Niels Sch­nei­der

È L’AT­TO­RE RI­VE­LA­ZIO­NE DEL CI­NE­MA FRAN­CE­SE. IL PALCOSCENICO NEL DNA, LA PER­DI­TA DEL FRA­TEL­LO, IL NUO­VO AMO­RE

Glamour (Italy) - - NEWS - di Carla Bardelli

La ca­mi­cia ha­wa­ia­na, por­ta­ta sot­to una giac­ca e un pan­ta­lo­ne chic, co­me uno che ha pre­so qual­co­sa nell’ar­ma­dio a oc­chi chiu­si. In­ve­ce: «Ho stu­dia­to il look, per in­con­tra­re una gior­na­li­sta ita­lia­na», mi di­ce Niels Sch­nei­der, fie­ro del­la sua scel­ta. «Sto gi­ran­do un film tal­men­te dif­fi­ci­le: ho bi­so­gno di co­lo­re, per con­tra­sta­re il buio del mio personaggio», ag­giun­ge l’at­to­re, 30 an­ni, fran­ce­se na­tu­ra­liz­za­to ca­na­de­se, re­cen­te­men­te no­mi­na­to mi­glio­re spe­ran­za del ci­ne­ma d’ol­tral­pe dall’Ac­ca­de­mia dei Cé­sar. In ef­fet­ti, il suo ul­ti­mo ruo­lo al ci­ne­ma non è dei più al­le­gri, an­zi «è assolutamente al­lu­ci­nan­te», co­me lo de­fi­ni­sce, fa­cen­do una smor­fia di or­ro­re. La re­gi­sta Ca­the­ri­ne Cor­si­ni lo ha vo­lu­to per Un amour im­pos­si­ble, trat­to dal ro­man­zo au­to­bio­gra­fi­co di Ch­ri­sti­ne An­got: una sto­ria che par­la di in­ce­sto e di cui Niels è pro­ta­go­ni­sta. Per­ché hai ac­cet­ta­to que­sta par­te? «So­no abi­tua­to a en­tra­re nei per­so­nag­gi scu­ri: psi­co­pa­ti­ci sull’orlo del suicidio (co­me in Tout est par­fait, il pri­mo film di Yves Christian Four­nier, ndr), ba­star­di ar­ro­gan­ti (ne L’âge ato­mi­que di Hé­lé­na Klo­tz, ndr), omo­ses­sua­li in pre­da all’os­ses­sio­ne per un uo­mo ( Les amours ima­gi­nai­res, di Xa­vier Do­lan, ndr). In real­tà de­te­sto il com­fort. E ado­ro la pau­ra, la com­ples­si­tà del­le in­ter­pre­ta­zio­ni. Per questo non po­trei fa­re a me­no di por­ta­re avan­ti la mia car­rie­ra tea­tra­le, pa­ral­le­la­men­te a quel­la del ci­ne­ma». Ti ab­bia­mo vi­sto su­gli scher­mi ita­lia­ni nei pan­ni di Jean So­bie­ski, un amo­re di Da­li­da. Che cosa ci di­ci a ri­guar­do? «Ci so­no ciam­bel­le che rie­sco­no col bu­co: Da­li­da di Li­sa Azue­los è una di que­ste. Tut­ti era­va­mo ga­sa­ti al mas­si­mo sul set: da Sve­va Al­vi­ti, che sem­bra­va la can­tan­te rein­car­na­ta, a Ric­car­do Sca­mar­cio, con cui spe­ro di la­vo­ra­re an­co­ra. È sta­ta un’espe­rien­za che non di­men­ti­che­re­mo». Non sei l’uni­co ar­ti­sta in fa­mi­glia, ve­ro? «La passione per il palcoscenico vie­ne da mio pa­dre, bal­le­ri­no clas­si­co del cor­po di bal­lo dell’Opé­ra di Pa­ri­gi e at­tual­men­te professore di tea­tro. L’ha tra­smes­sa tal­men­te be­ne ai suoi cin­que fi­gli che non ab­bia­mo sa­pu­to op­por­ci». Qual­che an­no fa ave­te su­bi­to una gra­ve per­di­ta... «Sì, a 17 an­ni mio fra­tel­lo Va­dim è mor­to in un in­ci­den­te stra­da­le: sta­va rag­giun­gen­do il set del­la se­rie televisiva che gi­ra­va a Mon­tréal. Una per­di­ta che ci con­di­zio­ne­rà per sem­pre». As­so­mi­gli ai tuoi fra­tel­li? «So­no tut­ti più af­fa­sci­nan­ti di me, ma io piac­cio di più al­le ra­gaz­ze (ri­de, ndr) ». Il tuo cuo­re è già sta­to pre­so, o sba­glio? «Da una bal­le­ri­na del cor­po di bal­lo di An­ge­lin Pre­l­jo­caj: si chia­ma Vir- gi­nie Caus­sin, sia­mo mol­to in­na­mo­ra­ti. Ab­bia­mo ap­pe­na com­pra­to una bel­la ca­sa vi­ci­no al Pa­lais Royal». Co­me una cop­pia bor­ghe­se. Dun­que, so­la­men­te al ci­ne­ma ti pia­ce usci­re dal­la com­fort zone? «No, an­che nel­la vita. Finora ho vis­su­to in spa­zi pic­co­li e sco­mo­di, sem­pre con i car­to­ni pron­ti per tra­slo­ca­re. Non ci ho dor­mi­to la notte, pri­ma di de­ci­de­re di com­pra­re una ca­sa nor­ma­le. Ma ho già rag­giun­to i 30, for­se sto in­vec­chian­do! (sem­bra dav­ve­ro pre­oc­cu­pa­to, ndr) ».

De­te­sto il com­fort, ado­ro la pau­ra, i ruo­li dif­fi­ci­li, il buio dell’ani­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.