Quan­do è VIO­LEN­ZA e quan­do è so­lo VI­TA

Sul­la vi­cen­da di Har­vey Wein­stein, pro­dut­to­re ci­ne­ma­to­gra­fi­co che ha tra le al­tre co­se in­ven­ta­to Tarantino Ma quel­lo è un pro­dut­to­re: se ci pro­va e sei un’at­tri­ce, è co­me il ca­po del­la fab­bri­ca che ci pro­va con l’ope­ra­ia che se non ci sta ri­schia il po­sto

GIOIA - - La Terrazza -

e por­ta­to agli Oscar Be­ni­gni, e ora vie­ne ac­cu­sa­to di mo­le­stie da pa­rec­chie don­ne che ci han­no avu­to a che fa­re, ho idee che non con­di­vi­do qua­si nep­pu­re io, fi­gu­ria­mo­ci se posso aspet­tar­mi che sia d’ac­cor­do chi leg­ge. Nell’inchiesta del New York Ti­mes che ha da­to il via al­lo scan­da­lo, tra le al­tre c’è la te­sti­mo­nian­za di Ashley Judd. Rac­con­ta una sto­ria ugua­le a quel­la di tut­te le al­tre ac­cu­sa­tri­ci: lui la con­vo­ca nel suo al­ber­go, si fa tro­va­re in ac­cap­pa­to­io, le of­fre di far­le un mas­sag­gio, di fa­re la doc­cia in­sie­me, lei è a di­sa­gio e se ne va ap­pe­na può. Già co­sì, a me non sem­bra mo­le­stia. Spia­ce­vo­le? Ma­ga­ri sì, co­me lo è sem­pre qual­cu­no che ci pro­vi sen­za che a te va­da di star­ci. Ma, se ini­zia­mo a met­te­re nel­la ca­te­go­ria del­lo stu­pro chiun­que ci pro­vi e ci fac­cia sen­ti­re die­ci mi­nu­ti a di­sa­gio, pre­ve­do una im­mi­nen­te estin­zio­ne del­la raz­za uma­na. I rap­por­ti uma­ni so­no una con­ti­nua fon­te di spia­ce­vo­lez­ze e di­sa­gio: si va per ten­ta­ti­vi.

Beh, no: in­tan­to si par­la del 1997, quan­do Ashley Judd era al mas­si­mo del­la glo­ria, tra Cro­ce­via perl’in­fer­no e Col­pe­vo­le d’in­no­cen­za; poi, do­po il ’97 e do­po que­sta trau­ma­ti­cis­si­ma vi­si­ta nel­la suite di Har­vey, Ashley ha gi­ra­to due film pro­dot­ti da lui, in an­ni in cui po­te­va per­met­ter­si di sce­glie­re. Ho

Quan­do le ac­cu­sa­tri­ci di Bill Co­sby, il co­mi­co ame­ri­ca­no che avreb­be mo­le­sta­to più don­ne di quan­te una per­so­na nor­ma­le ne in­con­tri in tut­ta la vi­ta, so­no di­ven­ta­te de­ci­ne, io ho avu­to un dub­bio po­chis­si­mo so­li­da­le: co­me si fa a es­se­re una che è sta­ta con Bill Co­sby, ades­so, e a non di­re “mi ha stu­pra­to”? È più fa­ci­le, più so­cial­men­te ac­cet­ta­bi­le, ac­cu­sar­lo di stu­pro che di­re “mi pia­ce­va”, o “non mi pia­ce­va poi co­sì tan­to ma ci so­no sta­ta co­me ac­ca­de a vol­te: per­ché si fa pri­ma a di­re di sì che a met­ter­si a di­scu­te­re”, o “sap­pia­te che il mo­stro del me­se è me­no mo­stro di quel che cre­de­te”. Puoi far­lo se sei la mo­glie. Se sei la mo­glie, il mon­do si aspet­ta che tu di­fen­da il mo­stro. Bor­bot­te­ran­no, ma ca­pi­ran­no.

Nel film c’era una sce­na in cui un pro­dut­to­re le sal­ta­va ad­dos­so. Nel­la sa­let­ta dell’an­te­pri­ma stam­pa tut­ti bi­sbi­glia­va­no: «È Har­vey». Nel 2000 era una chiac­chie­ra. Nel 1992, men­tre Mi­ke Ty­son ve­ni­va pro­ces­sa­to per aver stu­pra­to una ra­gaz­za che l’ave­va rag­giun­to in ve­sta­glia nel­la sua stan­za d’al­ber­go, Ca­mil­le Pa­glia, fem­mi­ni­sta fa­sti­dio­sa­men­te con­tro­cor­ren­te, dis­se: «Se an­da­te nell’ap­par­ta­men­to di un uo­mo, si­gni­fi­ca che ave­te in­ten­zio­ne di fa­re ses­so; in caso con­tra­rio, por­ta­te­vi un col­tel­lo». Ci ho ri­pen­sa­to leg­gen­do di Wein­stein che si of­fre a tut­te co­me mas­sag­gia­to­re: non sa­rà che far­la pas­sa­re per vio­len­za smi­nui­sce la vio­len­za ve­ra?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.