La ter­raz­za di Guia Son­ci­ni

Ave­vo cir­ca vent’an­ni ed era­va­mo da qual­che par­te al lar­go di Pal­ma­ro­la. Sic­co­me so­no una di voi, e so che i gior­na­li ci rac­con­ta­no un sac­co di sce­men­ze Poi, un an­no e mez­zo do­po, è ini­zia­to The af­fair, e con es­so il mio dram­ma.

GIOIA - - Sommario -

Era­no più o me­no le set­te di se­ra, e tut­ti era­no sul pon­te a go­der­si il tra­mon­to. Il ti­zio con cui al­lo­ra m’ac­com­pa­gna­vo sce­se sot­to co­per­ta per pren­de­re da be­re per i no­stri ami­ci, e mi tro­vò che ce­na­vo. Mi caz­ziò nean­che fos­se sta­to mio pa­dre o la mia isti­tu­tri­ce: ma sei una sel­vag­gia, ma ti pa­re che ti met­ti a man­gia­re sen­za aspet­ta­re, ma non ti si può por­ta­re in gi­ro. Fu al­lo­ra che ca­pii che avrei pas­sa­to la mag­gior par­te del­la mia vi­ta da so­la: io vo­glio man­gia­re quan­do ho fa­me. La da­ta in cui le se­rie tv so­no di­ven­ta­te un pro­ble­ma di cop­pia, nei miei li­bri di sto­ria, è il mar­zo 2013, quan­do la mi­glior com­men­ta­tri­ce di co­stu­me ame­ri­ca­na, Mau­reen O’Con­nor, scris­se la stra­zian­te cro­na­ca di co­me ave­va tra­di­to il fi­dan­za­to men­tre lui dor­mi­va igna­ro a po­chi me­tri, nel lo­ro let­to; a un cer­to pun­to si era al­za­to per an­da­re in ba­gno, e le era pas­sa­to da­van­ti chie­den­do­le «Mi­ca sta­rai guar­dan­do Hou­se of cards? »; lei gli ave­va ri­spo­sto di no, e ave­va sfrut­ta­to l’in­son­nia per ve­de­re al­tre cin­que pun­ta­te e fi­ni­re la sta­gio­ne, men­tre il ta­pi­no pen­sa­va che sul di­va­no, con quel com­pu­ter in grem­bo, lei stes­se la­vo­ran­do.

(«il me­ta­bo­li­smo ral­len­ta do­po i 40», ci giu­ra­no per con­so­lar­ci di quei tre chi­li sul­le co­sce che pro­prio non se ne van­no; poi un bel gior­no, sfo­glian­do, ve­di l’ot­tan­ten­ne Sil­vio Ber­lu­sco­ni che di chi­li ne avrà per­si 30, e noi qui che bri­ghia­mo in­va­no per la pro­va co­stu­me del 2018), al do­ve­re del­la vi­sio­ne di cop­pia non ave­vo cre­du­to. Ave­vo let­to l’ar­ti­co­lo di­ver­ten­do­mi, ma pen­san­do al­la so­li­ta ame­ri­ca­na­ta. An­che quan­do tut­ti han­no ini­zia­to a co­piar­lo (non co­no­sco pra­ti­ca­men­te una per­so­na che di me­stie­re scri­va, e che ab­bia una vi­ta ma­tri­mo­nia­le, che ne­gli ul­ti­mi quat­tro an­ni non ab­bia scrit­to un ar­ti­co­lo sul dram­ma­ti­co do­ve­re di guar­da­re in cop­pia le se­rie), ho pen­sa­to che fos­se co­me “se vai al ri­sto­ran­te da so­la ti fan­no sen­ti­re stra­na”: un ge­ne­re let­te­ra­rio for­tu­na­tis­si­mo ben­ché men­da­ce; man­gio al ri­sto­ran­te da so­la due­cen­to vol­te all’an­no, e nes­su­no mi fa mai sen­ti­re stra­na (a me­no che non mi ci sen­ta già di mio, e di so­li­to per ra­gio­ni che han­no po­co a che fa­re con la ri­chie­sta di un ta­vo­lo per una).

Giac­ché so­no in­son­ne, e la mat­ti­na non de­vo por­ta­re i bam­bi­ni a scuo­la, e mi sem­bra­va la co­sa più bel­la mai vi­sta in tv, lo guar­da­vo in con­tem­po­ra­nea con l’Ame­ri­ca, al­le 4 di not­te. E a quel pun­to ini­zia­vo il con­to al­la ro­ve­scia per com­men­tar­lo con le mie ami­che, che (don­ne di buon­gu­sto) ne era­no pa­ti­te quan­to me. So­lo che nes­su­na di lo­ro, don­ne di scar­so buon­sen­so, lo ve­de­va pri­ma di se­ra: «Se non lo aspet­to s’of­fen­de». La par­ti­cel­la pro­no­mi­na­le sta­va per il ma­ri­to. Al qua­le, co­me a tut­ti gli uo­mi­ni, fa­ce­va schi­fo The af­fair. Ep­pe­rò pa­re che la vi­sio­ne con­giun­ta d’una co­sa che in­te­res­sa a uno so­lo dei due sia par­te del con­trat­to ma­tri­mo­nia­le. Le mie ami­che s’as­so­pi­sco­no con Nar­cos, i lo­ro ma­ri­ti s’an­no­ia­no con Flea­bag, ma di­va­ni se­pa­ra­ti no, non si può: co­min­ci con Net­flix e chis­sà co­me fi­ni­sci. (Co­mun­que poi quel­lo di quan­do ave­vo vent’an­ni l’han­no ar­re­sta­to. Chis­sà se in car­ce­re os­ser­va le buo­ne ma­nie­re a ta­vo­la).

«Le mie ami­che si an­no­ia­no con Nar­cos, i ma­ri­ti si ad­dor­men­ta­no con Flea­bag. Ma di­va­ni se­pa­ra­ti mai: co­min­ci con Net­flix e poi...»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.