Po­sta per Gio­ia!

Com­men­ti da fa­re? Noi sia­mo qui: gio­ia­po­sta@hear­st.it, fa­ce­book.com/Gio­ia­ma­ga­zi­ne

GIOIA - - Sommario -

Sem­pre in­sie­me

Sfo­glio Gio­ia! un sa­ba­to po­me­rig­gio. Il ton­do dell’edi­to­ria­le, poi il ti­to­lo di una let­te­ra: co­sa vuol di­re che Gio­ia! chiu­de? È il mio re­ga­lo di com­plean­no. Io non ho scel­to El­le! Ale

È la pri­ma vol­ta che scri­vo a un giornale: ci te­ne­vo a far­le i com­pli­men­ti per co­me di­ri­ge Gio­ia! Sa­rà un suc­ces­so an­che El­le wee­kly. Ema­nue­la

Gen­ti­le di­ret­to­re, la rin­gra­zio per lo splen­di­do la­vo­ro che ha fat­to con Gio­ia!. Ci ri­ve­dia­mo su El­le. Ga­ia

Ma­ria Ele­na, mi di­spia­ce, dis­sen­to. Mi di­spia­ce pro­prio tan­to che Gio­ia! ven­ga mes­sa in stand-by, pro­prio quan­do lei è riu­sci­ta a ri­por­ta­re il giornale ai lu­stri di un tem­po. So­no en­tu­sia­sta di co­me Gio­ia! ha sa­pu­to uni­re in un uni­co par­la­re ge­ne­ra­zio­ni di­ver­se. Ed ora lei che fa? Apre l’en­ne­si­ma ri­vi­sta pa­ti­na­ta de­di­ca­ta al mon­do del­le si­gno­re ric­che, El­le wee­kly! Non ci sto; glie­lo di­ca al suo edi­to­re. Per fa­vo­re, non si pie­ghi, ten­ga du­ro. Se El­le scom­pa­ris­se in Ita­lia non fa­reb­be una li­ra di dan­no, ma Gio­ia! co­sì co­me è ades­so la­scia di­spia­ciu­te mol­te di noi. So­nia Va­na­co­re

Ca­ra Ma­ria Ele­na, Gio­ia! re­ste­rà sem­pre in­so­sti­tui­bi­le per me. Il mio pa­pà an­da­va in edi­co­la ogni set­ti­ma­na e, ol­tre al­le ri­vi­ste per sé e la mia mam­ma, non man­ca­va mai di ac­qui­star­lo per far­me­lo tro­va­re quan­do, do­po il la­vo­ro, an­da­vo a pren­de­re il mio bambino di cui era l’in­na­mo­ra­tis­si­mo non­no. Un an­no fa è vo­la­to via all’im­prov­vi­so, nel son­no. Ora Gio­ia! lo com­pro io. Il suo no­me, e an­co­ra più il pun­to escla­ma­ti­vo, du­ran­te quest’an­no dif­fii­ci­le so­no sta­ti il pro­me­mo­ria set­ti­ma­na­le a guar­da­re quan­ta gio­ia c’è nel­la mia vi­ta, ad aver­ne cu­ra, col­ti­var­la con de­di­zio­ne e crea­ti­vi­tà.A mio pa­pà pia­ce­va­no i cam­bia­men­ti, lui mi di­reb­be: avrà un no­me di­ver­so, ma tu sai co­sa c’è den­tro. È que­sto che chie­do a te e al­la tua re­da­zio­ne: nel nuo­vo pro­get­to por­ta­te la cu­rio­si­tà, la vo­glia di cer­ca­re, la sin­ce­ri­tà di mo­strar­vi ve­re e im­per­fet­te, ma so­prat­tut­to quel­la vo­glia di gio­ia che non si ar­ren­de mai. Con af­fet­to. Eli­sa Fon­ta­na

