L’amo­re

GIOIA - - Intervista -

è tut­to, ma tro­var­lo può es­se­re spa­ven­to­so. Cos’al­tro può far­ti vo­la­re co­me un an­ge­lo la mat­ti­na e poi get­tar­ti nel­le fiam­me dell’in­fer­no la se­ra stes­sa?». Ju­liet­te Bi­no­che è in ve­na di par­la­re di sen­ti­men­ti quan­do la in­con­tro a Can­nes per il suo nuo­vo film, L’amo­re se­con­do Isabelle, in usci­ta il 19 apri­le. A 54 an­ni, con due fi­gli or­mai adul­ti (Ra­phaël Hal­lé, 24, e Han­nah Ma­gi­mel, 18) e mol­ti amo­ri alle spal­le (tra gli al­tri, Da­niel Day-Lewis, Ma­thieu Amal­ric e i pa­dri dei suoi fi­gli An­dré Hal­lé e Be­noît Ma­gi­mel), as­so­mi­glia mol­to al­la don­na del film di Clai­re De­nis, pit­tri­ce pa­ri­gi­na di­vor­zia­ta, che ha as­sol­to ai pro­pri do­ve­ri di ma­dre e ora cer­ca di­spe­ra­ta­men­te una nuo­va re­la­zio­ne. In­de­ci­sa, fra­gi­le e un po’ sper­du­ta, di­vi­sa tra il fi­dan­za­men­to con un ban­chie­re, l’in­te­res­se per un gio­va­ne at­to­re, le at­ten­zio­ni di un ar­ti­sta e il rap­por­to con il suo ex. Nel gio­co di spec­chi tra in­ter­pre­te e per­so­nag­gio, ri­sal­ta l’in­cre­di­bi­le sex ap­peal del­la Bi­no­che, a di­spet­to di chi con­si­de­ra la sua “una cer­ta età”. Lei, Ju­liet­te, è tor­na­ta da po­co, e fe­li­ce­men­te, con un suo ex an­che se non vuol di­re chi sia. Isabelle in­ve­ce è al­la ri­cer­ca ma, di­ce l’at­tri­ce, «non è una vit­ti­ma, an­che se le sue spe­ran­ze si ac­cen­do­no e af­fie­vo­li­sco­no di con­ti­nuo. Vor­reb­be tuf­far­si in un nuo­vo amo­re, ma a vol­te non fun­zio­na per col­pa de­gli al­tri, a vol­te per col­pa sua. Co­me quan­do dan­za con un ti­zio: il cor­po le di­ce che è l’uo­mo giu­sto per lei, ma il suo aspet­to la fa du­bi­ta­re, e fi­ni­sce per trat­tar­lo ma­le».

Isabelle sem­bra in­con­tra­re sem­pre l’uo­mo sba­glia­to... Non cre­do ci sia­no uo­mi­ni o don­ne sba­glia­te, di­pen­de tut­to dall’in­ca­stro, per­ché non sem­pre sia­mo pron­ti a ini­zia­re una re­la­zio­ne. Ama­re è dif­fi­ci­le, ma in fon­do so­no con­vin­ta che il ma­tri­mo­nio ve­ro sia un al­tro: quel­lo con se stes­si.

Va­le a di­re? Tut­te so­gnia­mo l’uo­mo giu­sto che ci fac­cia sen­ti­re pro­tet­te e fe­li­ci, ma esi­ste so­lo nel­le fia­be. Nel­la vi­ta rea­le non è co­sì sem­pli­ce. Se rie­sci a fa­re pa­ce con te stes­sa, hai la for­za di en­tra­re in una re­la­zio­ne ve­ra. A quel pun­to, per­met­ti all’al­tro di es­se­re com’è, sen­za vo­ler­lo cam­bia­re. L’amo­re ha bi­so­gno di spa­zi, è di­ver­so dal pos­ses­so, ed è una co­sa che bi­so­gna im­pa­ra­re. Lei co­me l’ha im­pa­ra­to? At­tra­ver­so le de­lu­sio­ni amo­ro­se, fon­da­men­ta­li per­ché ti per­met­to­no di di­strug­ge­re tut­to il ca­stel­lo di il­lu­sio­ni, fan­ta­sie, aspet­ta­ti­ve che de­ri­va­no dall’edu­ca­zio­ne. Na­tu­ral­men­te que­sto viag­gio ver­so la con­sa­pe­vo­lez­za non è per nien­te fa­ci­le.

