MICAELA RAMAZZOTTI «Vi par­lo del­le mie fa­mi­glie...»

O me­glio, di due fa­mi­glie: una è quel­la (in­quie­ta) del suo ul­ti­mo film, l’al­tra ( gio­io­sa) quel­la ve­ra. La più get­to­na­ta tra le at­tri­ci ita­lia­ne, MICAELA RAMAZZOTTI, le rac­con­ta en­tram­be. Con pas­sio­ne e senza fil­tri

Glamour (Italy) - - SOMMARIO - di Ni­na Ver­del­li

Tut­te le fa­mi­glie fe­li­ci si so­mi­glia­no”, scri­ve­va Tol­stoj in An­na Ka­re­ni­na, “ogni famiglia in­fe­li­ce è in­fe­li­ce a mo­do suo”. La famiglia del nuo­vo film di Se­ba­stia­no Ri­so, Una famiglia, poi, è in­fe­li­ce in mo­do as­sur­do. «Pa­to­lo­gi­co», pre­ci­sa la pro­ta­go­ni­sta Micaela Ramazzotti che, a 38 an­ni e con 40 ruo­li ma­lin­co­ni­ci nel cur­ri­cu­lum, fre­sca del suc­ces­so de La te­ne­rez­za, si ap­pre­sta a ri­ve­der­si nei pan­ni di un’al­tra «eroi­na mal­con­cia». Dal 28 set­tem­bre, al cinema sa­rà Ma­ria: mi­te e si­len­zio­sa ra­gaz­za di Ostia con i ca­pel­li os­si­ge­na­ti e lo sguar­do as­sen­te, che si ag­gi­ra per il suo quar­tie­re ab­brac­cian­do­si den­tro un giub­bot­ti­no ro­sa, co­me se non vo­les­se far­si scap­pa­re qual­co­sa che ha den­tro. E in­fat­ti non vor­reb­be. Mo­glie suc­cu­be, è co­stret­ta dal ma­ri­to Vin­cen­zo, in­ter­pre­ta­to dal­lo chan­son­nier fran­ce­se Pa­trick Bruel, a rei­te­ra­te gra­vi­dan­ze che, pe­rò, non la ren­do­no mai ma­dre: ap­pe­na par­to­ri­ti, i neo­na­ti ven­go­no ven­du­ti a cop­pie ste­ri­li per mi­glia­ia di eu­ro. Ma­ria ci sta? «La sto­ria co­min­cia quando na­sce in lei la fiam­mel­la del­la ri­bel­lio­ne. Ma fi­no a quel pun­to, sì, c’è sta­ta. Il bel­lo, pe­rò, è che il film os­ser­va, non giu­di­ca».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.