Quel no­do in go­la

GIOIA - - Sommario -

La pri­ma vol­ta mi è suc­ces­so in uf­fi­cio. Mi sem­bra­va

di ave­re un cor­po estra­neo bloc­ca­to in go­la. Tos­si­vo, de­glu­ti­vo, ma quel “grop­po” non an­da­va né su né giù, tan­to che a un cer­to pun­to ho pen­sa­to: od­dio, adesso sof­fo­co... Chi l’ha pro­va­to sa be­nis­si­mo di qua­le sen­sa­zio­ne par­lo. So­lo che io non riu­sci­vo a col­le­gar­lo a una cau­sa pre­ci­sa, quin­di mi pre­oc­cu­pa­va an­co­ra di più. «In due ca­si su tre il no­do in go­la è una so­ma­tiz­za­zio­ne pro­vo­ca­ta da an­sia o stress e col­pi­sce so­prat­tut­to chi non rie­sce a sfo­gar­si, te­nen­do tut­to den­tro», spie­ga il pro­fes­sor Gian­ni Pez­zo­li, neu­ro­lo­go di­ret­to­re del cen­tro Par­kin­son di Mi­la­no. «Nei mo­men­ti di ten­sio­ne emo­ti­va, av­vie­ne un’al­te­ra­zio­ne nel to­no del­la mu­sco­la­tu­ra a li­vel­lo fa­rin­geo. Qual­co­sa di mol­to si­mi­le al “ma­go­ne”, che tal­vol­ta scom­pa­re pro­prio do­po un bel pian­to li­be­ra­to­rio. Se si pre­sen­ta spes­so, il me­di­co può pre­scri­ve­re una bre­ve te­ra­pia con blan­di far­ma­ci an­sio­li­ti­ci. Ma nell’im­me­dia­to an­che una ca­mo­mil­la mol­to con­cen­tra­ta, la­scia­ta in in­fu­sio­ne a lun­go in po­ca ac­qua, dà buo­ni ri­sul­ta­ti».

In ef­fet­ti sta­vo at­tra­ver­san­do un pe­rio­do pro­fes­sio­na­le in cui ero sta­ta co­stret­ta a in­ghiot­ti­re mol­ti “ro­spi”. Ma il fat­to è che ol­tre ad ave­re spes­so il no­do in go­la, pro­va­vo an­che al­tri sin­to­mi in­so­li­ti. Per esem­pio, a ta­vo­la, mi ca­pi­ta­va di tos­si­re due o tre mi­nu­ti do­po aver de­glu­ti­to un boc­co­ne. O di av­ver­ti­re, al mat­ti­no ap­pe­na sve­glia, fa­sti­di co­me rau­ce­di­ne, “ra­spi­no” o di ave­re il to­no del­la vo­ce più bas­so del so­li­to, ma senza raf­fred­do­re o mal di go­la. «Se l’oto­ri­no esclu­de una pa­to­lo­gia del­la la­rin­ge o del­la fa­rin­ge e se non ci so­no di­stur­bi del­la ti­roi­de, que­sti pos­so­no es­se­re i pri­mi sin­to­mi del re­flus­so ga­stroe­so­fa­geo, che non va sot­to­va­lu­ta­to per­ché può di­ven­ta­re cro­ni­co», spie­ga la dot­to­res­sa Mi­che­la Ba­ri­chel­la che di­ri­ge l’Uni­tà ope­ra­ti­va di Die­to­lo­gia del C.t.o. di Mi­la­no. «Col­pi­sce so­prat­tut­to le don­ne e pro­vo­ca la ri­sa­li­ta in­vo­lon­ta­ria di suc­chi ga­stri­ci dal­lo sto­ma­co ver­so l’eso­fa­go, fa­vo­ren­do ir­ri­ta­zio­ni al­le mu­co­se e al­le vie ae­ree che con­tri­bui­sco­no al­la sen­sa­zio­ne di no­do in go­la».

Per la dia­gno­si ser­ve la ga­stro­sco­pia (che ho fat­to). Nel mio ca­so il col­pe­vo­le era so­prat­tut­to lo stress, ma in real­tà le cau­se pos­so­no es­se­re va­rie. «Il re­flus­so può ve­ri­fi­car­si, per esem­pio, se per va­ri mo­ti­vi si è co­stret­ti a sal­ta­re i pa­sti o si ha po­co tempo per man­gia­re con cal­ma. An­che una die­ta fai da te po­co equi­li­bra­ta può di­ven­ta­re un fat­to­re sca­te­nan­te: esat­ta­men­te co­me la ten­sio­ne emo­ti­va, fa au­men­ta­re l’aci­di­tà del­lo sto­ma­co e, di con­se­guen­za, può fa­vo­ri­re la ri­sa­li­ta dei suc­chi ga­stri­ci». Qua­lun­que sia­no le cau­se, è uti­le pren­der­si più tempo per i pa­sti. E poi eli­mi­na­re o ri­dur­re tut­ti i ci­bi che peg­gio­ra­no l’aci­di­tà: tè, caf­fè, cioccolato, bi­bi­te gas­sa­te e ac­qua friz­zan­te, ali­men­ti in sca­to­la, for­mag­gi e gras­si, so­prat­tut­to frit­ti e con­di­men­ti, che ral­len­ta­no lo svuo­ta­men­to ga­stri­co. Giu­sto, in­ve­ce, da­re la pre­fe­ren­za a car­ne e pe­sce al va­po­re o al­la gri­glia. Se i sin­to­mi non pas­sa­no, il me­di­co può pre­scri­ve­re far­ma­ci an­ti­a­ci­do e ga­stro­pro­tet­to­ri». Nel mio ca­so, per for­tu­na, tut­to è mi­glio­ra­to quan­do la di­ret­tri­ce dell’uf­fi­cio in cui la­vo­ra­vo è sta­ta “si­lu­ra­ta”. Quel gior­no, po­co pri­ma che ab­ban­do­nas­se per sem­pre la sua scri­va­nia, ho tro­va­to il co­rag­gio (mi chie­do an­co­ra co­me) di af­fron­tar­la e dir­le tut­to quello che pen­sa­vo, di lei e del­le sue scor­ret­tez­ze: la­sciar sal­tel­la­re fuo­ri quei “ro­spi” e sen­ti­re il grop­po scio­glier­si è sta­to me­ra­vi­glio­so!

Un “grop­po” che non pas­sa, la pau­ra di ave­re qual­co­sa di se­rio. Per poi sco­pri­re che era so­lo un ac­cu­mu­lo di emo­zio­ni mai di­ge­ri­te di Pao­la Bram­bil­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.