Ho sco­per­to il ses­so A TRE e vor­rei dir­lo a mio MA­RI­TO

E ti pa­re che ti ci fac­cio sen­ti­re io?

GIOIA - - Sommario -

In­can­to, fe­li­ci­tà, in­te­sa fi­si­ca. Poi in­con­tro un ti­po in pa­le­stra che mi guar­da in­ten­sa­men­te, sen­za mai un sor­ri­so. Un gior­no me lo tro­vo fuo­ri dal­lo spo­glia­to­io che mi pren­de e mi ba­cia con­tro il mu­ro. Mezz’ora do­po era­va­mo a let­to a ca­sa sua, qua­si sen­za pa­ro­le. So a ma­la­pe­na chi è, ma va­do da lui ap­pe­na pos­so. Un gior­no mi ha fat­to tro­va­re un ami­co, e da al­lo­ra spes­so lo fac­cia­mo in tre. Mio ma­ri­to non sa nien­te, ma la co­sa che più mi ec­ci­ta du­ran­te gli in­con­tri, è pen­sa­re che lui mi guar­di. Con lui i rap­por­ti so­no di­ven­ta­ti più fo­co­si, pro­prio per­ché stan­do in­sie­me, sen­za dir­glie­lo evo­co la mia vi­ta se­gre­ta. Lo amo più che mai, e vor­rei ave­re il co­rag­gio di dir­gli tut­to, an­che per con­di­vi­de­re que­sta sco­per­ta di una sen­sua­li­tà più tor­bi­da, va­ria e ap­pa­gan­te. Mi pe­sa il mio si­len­zio, ma vor­rei fos­se chia­ro che non mi sen­to, nep­pu­re lon­ta­na­men­te, in col­pa. Dav­ve­ro, che ti fre­ga? Non ti ba­sta es­se­re sexy in pri­ma per­so­na? Ti ci sen­ti me­no per­ché tua so­rel­la va co­per­ta? Non sie­te mi­ca una cop­pia di bal­le­ri­ne – ai miei tem­pi c’era­no le ge­mel­le Kes­sler, che in te­le­vi­sio­ne bal­la­va­no ve­sti­te ugua­li – sei li­be­ra di vi­ve­re co­me su un pal­co­sce­ni­co da pro­ta­go­ni­sta, ma non di fa­re an­che la re­gi­sta e la co­stu­mi­sta di tua so­rel­la. Ra­gaz­za ori­gi­na­le, che non se­gue la mo­da e non vuol es­se­re il tuo clo­ne. Tua so­rel­la non si ve­ste da bi­got­ta, è di­ver­sa­men­te, più sot­til­men­te sexy. Og­gi che tut­to è sbat­tu­to in fac­cia, quel­le pet­ti­na­tu­re an­ti­che e le gon­ne lun­ghe ad­dos­so a una se­di­cen­ne de­vo­no es­se­re mol­to at­traen­ti. Ci so­no tan­ti mo­di di vi­ve­re la sen­sua­li­tà. Al­la tua età, quan­do esplo­se la mi­ni­gon­na io non la por­ta­vo, pre­fe­ri­vo le lun­ghe so­gnan­ti gon­ne zin­ga­re­sche – ero ge­lo­sa di me, for­se an­che un po’ pre­sun­tuo­sa, pen­sa­vo: mi mo­stro solo a chi mi pa­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.