Ales­san­dra Amo­ro­so. 10 e lo­de

Die­ci co­me il ti­to­lo del suo ul­ti­mo al­bum, ispi­ra­to ad al­tret­tan­ti an­ni di car­rie­ra. Can­zo­ni ine­di­te do­ve si par­la di co­rag­gio, amo­re e... chio­di del­la vi­ta

GIOIA - - Sommario - di Pao­la Ma­rao­ne

Ir­rom­pe ela­sti­ca e si­nuo­sa, a suo agio in un look se­xy-te­xa­no,

nel­la hall dell’al­ber­go mi­la­ne­se che è sta­ta la sua ca­sa per le ul­ti­me ore. Buf­fo cer­ca­re nei trat­ti di que­sta bel­la, gio­va­ne don­na (ha 32 an­ni) le trac­ce del­la ra­gaz­zi­na con fran­gia e fos­set­te che a mar­zo 2009 vin­se l’ot­ta­va edi­zio­ne di Ami­ci e fe­steg­gia ora, con il nuo­vo al­bum di ine­di­ti 10 (So­ny), i pri­mi die­ci an­ni di car­rie­ra: «To­sti e im­por­tan­tis­si­mi, per­ché non so­no so­lo miei ma an­che di chi è cre­sciu­to con me», quel­la big fa­mi­ly, co­me le pia­ce chia­mar­la, com­po­sta da uno zoc­co­lo du­ro di fan inos­si­da­bi­li, «ra­gaz­ze che nel frat­tem­po si so­no lau­rea­te, han­no avu­to fi­gli», nu­me­ro­sis­si­mi nuo­vi adep­ti e l’en­tou­ra­ge che le ruo­ta at­tor­no per la­vo­ro, ma­na­ger, di­sco­gra­fi­ci, il nuo­vo com­pa­gno Ste­fa­no Set­te­pa­ni che è an­che il pro­dut­to­re del suo di­sco («Bel­lo la­vo­ra­re in­sie­me, ci ha por­ta­to a co­no­scer­ci di più») e con cui non esclu­de di met­ter su fa­mi­glia: «Pen­sie­ro stu­pen­do, ma ora c’è l’al­bum».

Sod­di­sfat­ta? Ci ho mes­so tut­ta me stes­sa co­me fac­cio sem­pre, dun­que sì, mol­to. E poi, ora che so­no cre­sciu­ta, cer­te co­se cer­co di dir­le con for­za e co­rag­gio, co­me di­ce il ti­to­lo di una can­zo­ne.

Per esem­pio?

Nel di­sco can­to di omos­ses­sua­li­tà, di mi­gran­ti, dei chio­di del­la vi­ta. Lo fac­cio con la mia vo­ce che re­sta sem­pli­ce e di­ret­ta, ma lo fac­cio. Pen­so che sia­mo tut­ti ugua­li sot­to il cie­lo e tut­ti me­ri­tia­mo ri­spet­to, in­ve­ce là fuo­ri c’è sem­pre qual­cu­no pron­to a sbra­nar­ti.

I so­cial am­pli­fi­ca­no l’ag­gres­si­vi­tà.

È uno dei mo­ti­vi per cui non so­no tan­to ti­po da so­cial. A me piac­cio­no le co­se fi­si­che, gli og­get­ti. Ci ho mes­so due set­ti­ma­ne, con il mio staff, a im­pac­chet­ta­re per­so­nal­men­te fi­no al­le 2 di not­te, man­gian­do piz­za e wur­stel, 3.000 co­fa­net­ti per i mem­bri del fan club, che li han­no ri­ce­vu­ti a ca­sa nei gior­ni scor­si. Den­tro ci so­no il di­sco, una let­te­ra, il bi­gliet­to per uno dei con­cer­ti del mio tour, che par­ti­rà a pri­ma­ve­ra.

Nel suo di­sco c’è an­che l’amo­re. Tan­tis­si­mo amo­re. Beh, è una fa­se del­la vi­ta mol­to pal­pi­tan­te. E poi se­con­do lei con que­sto co­gno­me di co­sa de­vo par­la­re?

Di lei ra­gaz­zi­na ad Ami­ci sap­pia­mo. An­dan­do in­die­tro

nel tem­po, ci rac­con­ta l’Ales­san­dra bam­bi­na?

Di gior­no sta­vo dai non­ni, in cam­pa­gna. Io e il non­no rac­co­glie­va­mo i fi­chi, bru­cia­va­mo le stop­pie. Lo­ro do­po pran­zo fa­ce­va­no un ri­po­si­no e cer­ca­va­no di co­strin­ge­re an­che me, ma io scap­pa­vo scal­za nei cam­pi, par­la­vo con gli al­be­ri, ora non mi pren­da per paz­za.

Ha un rap­por­to vi­sce­ra­le con la na­tu­ra?

Ho un rap­por­to vi­sce­ra­le con tut­to, mi espon­go trop­po. So­no sta­ta frain­te­sa in pas­sa­to e ci so­no ri­ma­sta ma­lis­si­mo.

È una del­le co­se del­la vi­ta.

Sì ma su di me ha un ef­fet­to de­va­stan­te, se qual­cu­no non mi ca­pi­sce ci re­sto ma­le e va­do in cri­si.

Co­sa fa quan­do è in cri­si, Ales­san­dra?

Per far­me­la pas­sa­re, di­ce? Pen­so al so­le. E al­la vo­ce bel­lis­si­ma di mia mam­ma. È co­sì che la musica è en­tra­ta nel­la mia vi­ta, fa­ce­va­mo duet­ti as­sie­me la­van­do i piat­ti a ma­no. Poi que­sta co­sa del­la pu­li­zia mi è ri­ma­sta, per me è un an­ti­stress e fa­vo­ri­sce la crea­ti­vi­tà. Mi pia­ce tut­to, la­va­re, spol­ve­ra­re, rior­di­na­re. Il più gran re­ga­lo che puoi far­mi è dar­mi una stan­za in­ca­si­na­ta da si­ste­ma­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.