C’

Glamour (Italy) - - NEWS -

è qual­co­sa nel­le ra­gaz­ze lon­di­ne­si che le ren­de im­me­dia­ta­men­te ri­co­no­sci­bi­li e, al­tret­tan­to im­me­dia­ta­men­te, ma­gne­ti­che: un loro spe­cia­le “sen­so del­la mi­su­ra”. Un mi­sto di ca­lo­re eu­ro­peo e di­stac­co nordico fa sì che, quan­do ne in­con­tri una, co­me a noi è ca­pi­ta­to con Quentin Jo­nes, hai su­bi­to vo­glia di far­ci ami­ci­zia. Com­po­ste ma non im­pet­ti­te, iro­ni­che ma non sar­ca­sti­che, se­le­zio­na­no con cu­ra le pa­ro­le da uti­liz­za­re. La loro ele­gan­za non è mai ur­la­ta e, al con­tem­po, rie­sco­no a ren­de­re chic la più ca­sual del­le mi­se. Non so­lo: an­che quan­do han­no una vi­ta scan­di­ta da un tur­bi­nio di at­ti­vi­tà, met­to­no da par­te even­tua­li iste­rie e osten­ta­no un con­trol­lo se­ra­fi­co su ogni co­sa. In que­sto Quentin Jo­nes è mae­stra. Ex mo­del­la lau­rea­ta in Fi­lo­so­fia, è il­lu­stra­tri­ce, re­gi­sta, mo­glie, ma­dre, ar­ti­sta. E ora, a 34 an­ni, an­che de­si­gner: esce a fi­ne mag­gio la cap­su­le col­lec­tion per Ma­rel­la che por­ta il suo no­me, Quentin Jo­nes X Ma­rel­la ART.365. Una li­mi­ted edi­tion in bian­co e ne­ro, che l’ar­ti­sta ac­ca­rez­za men­tre pas­seg­gia per la bou­ti­que mi­la­ne­se do­ve la in­con­tria­mo. C’è un ca­po che ti pia­ce più de­gli al­tri? «Lo che­mi­sier che in­dos­so: di gior­no lo por­to con le snea­kers, di se­ra con i tac­chi. Per­fet­to per chi, co­me me, do­po il la­vo­ro ma­ga­ri si fer­ma fuo­ri a ce­na». Quin­di, nell’idea­re la cap­su­le, ave­vi in men­te una don­na a tua im­ma­gi­ne. «Ave­vo in men­te pro­prio me stes­sa. Mi so­no chie­sta: che co­sa mi col­pi­sce quan­do en­tro in un ne­go­zio?». E ti sei ri­spo­sta? «Le stam­pe op­ti­cal e gli ac­co­sta­men­ti ar­di­ti. Det­to fat­to: ho pre­so due pat­tern clas­si­ci co­me ri­ghe e pois e li ho mes­si l’uno ac­can­to all’al­tro. Ec­co il toc­co di mo­der­ni­tà che pia­ce­rà al­le ra­gaz­zi­ne. O a chi, co­me me, si sen­te sem­pre ra­gaz­zi­na den­tro, an­che se ha già un fi­glio e ne aspet­ta un se­con­do». Sa­rà un al­tro ma­schiet­to? «So­no qua­si si­cu­ra di sì». Il primo l’hai chia­ma­to Grey, “gri­gio” in ita­lia­no. Il se­con­do? «Tro­ve­rò un no­me al­tret­tan­to ori­gi­na­le. Pen­sa che tut­ti cre­do­no che ab­bia scel­to “gri­gio” per­ché è la tin­ta che si ri­ca­va mi­sce­lan­do il bian­co e il ne­ro, i due co­lo­ri del­la mia ar­te». Non è co­sì? «È me­no poe­ti­co: al­le me­die, il ra­gaz­zo più in gam­ba del­la scuola si chia­ma­va Grey. Mi è ri­ma­sto im­pres­so da al­lo­ra». Co­me ti è cam­bia­ta la vi­ta da quan­do è ar­ri­va­to il tuo Grey? «Ho ri­dot­to le usci­te se­ra­li, so­prat­tut­to ora che so­no in­cin­ta: me­glio sta­re a ca­sa piut­to­sto che es­se­re l’uni­ca so­bria del­la fe­sta. E ho au­men­ta­to le ca­pa­ti­ne al su­per­mer­ca­to: quan­do hai fa­mi­glia il fri­go de­ve sem­pre es­se­re for­ni­to». Nes­sun im­pat­to sul la­vo­ro? «So­no di­ven­ta­ta più tol­le­ran­te: i fi­gli ti in­se­gna­no che la per­fe­zio­ne non esi­ste. Ma an­che più ef­fi­cien­te: non aven­do tem­po da per­de­re, de­vo ca­pi­re ra­pi­da­men­te che co­sa fun­zio­na e che co­sa no. Quan­do ero sin­gle e vi­ve­vo a New York, in­ve­ce, po­te­vo per­met­ter­mi di “spre­ca­re” an­che die­ci gior­ni di ten­ta­ti­vi ed er­ro­ri su pro­get­ti che non avreb­be­ro mai vi­sto la lu­ce del so­le». Ti eri tra­sfe­ri­ta a New York per la­vo­ro? «Per cam­bia­re». Per qua­le mo­ti­vo, poi, sei rien­tra­ta a Lon­dra? «Per mio ma­ri­to. Ma lo sto con­vin­cen­do a tor­na­re ne­gli Sta­tes». Lui di che co­sa si oc­cu­pa? «Geor­ge [Nor­th­cott, ndr] svi­lup­pa nuo­vi bu­si­ness le­ga­ti al­la tec­no­lo­gia. E nuo­vi mo­di di ir­ri­tar­mi». Stai ri­den­do! Rac­con­ta­ce­ne uno. «Ver­sa il tè nel mo­do sba­glia­to». È co­sì im­por­tan­te per te il ga­la­teo? «Pos­so im­paz­zi­re se, al ri­sto­ran­te, la gen­te al ta­vo­lo ac­can­to al mio man­gia in ma­nie­ra di­sgu­sto­sa». Ori­gi­ni ari­sto­cra­ti­che? «So­no fi­glia di due ar­chi­tet­ti che han­no a cuo­re le buo­ne ma­nie­re». Le in­se­gni an­che a Grey? «Mah, sta cre­scen­do un po’ vi­zia­to. Io so­no spes­so all’este­ro per la­vo­ro e le ta­te so­no più mor­bi­de». Vi­ta mo­vi­men­ta­ta: scel­ta con­sa­pe­vo­le o ob­bli­ga­ta? «Con­sa­pe­vo­le. Ho una so­glia di at­ten­zio­ne bas­sis­si­ma. Per te­ner vi­vo l’in­te­res­se ho bi­so­gno di cam­bia­re spes­so: cit­tà, pro­get­ti, la­vo­ro». Ec­co per­ché una mo­del­la si iscri­ve a Fi­lo­so­fia, si lau­rea, poi fa in­ver­sio­ne di rot­ta e sce­glie Ar­ti Gra­fi­che. «Fi­lo­so­fia mi è ser­vi­ta: mi ha re­ga­la­to una buo­na ca­pa­ci­tà ana­li­ti­ca e l’at­ti­tu­di­ne a la­vo­ra­re so­do. Qua­li­tà che tan­ti ar­ti­sti si so­gna­no».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.