PI­XIE

Glamour (Italy) - - SHOW MUSICA -

Re­ci­ta a tea­tro, in­se­gna ai ra­gaz­zi, pre­pa­ra il quar­to di­sco. In­con­tro rav­vi­ci­na­to con Pi­xie Lott, pop­star in car­rie­ra ixie Lott, ve­ro no­me Vic­to­ria Loui­se, era tra i tan­ti gio­va­ni cre­sciu­ti nel sud di Lon­dra con il so­gno di sfon­da­re nel­la mu­si­ca. Mis­sio­ne com­piu­ta. E ades­so Pi­xie rad­dop­pia. Do­po il gran­de suc­ces­so del­lo show tea­tra­le Co­la­zio­ne da Tiffany, che sta por­tan­do in tour per tut­ta l’In­ghil­ter­ra, la prin­ci­pes­sa del pop è di nuo­vo in stu­dio per la­vo­ra­re al suo quar­to al­bum. L’ul­ti­ma vol­ta che sei sta­ta su un pal­co ave­vi 11 an­ni, con un clas­si­co per ra­gaz­zi, Chit­ty Chit­ty Bang Bang. Co­me è sta­to tor­na­re a re­ci­ta­re? «Ero ner­vo­sis­si­ma, per­ché in co­pio­ne ci so­no migliaia di bat­tu­te da ri­cor­da­re, e in più ho do­vu­to as­si­mi­la­re l’ac­cen­to new­yor­ke­se di Hol­ly, non­ché im­pa­ra­re a suo­na­re la chi­tar­ra». Co­la­zio­ne da Tiffany ha ispi­ra­to ge­ne­ra­zio­ni di don­ne, an­che da un pun­to di vi­sta fa­shion. Quan­to è im­por­tan­te per te la mo­da? «Mol­tis­si­mo, non ho mai pau­ra di spe­ri­men­ta­re nuo­vi look e di at­tin­ge­re al­lo street sty­le. Gli an­ni ’60 so­no de­ci­sa­men­te i miei pre­fe­ri­ti, la mia ico­na è sem­pre sta­ta Edie Sedg­wick, la mu­sa di An­dy Wa­rhol... Ma ora mi sto tuf­fan­do nei fa­vo­lo­si an­ni ’40». Re­ci­ti a tea­tro e in­tan­to in­se­gni. «Mio pa­dre mi ha spie­ga­to che lo stu­dio non ser­ve a evitare i fal­li­men­ti, ma a pre­pa­rar­ti al­le scon­fit­te: è una le­zio­ne che ho te­nu­to pre­sen­te. Per que­sto so­no fe­li­ce di aver aper­to un’Ac­ca­de­mia Ita­lia Con­ti (la scuo­la per ar­ti­sti do­ve Pi­xie si è for­ma­ta, ndr) a Lon­dra, la mia cit­tà. È bel­lis­si­mo aiu­ta­re i so­gni de­gli al­tri, io mi ci de­di­co nei wee­kend!». Tu hai an­co­ra un so­gno nel cas­set­to? «Una co­sa da fa­ti­na, vor­rei che il mon­do fos­se più bel­lo, che le per­so­ne fos­se­ro più gentili. Trop­po dif­fi­ci­le? Trop­po zuc­che­ro­so? Non va­le, ve­ro?». La tua vi­ta non è fat­ta di so­lo la­vo­ro: in­sie­me al tuo fi­dan­za­to, il mo­del­lo Oli­ver Che­shi­re, ti la­sci in­se­gui­re dai pa­pa­raz­zi tra par­ty esclu­si­vi e viag­gi eso­ti­ci. «Sba­gli, vi­vo co­me tut­ti, con pre­ci­si ora­ri fis­si. Ades­so che re­ci­to, poi... Quan­do de­ci­do io il mio tem­po, mi al­zo tar­di, fac­cio una co­la­zio­ne su­per sa­na, ti­po toa­st e avo­ca­do, poi en­tro in stu­dio ver­so l’ora di pran­zo e ci ri­man­go a ol­tran­za. Ec­co: so­no in­sop­por­ta­bi­le quan­do mi sve­glio pre­sto». Quan­do hai ca­pi­to che vo­le­vi di­ven­ta­re una pop­star? «Can­ta­re è sem­pre sta­to un istin­to per me: non ap­pe­na ho co­min­cia­to a par­la­re, ho an­che ini­zia­to a gor­gheg­gia­re. Mi esi­bi­vo ogni vol­ta che ne ave­vo l’op­por­tu­ni­tà. A 15 an­ni, con la scu­sa di an­da­re dal den­ti­sta, ho in­con­tra­to un ma­na­ger e ho fir­ma­to il con­trat­to per il pri­mo al­bum. Il ri­sul­ta­to è sta­to fan­ta­sti­co». In ef­fet­ti Ma­ma Do è fi­ni­ta in te­sta al­le hit pa­ra­de. Ti man­ca qual­che co­sa di una vi­ta nor­ma­le? «Nien­te. Ero pre­pa­ra­ta al suc­ces­so, de­si­de­ra­vo que­sta vi­ta da co­sì tan­to...». Dic­ci le can­zo­ni che hai og­gi nel tuo te­le­fo­ni­no. «Sen­to Ste­vie Won­der, Otis Red­ding, Bru­no Mars, Ed Shee­ran, Whit­ney Hou­ston... Pe­rò, il pez­zo che ascol­to per ga­sar­mi è Lo­ve Co­me Do­wn di Eve­lyn King. Sen­ti­te­la, vi fa­rà sor­ri­de­re». Ri­ver. Moon

SONG ON­LI­NE Pi­xie (“f ol­let­to”, in in­gle­se), 25 an­ni, ha ap­pe­na pub­bli­ca­to su i Tu­nes una sua ver­sio­ne del clas­si­co No­ti­zie in di­ret­ta sul­la sua at­ti­vit à? Ba­sta se­guir e i tw eet su @ Pi­xieLott

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.