LAVITA D‘ IN­FER­NO DI NOI TETTONE

GIOIA - - La Terrazza -

Ave­te mai avu­to le tet­te? Con “tet­te” non in­ten­do quel­le edu­ca­te, che stan­no in una coppa di cham­pa­gne, che nean­che sbal­lon­zo­la­no se fai le sca­le. che tet­to­na, cre­de­vo Da e pic­co­la non di ca­pi­vo vo­ler ero es­se­re co­sì quan­ta sce­ma ra­gio­ne aves­se l’ami­chet­ta di buo­ne ma­nie­re che mi di­ce­va che, ol­tre la ter­za, non sta­va­no mi­ca be­ne sot­to le ca­mi­cet­te. Non im­ma­gi­na­vo l’in­fer­no di quan­do ogni blu­sa ti ti­ra, e ma­le­di­vo quel­la se­con­da scar­sa che por­ta­vo al li­ceo. Do­po la ma­tu­ri­tà fe­ci un viag­gio ai Ca­rai­bi, con al­cu­ne com­pa­gne di clas­se. Tran­ne lo­ro – che in di­ret­ta mi vi­de­ro in­gras­sa­re a fu­ria di ba­na­ne fritte e sco­pri­re che, se in­gras­so, met­to me­tà dei chi­li nel­le tet­te – le mie com­pa­gne di scuo­la so­no tut­te con­vin­te che me le sia gon­fia­te in sa­la ope­ra­to­ria. Par­tii se­con­da, tornai quar­ta. Mio pa­dre mi guar­dò, poi guar­dò mia madre ed esa­lò: «Od­dio, è in­cin­ta». Ora, che so­no ben più gras­sa di al­lo­ra, por­to una se­sta. E, quan­do d’esta­te ve­do don­ne con la se­con­da la­men­tar­si del cal­do, vor­rei re­dar­guir­le: lo­ro non san­no co­sa si pro­va dav­ve­ro, a lo­ro non su­da il sot­to­tet­ta. Lo­ro non cor­ro­no nei ba­gni dei ri­sto­ran­ti ad asciu­gar­se­le. Lo­ro non fe­steg­gia­no quan­to me l’ar­ri­vo, fi­nal­men­te, dell’autunno.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.