro amo­re», da­van­ti al qua­le an­che i fra­tel­li di Al­ba, più dub­bio­si sulla dif­fe­ren­za di età, si so­no do­vu­ti ri­cre­de­re. Da su­bi­to si sen­to­no ma­ri­to e mo­glie, da su­bi­to san­no di vo­le­re un fi­glio. Ar­ri­va Ma­nuel, e poi So­fia, e poi Ni-

Ma­rio, che sce­se a val­le

Di­ce Mar­ghe­ri­ta, 42 an­ni, che la co­sa più bel­la, del­la sua storia con Ma­rio, 32, non è sta­to l’ini­zio, che lei ri­cor­da «tor­men­ta­to». Cer­ca­va di di­men­ti­ca­re un ma­tri­mo­nio fal­li­to, si è ri­tro­va­ta al­la fe­sta di un’ami­ca, do­ve ha in­con­tra­to quello che per un po’ è ri­ma­sto so­lo una spe­cie di «fra­tel­lo mi­no­re». La scin­til­la scoc­ca, ma all’ini­zio si ve­do­no so­lo nei wee­kend, pas­sa­no qua­si tre an­ni pri­ma che il rap­por­to si so­li­di­fi­chi. Quel­la che Mar­ghe­ri­ta rac­con­ta con te­ne­rez­za suo­na co­me una fia­ba: c’è Ma­rio «ra­gaz­zo-or­so», in­na­mo­ra­to del­le sue mon­ta­gne, del suo la­go, «di­ce­va che Mi­la­no era una cit­tà da paz­zi, non ci sa­reb­be mai ve­nu­to a vivere», e poi in­ve­ce per amo­re scen­de in pia­nu­ra. «Se­con­do me, tan­ti che ci co­no­sco­no po­co si chie­do­no che co­sa ci fac­cia­mo in­sie­me. Può es­se­re che quan­do qual­cu­no ci ve­de non per­ce­pi­sca que­sto amo­re pro­fon­do che tan­te vol­te ha vo­lu­to di­re es­se­re uni­ti an­che nel­la di­ver­si­tà»: lei che la­vo­ra in un uf­fi­cio, lui in of­fi­ci­na; la fa­mi­glia di lei tut­ta “vo­le­mo­se be­ne”, quel­la di lui più ri­ser­va­ta. C’è sta­to un pe­rio­do, spie­ga Mar­ghe­ri­ta, «in cui di­ce­vo: an­co­ra un po’ che aspet­tia­mo a fa­re fa­mi­glia e di­ven­to trop­po vec­chia». Con il suo ex ma­ri­to, più gran­de di 14 an­ni, fi­gli non ne era­no ar­ri­va­ti. E in­ve­ce con Ma­rio, a un cer­to pun­to, è fi­ni­ta che è sta­to lui a dir­le: adesso met­tia­mo un pun­to a questa co­sa. «Nel gi­ro di tre me­si so­no ri­ma­sta in­cin­ta di So­fia». Mar­ghe­ri­ta rac­con­ta di no­ve me­si di gra­vi­dan­za «bel­lis­si­mi», e poi pe­rò di una gran­de pau­ra al mo­men­to del par­to. «Quan­do So­fia è na­ta, han­no aspet­ta­to trop­po a far­mi il ce­sa­reo, e lei è ri­ma­sta no­ve mi­nu­ti senza re­spi­ra­re. È sta­ta in te­ra­pia in­ten­si­va 20 gior­ni. Se adesso sta be­ne, per i me­di­ci è un ve­ro mi­ra­co­lo. Han­no la­scia­to che Ma­rio la fo­to­gra­fas­se su­bi­to, non pen­sa­va­no che ar­ri­vas­se al mat­ti­no do­po». E poi pe­rò il pe­ri­co­lo rien­tra, la pau­ra pas­sa, e og­gi So­fia e il suo pa­pà «gio­ca­no al­la pa­ri», en­tram­bi han­no una fis­sa­zio­ne per le au­to­mo­bi­li. Per Na­ta­le, So­fia ha vo­lu­to una mac­chi­ni­na elet­tri­ca, da usa­re in ca­sa: «Quan­do sia­mo in gi­ro, spes­so chie­de i mo­del­li del­le au­to. Ma­ga­ri le far­fal­le nem­me­no le ve­de, ma le mac­chi­ne sì». Quan­do chie­do a Mar­ghe­ri­ta se pen­sa mai al fu­tu­ro, lei non ha dub­bi: «Io mi im­ma­gi­no la vec­chia­ia con lui, ed è una co­sa che mi scal­da il cuo­re». G

«Io mi im­ma­gi­no la vec­chia­ia con lui, ed è una co­sa che mi scal­da il cuo­re»

co­le: «Se fos­se sta­to per Giu­sep­pe, avreb­be vo­lu­to fa­re an­che il quar­to». So­no i fi­gli con i qua­li «par­lia­mo li­be­ra­men­te di tut­to», senza re­ti. «Pen­sa che ogni tan­to», di­ce Giu­sep­pe «sia­mo noi quat­tro che dob­bia­mo di­re ad Al­ba di cre­sce­re».

La pri­ma co­sa bel­la Al­ba, 46 an­ni, e Giu­sep­pe, 36, con i fi­gli Ma­nuel, 13, Nicole, 3, e So­fia, 11 (la lo­ro storia è rac­con­ta­ta nel­la pa­gi­na suc­ces­si­va). Si so­no in­na­mo­ra­ti 14 an­ni fa e non si so­no più la­scia­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.