In boc­ca al lu­po per que­sto nuo­vo de­but­to! A pre­sto. Giu­si

Gen­ti­le Ma­ria Ele­na, è la pri­ma vol­ta che scri­vo a un giornale, al­la te­ne­ra età di 64 an­ni. Leg­go da mol­ti an­ni Gio­ia! ed acquisto El­le dal suo pri­mo nu­me­ro in Ita­lia. Mi di­spia­ce un po’ che da no­vem­bre non avrò più il mio bel gior­na­lo­ne men­si­le da sfo­glia­re, ma tant’è: di­co­no che ac­cet­ta­re i cam­bia­men­ti fac­cia re­sta­re più gio­va­ni men­tal­men­te. Co­mun­que, due del­le mie ri­vi­ste pre­fe­ri­te si fon­de­ran­no: sa­rà una bom­ba! Ap­prez­zo mol­to i suoi edi­to­ria­li, spes­so con­di­vi­do le sue opi­nio­ni, che so­no quel­le di una per­so­na in­tel­li­gen­te e sen­si­bi­le, che la­vo­ra e che so­prat­tut­to è con­nes­sa con la real­tà quo­ti­dia­na di mol­te di noi co­mu­ni mor­ta­li. Au­gu­ro a lei e a tut­ta la re­da­zio­ne di af­fron­ta­re que­sto nuo­vo ca­pi­to­lo nel mo­do mi­glio­re, con gran­de se­re­ni­tà e con la con­sa­pe­vo­lez­za che en­tran­do nel­la vi­ta di tan­te persone con te­mi a vol­te lie­vi a vol­te più se­ri con­tri­bui­te a ren­de­re le no­stre gior­na­te pia­ce­vo­li. Ma­ria Car­la Pier­pao­li

Buon­gior­no di­ret­to­re, so­no una let­tri­ce di Gio­ia! e la sti­mo mol­to per la sua one­stà e uma­ni­tà. So­no fe­li­ce che lei ab­bia que­sta nuo­va op­por­tu­ni­tà ma so­no so­prat­tut­to con­ten­ta se, co­me cre­do di aver ca­pi­to, nes­su­no per­de­rà il po­sto di la­vo­ro che è la co­sa più im­por­tan­te. Con tut­ti voi El­le non po­trà che mi­glio­ra­re. In boc­ca al lu­po! An­ge­la

Ca­ro di­ret­to­re, ho sem­pre let­to sia Gio­ia! che El­le e con­ti­nue­rò a se­guir­vi con an­co­ra più in­te­res­se. Spe­ran­do di ri­tro­va­re i suoi edi­to­ria­li che ho sem­pre let­to con pas­sio­ne e cu­rio­si­tà. Ad ma­io­ra. Fio­ren­za

Gen­ti­le Ma­ria Ele­na, per pri­ma co­sa com­pli­men­ti! La ri­vi­sta che ha cu­ra­to si­no ad og­gi è di­ver­ten­te, ri­las­san­te, in­te­res­san­te, pie­na di idee, co­lo­ra­ta, in­di­pen­den­te. In boc­ca al lu­po per la nuo­va av­ven­tu­ra: lei e il suo team fa­re­te an­co­ra me­glio. An­na­li­sa D’Ami­cis

Dai! Ho ap­pe­na let­to del­la chiu­su­ra di Gio­ia! e del­la na­sci­ta di El­le wee­kly. Un po’ mi di­spia­ce, pe­rò al­lo stes­so tem­po ap­prez­zo il cam­bia­men­to e vi fac­cio tan­ti au­gu­ri per la nuo­va av­ven­tu­ra. L’unione fa la for­za! Sil­via

Ca­re tut­te, ma quan­to af­fet­to, quan­ta ener­gia, quan­ta pas­sio­ne nel­le vo­stre let­te­re (e que­ste so­no sol­tan­to una pic­co­la par­te di quel­le che ab­bia­mo ri­ce­vu­to)! Ca­pi­sco che que­sta no­vi­tà la­sci un po’ spiaz­za­te le fe­de­lis­si­me di Gio­ia!. È an­che gra­zie a voi se que­sto giornale è di­ven­ta­to gran­de (gra­zie di cuo­re). Ma non ab­bia­te pau­ra, non per­de­re­te il ca­lo­re, l’at­ten­zio­ne, l’iro­nia con cui vi ac­co­glia­mo tut­te le set­ti­ma­ne. Sa­re­mo sem­pre noi, so­lo in una ca­sa e una fa­mi­glia più gran­di. El­le è un net­work ma­gni­fi­co, con 46 edi­zio­ni nel mon­do, che par­la a tut­te, non so­lo al­le “si­gno­re ric­che” co­me pen­sa So­nia. E che è sem­pre dal­la par­te del­le don­ne. Ve­dre­te. I cam­bia­men­ti aiu­ta­no a cre­sce­re, io so­no fe­li­ce di far­lo con voi. Dun­que, cre­pi il lu­po e ar­ri­ve­der­ci in edi­co­la!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.