NES­SU­NO è PERMALOSO CO­ME una MAMMA «Le ma­dri di og­gi so­no, nell’elo­quio, in­di­stin­gui­bi­li da una pa­ro­dia di mia ma­dre»

GIOIA - - La Terrazza -

Da quan­do ab­bia­mo de­ci­so che la no­stra sen­si­bi­li­tà è un pro­ble­ma che non dob­bia­mo ri­sol­ver­ci noi, ma che de­ve por­si la so­cie­tà, tutti si of­fen­do­no di tut­to. Lo sa­pe­vo già, mi­ca è da ie­ri che vi­via­mo nell’era del­la su­scet­ti­bi­li­tà; pe­rò, fi­no a questo pon­te pie­no di bam­bi­ni, non mi ero ac­cor­ta che la zo­na a più al­to ri­schio di rea­zio­ni mal­mo­sto­se fos­se la ma­ter­ni­tà. Tutti i si­ste­mi edu­ca­ti­vi so­no per­ma­lo­si. C’è la ma­dre che si of­fen­de per­ché – sen­za al­cun in­ten­to edu­ca­ti­vo, so­lo per istin­to di so­prav­vi­ven­za – sbot­ti «No!È quan­do il fi­glio ti lan­cia ad­dos­so de­gli og­get­ti: sta spe­ri­men­tan­do i suoi li­mi­ti, sta sco­pren­do lo spa­zio, co­me ti per­met­ti d’ini­bir­lo di­cen­do­gli che i suoi istin­ti so­no sba­glia­ti, ti ren­di con­to di che trau­ma gli hai ap­pe­na in­fer­to? Fi­ni­sce che ti scu­si, men­tre ti me­di­chi il ta­glio che ti ha fat­to il bic­chie­re di pla­sti­ca del no­stro amore santo lan­cia­to in fron­te.

C’è quel­la che si ri­sen­te per­ché hai fat­to una bat­tu­ta sul­la die­ta di tet­ta e strol­ghi­no che se­gue la sua cuc­cio­la – che man­gia le cre­scen­ti­ne coi sa­lu­mi co­me gli adul­ti, aven­do pas­sa­to da un pez­zo l’età del­lo svez­za­men­to, ep­pe­rò vie­ne an­co­ra al­lat­ta­ta, per­ché, ap­pun­to, «è la mia cuc­cio­laÈ (le ma­dri ve­re so­no, nell’elo­quio, in­di­stin­gui­bi­li da co­me scri­ve­rei una pa­ro­dia di ma­dre; per for­tu­na nes­su­no mi ha mai com­mis­sio­na­to una sa­ti­ra sul­la ma­ter­ni­tà: sem­bre­reb­be neo­rea­li­smo). E c’è il bam­bi­no cui all’asi­lo fan­no fa­re gli espe­ri­men­ti sen­so­ria­li coi broc­co­li, e che quin­di men­tre è in cam­pa­gna con gli adul­ti si stro­fi­na sul cor­po la no­stra ce­na, e c’è sem­pre un ge­ni­to­re che si of­fen­de se pro­po­ni di pas­sa­re gli spi­na­ci nell’amu­chi­na do­po che quell’es­se­re uma­no bas­so ci si è grat­ta­to: amore santo, ha fat­to il ba­gnet­to.

Il pros­si­mo pon­te è quel­lo dell’Im­ma­co­la­ta. Quan­do si fa l’al­be­ro – che, sem­pre per sto­rie di espe­ri­men­ti sen­so­ria­li, dev’es­se­re di fel­tro, mi han­no spie­ga­to. Mi so­no trat­te­nu­ta a sten­to dal di­re «Ma che or­ro­reÈ. Al pon­te in cui si de­co­ra il fel­tro, per cau­te­la di­plo­ma­ti­ca mi do ma­la­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.