PER­CHÉ SO­NO DIMINUITI GLI SBARCHI

Marco Min­ni­ti, mi­ni­stro dell’In­ter­no, è pro­ba­bil­men­te og­gi il po­li­ti­co più po­po­la­re d’Ita­lia.

GIOIA - - Sene Parla -

La ra­gio­ne è sem­pli­ce: da quan­do ha co­min­cia­to ad af­fron­ta­re la questione mi­gran­ti, i viaggi del­la di­spe­ra­zio­ne ver­so le no­stre co­ste so­no diminuiti. Le ra­gio­ni so­no fon­da­men­tal­men­te tre. La pri­ma, ma non cer­to la più de­ter­mi­nan­te, è che il va­ro di un co­di­ce di re­go­la­men­ta­zio­ne per le na­vi del­le ong che sta­zio­na­va­no al lar­go del­la Li­bia ha co­stret­to i traf­fi­can­ti a cer­ca­re rot­te e mo­da­li­tà di­ver­se per il con­trab­ban­do di di­spe­ra­ti. La se­con­da è aver do­ta­to la guar­dia co­stie­ra li­bi­ca di sei mo­to­ve­det­te fun­zio­nan­ti per pat­tu­glia­re i trat­ti di co­sta più uti­liz­za­ti dai traf­fi­can­ti di uomini. In più, il Go­ver­no ita­lia­no ha mes­so a di­spo­si­zio­ne del­la ma­ri­na di Ser­raj una na­ve of­fi­ci­na at­trez­za­ta per le ri­pa­ra­zio­ni. Ma la ra­gio­ne più im­por­tan­te è un’al­tra: Min­ni­ti ha co­min­cia­to a fa­re po­li­ti­ca con la Li­bia. Ha mes­so d’ac­cor­do le tri­bù del sud, in guer­ra da an­ni, in mo­do da ot­te­ne­re un con­trol­lo dei confini lun­go le rot­te dei mi­gran­ti; ha fat­to se­de­re in­tor­no a un ta­vo­lo i sin­da­ci del­le cit­tà coin­vol­te nel con­trab­ban­do di uomini (in Li­bia i sin­da­ci so­no ca­pi fa­zio­ne, ca­pi­tri­bù, i ve­ri pa­dro­ni del Pae­se, sem­pre al cro­ce­via fra ruo­lo uf­fi­cia­le e traf­fi­ci lo­schi) ac­cet­tan­do di pa­ga­re mac­chi­na­ri sa­ni­ta­ri, stra­de, asi­li ni­do e quant’al­tro, pur di con­vin­cer­li ad ab­ban­do­na­re il bu­si­ness dei mi­gran­ti. Per la pri­ma vol­ta è sta­ta pro­spet­ta­ta lo­ro la con­ve­nien­za con­cre­ta di tra­sfor­mar­si da ca­pet­ti e mi­li­zia­ni di uno Sta­to ca­na­glia in in­ter­lo­cu­to­ri isti­tu­zio­na­li. La scom­mes­sa è enor­me, i ri­schi evi­den­ti. Pri­mo fra tut­ti che, in­ta­sca­ti sol­di e aiu­ti, tut­to tor­ni co­me pri­ma. E che i di­rit­ti uma­ni dei mi­gran­ti ven­ga­no cal­pe­sta­ti nel­le oscu­re car­ce­ri li­bi­che. Ser­ve che Tri­po­li ac­cet­ti le ispe­zio­ni dell’Onu e pro­muo­va or­ga­ni­smi in­di­pen­den­ti di sor­ve­glian­za (in que­sto il ruo­lo del­le ong, og­gi as­sur­da­men­te sot­to at­tac­co, sa­reb­be cru­cia­le). Ma una co­sa è cer­ta: a Ro­ma, per lo me­no, ora c’è un mi­ni­stro dell’In­ter­no. C’è da chie­der­si per qua­le ra­gio­ne al Vi­mi­na­le ci sia ar­ri­va­to sol­tan­to adesso.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.