Le de­lu­sio­ni pe­rò pos­so­no es­se­re di­strut­ti­ve. Cer­to, ma ho im­pa­ra­to più da lo­ro che da al­tro. Cre­do che la ve­ri­tà sia in un po­sto den­tro di noi che non riu­scia­mo a com­pren­de­re, che bi­so­gna la­scia­re emer­ge­re. L’ho spe­ri­men­ta­to an­che da at­tri­ce: la pre­pa­ra­zio­ne è im­por­tan­te, ma quan­do sei trop­po pre­pa­ra­ta non la­sci tra­spa­ri­re l’ani­ma del per­so­nag­gio.

Ci si può ama­re per tut­ta la vi­ta? Per quan­to sia me­ra­vi­glio­so con­di­vi­de­re le co­se con chi si ama, al­la fi­ne bi­so­gna i fa­re i con­ti con se stes­si. Se si esclu­do­no le per­so­ne che stan­no in­sie­me 50 an­ni per­ché è più fa­ci­le dal pun­to di vi­sta pra­ti­co o psi­co­lo­gi­co, di­rei che è pos­si­bi­le. An­zi, cre­do che riu­sci­re a evol­ve­re ri­ma­nen­do ac­can­to a un’al­tra per­so­na sia il suc­ces­so mag­gio­re a cui si pos­sa aspi­ra­re.

Lei è riu­sci­ta a fa­re pa­ce con se stes­sa? Non è mai fa­ci­le di­re di aver rag­giun­to que­sto sta­to di pa­ce, ma le re­la­zio­ni che ho avu­to mi han­no aiu­ta­ta a cre­sce­re. Per for­tu­na, il va­lo­re del­le co­se cam­bia con l’età. A 20 an­ni ero mol­to ge­lo­sa, og­gi gra­zie a Dio non più. Quand’ero gio­va­ne, poi, non riu­sci­vo a ca­pi­re quan­do un uo­mo mi ma­ni­po­la­va, ades­so so co­me di­fen­der­mi.

Nei mo­men­ti di dif­fi­col­tà che co­sa l’aiu­ta? So­prat­tut­to la let­tu­ra: li­bri co­me Dia­lo­ghi con l’an­ge­lo di Git­ta Mal­lasz, che mi ha se­gna­ta mol­to, e la tra­du­zio­ne del­la Bib­bia di An­nick De Sou­ze­nel­le. Ho bi­so­gno di nu­tri­re il mio la­to spi­ri­tua­le. Nei mo­men­ti in cui vor­re­sti sca­var­ti la fos­sa con le tue ma­ni, è im­por­tan­te met­te­re tut­to in pro­spet­ti­va.

E co­me? I mi­ti an­ti­chi mi fan­no ca­pi­re che al­tri han­no com­piu­to lo stes­so viag­gio pri­ma di me, mi per­met­to­no di non far­mi tra­sci­na­re dal­le emo­zio­ni. Per ri­tro­va­re se­re­ni­tà, mi è uti­le an­che par­la­re con gli ami­ci. E so­prat­tut­to vi­ve­re il pre­sen­te: mol­ti si con­cen­tra­no sul pas­sa­to che non c’è più o sul fu­tu­ro che for­se ar­ri­ve­rà, ma io so­no con­cre­ta, mi pia­ce da­re il me­glio ades­so e poi non pen­sar­ci più.

Nel film Isabelle spes­so mo­stra in­cer­tez­za, non sa se ini­zia­re una re­la­zio­ne op­pu­re no. E lei? Lei è una di quel­le che fan­no un pas­so al­la vol­ta, io so­no il ti­po che si get­ta a brac­cia aper­te nell’amo­re. Per­ché vo­glio fi­dar­mi dell’al­tra per­so­na al cen­to per cen­to fin dall’ini­zio. Co­me fa­reb­be un bam­bi­no.

«Tut­te so­gnia­mo un uo­mo che ci fac­cia sen­ti­re fe­li­ci e pro­tet­te, ma esi­ste so­lo nel­le fia­be»

Sto­rie di cuo­re Ju­liet­te Bi­no­che in al­cu­ne sce­ne del film: la sua Isabelle è di­vi­sa fra più uo­mi­ni, in­ca­pa­ce di sce­glie­re quel­lo giu­sto.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.