In­chie­sta

«I fi­gli? Me li so­no per­sa per stra­da, men­tre gli al­tri li fa­ce­va­no»

GIOIA - - Inchiesta -

cre­sce­re i fi­gli». Non è un ca­so, con­fer­ma Bel­la­vi­ti, se so­no so­prat­tut­to le don­ne a in­ter­ro­gar­si sul­la ge­ni­to­ria­li­tà. «Sia­mo più abi­tua­te all’in­tro­spe­zio­ne, al rac­con­tar­ci, fin da bam­bi­ne. C’è un istin­to a guar­da­re ol­tre, co­me una mag­gio­re re­spon­sa­bi­li­tà. La don­na sa che è il suo cor­po che si mo­di­fi­ca, sa­rà lei a do­ver adat­ta­re mag­gior­men­te i pro­pri rit­mi a quel­li del bam­bi­no, for­se si fa­rà più ca­ri­co dei fi­gli do­ves­se ar­ri­va­re una se­pa­ra­zio­ne – un pen­sie­ro che non vie­ne espli­ci­ta­to ma c’è, co­me una pre­veg­gen­za». «Se ar­ran­chia­mo con un fi­glio, fi­gu­ra­ti con due». Fran­ce­sca è av­vo­ca­tes­sa e suo fi­glio l’ha vo­lu­to an­che se sta­va fa­cen­do la pra­ti­ca non re­tri­bui­ta. «Mio ma­ri­to por­ta a ca­sa uno sti­pen­dio nor­ma­le, sia­mo con­sa­pe­vo­li di aver fat­to un sal­to nel buio. Ci vuo­le un po’ di co­rag­gio a fa­re fi­gli og­gi». Si rac­con­ta ama­reg­gia­ta, il bam­bi­no che non è riu­sci­to a en­tra­re al ni­do, i sol­di per la ba­by­sit­ter che non ci so­no, gli aiu­ti sta­ta­li che «co­me so­no en­tra­ti so­no usci­ti». «Ho la­vo­ra­to con lui che pian­ge­va, per chiu­de­re del­le sca­den­ze. Da ca­sa è im­pos­si­bi­le, ti di­strai, lo puoi fa­re solo quan­do è ap­pe­na na­to. Sto pen­san­do di cam­bia­re me­stie­re». Mi di­ce che vor­reb­be che la mam­ma la­vo­ra­tri­ce non esi­stes­se «solo sul­la car­ta». Co­me ven­go­no aiu­ta­te og­gi dal Go­ver­no le ma­dri che la­vo­ra­no, in at­te­sa spie­ga il sot­to­se­gre­ta­rio Fran­ca Bion­del­li. Già dal 2015, in­ve­ce, è sta­to pre­vi­sto il bo­nus be­bè: «Per ogni fi­glio na­to o adot­ta­to tra il 1° gen­na­io 2015 e il 31 di­cem­bre 2017, un as­se­gno an­nuo tra 960 e 1.920 eu­ro (80-160 al me­se), se­con­do l’Isee, fi­no al ter­zo an­no di vi­ta del bam­bi­no, op­pu­re fi­no al ter­zo an­no dall’in­gres­so in fa­mi­glia del fi­glio adot­ta­to». In­fi­ne, il “bo­nus mam­ma do­ma­ni”: un as­se­gno di 800 eu­ro una tan­tum che spet­ta al­le don­ne che, a par­ti­re dal 1° gen­na­io 2017, sia­no ar­ri­va­te al set­ti­mo me­se di gravidanza, ab­bia­no par­to­ri­to, adot­ta­to o ri­ce­vu­to un bam­bi­no in af­fi­da­men­to pre­a­dot­ti­vo. Que­ste, di­ce il sot­to­se­gre­ta­rio, so­no «al­cu­ne tra le mi­su­re che pos­so­no es­se­re de­fi­ni­te co­me più si­gni­fi­ca­ti­ve, co­mun­que nel­la con­sa­pe­vo­lez­za che que­sto per­cor­so ci im­pe­gne­rà an­che in fu­tu­ro». E an­che con pro­spet­ti­ve in­cer­te, all’es­se­re ge­ni­to­ri i mil­le­nial con­ti­nua­no co­mun­que a pen­sar­ci: se­con­do il Pew Re­sear­ch cen­ter, il 52 per cen­to ri­tie­ne che sia «una del­le co­se più im­por­tan­ti» nel­la vi­ta. «Ti rac­con­to che co­sa mi è suc­ces­so in viag­gio di la­vo­ro», mi di­ce Li­via. «In­con­tro uno che non co­no­sco, mi chie­de: e i fi­gli do­ve li hai la­scia­ti? Uno schiaf­fo. Me li so­no per­sa per stra­da, men­tre gli al­tri li fa­ce­va­no. Com’è pos­si­bi­le che fi­no a ie­ri ero la sta­gi­sta, e ora ho la fac­cia di una che po­treb­be ave­re non uno, ma ad­di­rit­tu­ra più di un fi­glio? È co­me se tu fos­si ve­nu­ta al mondo pro­gram­ma­ta per que­sta co­sa, e non rie­sci più a di­stin­gue­re tra quel­lo che vuoi e quel­lo che pen­si di do­ver vo­le­re. Ma l’uni­ca co­sa che sai è che un do­ma­ni non po­trai per­do­nar­ti di non aver fat­to un bam­bi­no solo per­ché ave­vi dei dub­bi». G

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.