Mi ac­cet­to. Vi­vo i ca­pi­to­li del­la mia vi­ta co­me una nuo­va av­ven­tu­ra.

E non ho nes­su­na in­ten­zio­ne di fer­mar­mi. L’età ti to­glie fre­schez­za fi­si­ca, ma ti re­ga­la la li­ber­tà. Di fa­re e di di­re. Di es­se­re leg­ge­ra. Nel sen­so più su­bli­me del ter­mi­ne

Glamour (Italy) - - SPOTLIGHT -

Quel­la lu­ce che lei spri­gio­na nel­le fo­to. «Ho vis­su­to tut­te le emo­zio­ni pos­si­bi­li quan­do mi han­no ri­chia­ma­to: stu­po­re, fe­li­ci­tà, qua­si pau­ra. Ma di una co­sa ero cer­ta: che chi mi fo­to­gra­fas­se non na­scon­des­se quel­lo che ero di­ven­ta­ta. Ma che an­das­se drit­to per drit­to. Co­sì ho chie­sto a Pe­ter Lind­ber­gh, il fo­to­gra­fo che mi ave­va già im­mor­ta­la­to per TrŽ­sor. Lui cer­ca l’ani­ma. E in­fat­ti le mie fo­to so­no bel­le». Lei ha una for­te per­so­na­li­tà no­no­stan­te i ge­ni­to­ri im­pe­gna­ti­vi. «So­no sta­ti bra­vis­si­mi, in­di­riz­zan­do­mi sen­za trop­pi fa­vo­ri­ti­smi. Mi han­no mes­so in guar­dia dal suc­ces­so fa­ci­le, in­si­sten­do su quan­to cul­tu­ra e cu­rio­si­tà fos­se­ro più im­por­tan­ti dei sol­di». È mai sta­ta va­ni­to­sa? «Cer­co di non se­gui­re quell’odio­so pro­ces­so che in­co­rag­gia le don­ne a giu­di­car­si. Per­ché è la vo­ce del dia­vo­lo. Io in­ve­ce ho ascol­ta­to e ascol­to la vo­ce del gio­co, dell’ele­gan­za, dell’av­ven­tu­ra». Un rim­pian­to. «For­se di non aver fat­to pri­ma quel­lo che vo­le­vo fa­re e che fac­cio oggi». Un pri­mo bi­lan­cio? «La vi­ta è bel­la. Pro­prio bel­la».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.