Fem­mi­ni­ste con le ali

GIOIA - - Sommario - di Li­dia Ra­ve­ra

Qua­si tut­te, con mo­da­li­tà di­ver­se, vi­via­mo per es­se­re ama­te. La mag­gior par­te di noi, noi don­ne, vuo­le es­se­re ama­ta da un uo­mo, da più uo­mi­ni, dal­le ami­che, dai fi­gli dal­le so­rel­le, dai fra­tel­li. Una mi­no­ran­za vuo­le es­se­re ama­ta da tut­ti o al­me­no dal nu­me­ro più co­spi­cuo pos­si­bi­le di umani am­bo­ses­si: so­no le don­ne che per­se­guo­no il suc­ces­so, spes­so mi­li­tar­men­te, sem­pre in­ge­nua­men­te. Per­ché il suc­ces­so, co­me sa chiun­que ne ab­bia avu­to in sor­te una do­se, non aiu­ta a es­se­re ama­te di più. An­zi. È un at­tri­bu­to non ri­chie­sto e ra­ra­men­te ap­prez­za­to dal ma­schio uma­no. Lo ste­reo­ti­po del­la don­na de­si­de­ra­ta, cor­teg­gia­ta e in­fi­ne spo­sa­ta è Ce­ne­ren­to­la, l’or­fa­na ves­sa­ta, la po­ve­ra e bel­la, quel­la che non ha niente di suo se non il ful­go­re del­la gio­vi­nez­za igno­ran­te. L’eroi­na ro­man­ti­ca non ha ta­len­to né sol­di, è un fo­glio bian­co su cui il prin­ci­pe di­se­gna il suo ro­man­zo. Al­la mag­gio­ran­za de­gli uo­mi­ni non pia­ce es­se­re no­ti at­tra­ver­so la no­to­rie­tà del­la lo­ro com­pa­gna, rea­gi­sco­no ma­le, so­no ge­lo­si, com­pe­ti­ti­vi, ir­ri­ta­ti. Non vogliono om­bra, vogliono pri­meg­gia­re e che lei li guar­di in­can­ta­ta. La don­na-di-suc­ces­so, non di ra­do, per­ciò, col­le­zio­na do­lo­ri pri­va­ti men­tre mie­te pub­bli­ci ono­ri. Per­ché non cer­ca un uo­mo che ab­bia tan­to suc­ces­so quan­to lei, in mo­do da non do­ver­gli rial­za­re ogni due gior­ni il tas­so di au­to­sti­ma? Per­ché an­che l’uo­mo di suc­ces­so va paz­zo per

Ce­ne­ren­to­la, ac­ci­den­ti! Ce­ne­ren­to­la non ti cri­ti­ca, non ti giu­di­ca, non ti spro­na, non ti sfot­te, in­fi­la il suo pie­di­no di ve­tro nell’ap­po­si­ta scar­pet­ta e pro­se­gue per il ca­stel­lo, gra­ta di es­se­re sta­ta scel­ta e strap­pa­ta al­la fu­ria del­le so­rel­la­stre brut­ti­ne. Per­ciò, quel­le di voi che scel­go­no di per­se­gui­re il suc­ces­so do­vran­no so­sti­tui­re il prin­ci­pe az­zur­ro, uni­co e splen­di­do, con la gri­gia mol­ti­tu­di­ne­dei­sud­di­tiam­mi­ra­to­ri. Ma at­ten­zio­ne: an­chei­fan­pre­sen­ta­no qual­che­ri­schio. Di re­cen­te, la re­gi­na del­la per­for­ming art, Ma­ri­na Abra­mo­vic, all’inau­gu­ra­zio­ne di una re­tro­spet­ti­va sul­le sue ope­re, ha vi­sto av­vi­ci­nar­si un ar­ti­sta-ma­schio in­fi­ni­ta­men­te me­no fa­mo­so di lei, con un suo ri­trat­to in ma­no: gli è an­da­ta in­con­tro con il sor­ri­so del­la don­na di suc­ces­so di fron­te all’am­mi­ra­to­re, quan­do l’am­mi­ra­to­re le ha spac­ca­to il qua­dro in te­sta. Ma­ri­na si è ri­fiu­ta­ta di spor­ge­re de­nun­cia, no­no­stan­te lo shock. Ha di­chia­ra­to che l’ag­gres­so­re le fa­ce­va pe­na, men­tre lui di­chia­ra­va che l’ag­gres­sio­ne era in real­tà un omag­gio al­la mae­stra da un col­le­ga del ra­mo. An­che rompere un qua­dro in te­sta al­la re­gi­na del­la per­for­ming art sa­reb­be per­for­ming art. L’in­vi­dia non c’en­tra? Se fru­go nel mio lun­ghis­si­mo pas­sa­to, fi­no a rag­giun­ge­re il 1976, an­no in cui pub­bli­cai, ven­ten­ne, il mio pri­mo ro­man­zo e l’uni­co ba­cia­to da un suc­ces­so di mi­lio­ni di co­pie, ri­cor­do che la mia re­la­zio­ne col ge­ne­re ma­schi­le su­bì una vio­len­ta mu­ta­zio­ne ver­so il peg­gio. Non en­tro nei do­lo­ro­si det­ta­gli, ma quan­do in­con­trai un ra­gaz­zo che non era com­pe­ti­ti­vo né ag­gres­si­vo, che non cer­ca­va di far­mi pa­ga­re nel pri­va­to le mie pub­bli­che sod­di­sfa­zio­ni, mi ag­grap­pai a lui co­me una nau­fra­ga a una scia­lup­pa di sal­va­tag­gio. (Per la gio­ia del­le ro­man­ti­che ag­giun­go che stia­mo an­co­ra in­sie­me).

«Il suc­ces­so non aiu­ta a es­se­re ama­te. An­zi. Lo ste­reo­ti­po del­la don­na de­si­de­ra­ta è Ce­ne­ren­to­la: l’or­fa­na po­ve­ra e bel­la, il fo­glio bian­co su cui il prin­ci­pe di­se­gna il suo ro­man­zo»

LI­DIA RA­VE­RA SCRIT­TRI­CE, IL SUO UL­TI­MO LI­BRO È ILTERZOTEMPO (BOMPIANI)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.