Spa­zio li­be­ro

GIOIA - - Sommario - di Giu­sep­pi­na Tor­re­gros­sa

52

Per es­se­re fe­li­ci bi­so­gna ave­re dei ri­cor­di. Per­ciò i miei fi­gli li ho por­ta­ti al par­co, al­le gio­stre e al ma­re; gio­ca­re non era il mio for­te, ma ci ho pro­va­to; can­ta­vo an­che se sto­na­ta e li cul­la­vo con de­di­zio­ne. Ho riem­pi­to la lo­ro me­mo­ria, per­ché in fu­tu­ro aves­se­ro mat­to­ni ab­ba­stan­za per il lo­ro edi­fi­cio fe­li­ce. Quan­do ini­zia­ro­no le ir­re­quie­tez­ze dell’ado­le­scen­za, le de­lu­sio­ni dei pri­mi amo­ri, le ine­vi­ta­bi­li li­ti tra fra­tel­li, al­lo­ra aprii la por­ta di ca­sa a un cuc­cio­lo bian­co dal­le zam­pe ro­bu­ste e lo sguar­do ti­mi­do. Spe­ra­vo che avreb­be gio­ca­to un ruo­lo cen­tra­le nel­la dif­fi­ci­le qua­dra­tu­ra del cerchio, che è la vi­ta di ogni fa­mi­glia. Lui in­ve­ce sem­bra­va na­to per ac­cen­der­li i con­flit­ti, con i suoi scop­pi im­prov­vi­si di paz­zia e quel rin­ghia­re rab­bio­so con­tro bu­ste di pla­sti­ca e fel­pe ab­ban­do­na­te ovun­que sul pa­vi­men­to. Mi sen­ti­vo pe­rò fi­du­cio­sa e d’al­tra par­te non ave­vo scel­ta: con­ti­nua­re a rim­brot­ta­re quei tre ra­gaz­zi ri­bel­li, op­pu­re af­fi­dar­mi a lui. Si av­ver­tì su­bi­to una nuo­va coe­sio­ne nel no­stro grup­po, an­che se sul­la scel­ta del no­me fu bat­ta­glia. Io vo­le­vo chia­mar­lo Scirocco, «Ma ti pa­re un no­me da ca­ne?» pro­te­sta­ro­no i miei fi­gli, ognu­no dei qua­li pen­sa­va al pro­prio su­pe­re­roe.

«Lo scirocco è un ven­to pos­sen­te. Quan­do sof­fia, devi la­sciar­ti an­da­re e, una vol­ta ca­la­to, suc­ce­de­rà qual­co­sa. In­se­gna a es­se­re fi­du­cio­si, per­ciò mi pia­ce», spie­gai lo­ro. In­fi­ne fe­ci va­le­re la mia au­to­ri­tà: «Si chia­me­rà Scirocco sen­za se né cu­sà ». Lui lo ac­cet­tò su­bi­to, i ra­gaz­zi no; per­ciò fu un fio­ri­re di vez­zeg­gia­ti­vi: Sci­ro, Ship­pi, Sci­rop­po, Sci, fi­no all’ul­ti­mo Sci­rù, do­po la se­rie Go­mor­ra. A ogni ri­chia­mo, lui sol­le­va­va gli oc­chi dal­le lun­ghe ci­glia, gi­ra­va la te­sta nel­la di­re­zio­ne del­la vo­ce, lan­cia­va uno sguar­do ele­gan­te, poi si ri­met­te­va giù a dor­mi­re. Suc­ce­de­va du­ran­te la pas­seg­gia­ta che si sdra­ias­se al cen­tro del­la stra­da, de­ci­so a non pro­se­gui­re. Mi ci mi­si di im­pe­gno per ad­de­strar­lo. Pro­vai an­che con un “com­por­ta­men­to lo­go ”, una sor­ta di psi­co­lo­go per ca­ni, che fa­ce­va stra­ni ver­si e oscil­la­va co­me uno scia­ma­no.

La ve­ri­tà è che Scirocco era un

prin­ci­pe in­car­na­to nel cor­po di un gol­den re­trie­ver, na­to per do­mi­na­re e non per ub­bi­di­re. Avrei do­vu­to ca­pir­lo dai suoi trat­ti al­te­ri, dai mo­di com­po­sti. Nien­te sal­ti, né cor­se sfre­na­te, so­lo au­to­re­vo­li la­tra­ti per di­fen­de­re il ter­ri­to­rio da­gli estra­nei. Co­me quel­la fa­mi­glio­la di ric­ci che si era in­se­dia­ta nel giar­di­no. O il to­po­li­no im­per­ti­nen­te che gli fa­ce­va gli sber­lef­fi dal tet­to del ga­ra­ge, ri­den­do di lui che si muo­ve­va di­noc­co­la­to tra le om­bre del tra­mon­to. Let­ti e di­va­ni non gli pia­ce­va­no e nean­che le ca­rez­ze. So­lo da vec­chio co­min­ciò a de­si­de­ra­re coc­co­le e te­ne­rez­ze. Ma sem­pre con la di­gni­tà di un gen­ti­luo­mo d’al­tri tem­pi. Co­sa ne sa­reb­be sta­to di noi sen­za di lui? Me lo chie­do di con­ti­nuo. Ora che il ven­to è ca­la­to, lo ri­cor­do in­sie­me ai miei fi­gli e, al net­to del do­lo­re per la sua as­sen­za, ci sco­pria­mo fe­li­ci.

«È un ven­to pos­sen­te: quan­do sof­fia, puoi so­lo la­sciar­ti an­da­re. Una vol­ta ca­la­to, sai che suc­ce­de­rà qual­co­sa. È un ven­to che in­se­gna a es­se­re fi­du­cio­si. Per que­sto mi pia­ce»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.