LA CA­SA DI CAR­TA

Non fa­te­vi ab­bin­do­la­re: La ca­sa di car­ta (su Net­flix) non è la se­rie smac­ca­ta­men­te ta­ran­ti­nia­na

GIOIA - - Passaparola -

che for­se vi han­no rac­con­ta­to. Cer­to, ci so­no ot­to ba­lor­di agli or­di­ni di un Pro­fe­sor me­ti­co­lo­so, per ra­pi­na­re la Fá­bri­ca Na­cio­nal de Mo­ne­da y Tim­bre (è la zec­ca di Ma­drid, ma tra i pia­ce­ri del­la vi­sio­ne for­sen­na­ta c’è pu­re la re­pen­ti­na pa­dro­nan­za del­lo spa­gno­lo per sen­ti­to di­re: im­pa­re­re­te una bar­ba­ri­dad di pa­ro­lac­ce). Que­sto è il pre­te­sto. E c’è pu­re una vi­bran­te cri­ti­ca all’or­di­ne so­cio-eco­no­mi­co, nel caso ave­ste ne­ces­si­tà di coin­vol­ge­re ma­schi ac­ci­glia­ti: una sto­ria di pi­sto­le e d’uto­pia. Ma La ca­sa di car­ta è so­prat­tut­to una for­mi­da­bi­le te­le­no­ve­la, un ca­ta­lo­go ra­gio­na­to di re­la­zio­ni di­sfun­zio­na­li che con­trad­di­ce pro­gram­ma­ti­ca­men­te la pri­ma re­go­la del Pro­fe­sor: nien­te le­ga­mi. È una ra­pi­na che di­ven­ta rea­li­ty show, un gro­vi­glio di stra­te­gie sen­ti­men­ta­li con­su­ma­te con la fu­ria del­le be­stie in cat­ti­vi­tà. Per con­vin­ce­re quel­le che con­tri­te aspet­ta­no il ri­tor­no di The Hand­maid’s Ta­le: do­ve­te in­gan­na­re il tem­po fi­no al 26 apri­le, e ci so­no ve­sti­ti ros­si pu­re qua – so­lo che l’uni­co ve­ro eroe è il por­co ma­schi­li­sta: il più lu­ci­do, il più af­fi­da­bi­le, il più fi­go. Di quel­li che – una or­mai si ver­go­gna an­che un po’ a dir­lo – ma­ga­ri ci por­tas­se via, una mat­ti­na ap­pe­na al­za­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.