AL­TA fe­del­tà

Al cal­cio pri­ma di tut­to e al­la “sua” Juventus. E poi al­la fa­mi­glia, ai va­lo­ri di una vol­ta. E ai tan­ti ri­cor­di le­ga­ti ai pro­fu­mi. A par­ti­re da quel­lo dell’er­ba

Glamour (Italy) - - BEAUTY - di Mar­ta Ca­ra­mel­li

Se­rie­tà, ri­go­re, pas­sio­ne: sta in que­sti tre ag­get­ti­vi l’ap­proc­cio al­lo sport e in ge­ne­ra­le al­la vi­ta del cen­tro­cam­pi­sta del­la Juventus Clau­dio Mar­chi­sio (32 an­ni). Oc­chio az­zur­ro, bei mo­di, spo­sa­to con due fi­gli, il “prin­ci­pi­no” del cal­cio ita­lia­no non di­sde­gna l’era tec­no­lo­gi­ca, ma man­tie­ne vi­ve le tra­di­zio­ni di fa­mi­glia e non pre­scin­de da al­cu­ni va­lo­ri. Quel­li che piac­cio­no a Gior­gio Ar­ma­ni che in­fat­ti l’ha scel­to co­me am­ba­scia­to­re ita­lia­no dell’ul­ti­ma ver­sio­ne di Ac­qua di Giò, Ab­so­lu. Il cal­cio le ha da­to mol­to. Nel ca­so non fos­se di­ven­ta­to il cam­pio­ne che è qua­le sa­reb­be sta­to il suo pia­no B? «È ve­ro, il cal­cio mi ha da­to mol­to, ma an­che pre­te­so tan­to. Mi ren­do con­to pe-

rò di es­se­re un pri­vi­le­gia­to: non ho mai do­vu­to pen­sa­re a un fu­tu­ro al­ter­na­ti­vo, co­me tan­tis­si­mi miei com­pa­gni che non ce l’han­no fat­ta. Una pre­ci­sa­zio­ne a cui ten­go: il mio so­gno non è mai sta­to quel­lo di gio­ca­re a cal­cio, ma di es­se­re un cal­cia­to­re del­la Juventus. Per chi co­me me è cre­sciu­to con que­sti co­lo­ri stam­pa­ti sul­la pel­le non è una dif­fe­ren­za da po­co». La sua in­fan­zia rac­con­ta­ta in pro­fu­mi. «Tra i tan­ti ri­cor­di, due so­no ben im­pres­si nel­la mia men­te: il pro­fu­mo dei pran­zi e del­le ce­ne in fa­mi­glia, tra­di­zio­ne che tut­to­ra man­ten­go vi­va, no­no­stan­te gli im­pe­gni, e, co­mu­ne a tut­ti i bam­bi­ni che “vi­vo­no” di cal­cio, l’odo­re dell’er­ba dei cam­pi. Si può gio­ca­re ne­gli sta­di più bel­li del mon­do o nei cam­pi più “spe­lac­chia­ti” di pro­vin­cia: il pro­fu­mo dell’er­ba ri­ma­ne sem­pre lo stes­so». E do­po, quan­do smet­te­rà? «Non lo so an­co­ra, in que­sto mo­men­to ho trop­pa vo­glia di con­ti­nua­re a gio­ca­re. Tut­ta­via, se do­ves­si im­ma­gi­nar­mi tra un po’ di an­ni, la tec­no­lo­gia mi­xa­ta ai nuo­vi stru­men­ti di co­mu­ni­ca­zio­ne è un set­to­re che mi at­ti­ra». La mo­da la se­du­ce? «Mi se­du­co­no tut­ti que­gli am­bi­ti che, con­ta­mi­na­ti da in­no­va­zio­ne, ta­len­to e pro­gres­so tec­no­lo­gi­co, rie­sco­no a se­gna­re le epo­che in ma­nie­ra de­ci­si­va. Quin­di an­che la mo­da. Ma sol­tan­to quan­do rie­sce a di­stin­guer­si e a in­ci­de­re sul­la no­stra quo­ti­dia­ni­tà. For­se più che il fa­shion sy­stem, mi ap­pas­sio­na­no le per­so­ne che con­tri­bui­sco­no a ren­de­re que­sto cam­po co­sì tra­vol­gen­te». I gio­ca­to­ri im­ma­gi­no deb­ba­no sta­re at­ten­ti a che co­sa man­gia­no. Lei è una buo­na for­chet­ta? «Mi col­le­go a una ce­le­bre ci­ta­zio­ne di Vir­gi­nia Woolf che con­di­vi­do in pie­no: “Non si può pen­sa­re be­ne, ama­re be­ne, dor­mi­re be­ne, se non si ha man­gia­to be­ne”. Pe­rò man­gia­re è qual­co­sa di più che un pia­ce­re, è un ve­ro at­to so­cia­le. Ol­tre che es­se­re una buo­na for­chet­ta (ov­via­men­te nei li­mi­ti im­po­sti dal­la mia pro­fes­sio­ne), nu­tro un gran­de sen­so di ri­spet­to nei con­fron­ti dei pro­dut­to­ri». Il so­gno di Mar­chi­sio. «Ho rea­liz­za­to mol­ti dei miei so­gni, ma de­vo di­re an­che che gio­ca­re nel­la Juventus mi ha in­se­gna­to a non ac­con­ten­tar­mi mai. Il mio obiet­ti­vo è quel­lo di con­ti­nua­re a vin­ce­re con que­sta ma­glia». Un mes­sag­gio per i giovani d’oggi? «Di cre­de­re nei pro­pri so­gni no­no­stan­te le dif­fi­col­tà, an­che se sem­bra­no ir­rag­giun­gi­bi­li. Se non sia­mo noi stes­si per pri­mi a cre­der­ci, non ci sa­rà nes­su­no che lo fa­rà per noi. E poi quel­lo di non far­si tra­sci­na­re dai cam­bia­men­ti. La tec­no­lo­gia ri­suc­chia: bi­so­gna vi­ver­la da pro­ta­go­ni­sti, non pas­si­va­men­te». Le pia­ce­reb­be che uno dei suoi fi­gli se­guis­se le sue or­me? «Vor­rei che i miei fi­gli fa­ces­se­ro ciò che ama­no fa­re. Io e mia mo­glie sia­mo pron­ti a so­ste­ner­li in qual­sia­si lo­ro so­gno e pas­sio­ne». Fe­li­ci­tà ugua­le a... «Per gran par­te del­la mia vi­ta fe­li­ci­tà ha coin­ci­so con la Vec­chia Si­gno­ra: vor­rei che lo fos­se an­co­ra per un bel po’».

Il jus mo­del­lat o dal na­so Al­ber­to Mo­ril­las è un viag­gio nel­la ma­sco­li­ni­tà sen­za tem­po. Se­re­na e con­sa­pe­vo­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.