CONOSCETE QUEL­LA PER­SO­NA?

Quan­do va in tran­ce di­ce di di­ven­ta­re un al­tro. Di non es­se­re più Matt Mul­li­can, l’ar­ti­sta e pro­fes­so­re di San­ta Mo­ni­ca,

GIOIA - - Passaparola -

ma That Per­son, en­ti­tà sen­za età e no gen­der in gra­do di rea­liz­za­re ope­re: co­me il gran­de la­bi­rin­to ros­so di len­zuo­li su cui so­no in­col­la­ti i suoi di­se­gni (tra nu­me­ri, te­sti e im­ma­gi­ni) che apre l’area del­la sua mo­stra e so­mi­glia a un gro­vi­glio scin­til­lan­te di si­nap­si. È The Fee­ling of Things, gran­de re­tro­spet­ti­va sui 40 an­ni di la­vo­ro di Mul­li­can, al­le­sti­ta nei 5500 me­tri qua­dra­ti del Pi­rel­li Han­ga­rBi­coc­ca a Mi­la­no. Cu­ra­ta da Ro­ber­ta Ten­co­ni, è un viag­gio in­die­tro nel tem­po fi­no agli an­ni ’70, mi­glia­ia di pez­zi uni­ci tra scul­tu­re, ope­re su car­ta, ve­tro, pie­tra e me­tal­lo, vi­deo, per­for­man­ce, real­tà vir­tua­le dell’ar­ti­sta. Ogni co­sa ispi­ra la sua co­smo­lo­gia di co­lo­ri, pit­to­gram­mi e ico­ne: dai film ai fu­met­ti, dal­la se­gna­le­ti­ca al­la scien­za, dal­le im­ma­gi­ni tan­tri­che ai sim­bo­li in­dia­ni. E all’ip­no­si, che lo tra­sfor­ma in That Per­son. Edoar­do Mon­tol­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.