ISABELLA ROSSELLINI

Non si è fat­ta man­ca­re nul­la e sta be­nis­si­mo nel­la sua pel­le: ISABELLA ROSSELLINI sor­ri­de agli ina­spet­ta­ti cam­bia­men­ti del­la sua vi­ta. Co­me quel­lo di tor­na­re a fa­re la mo­del­la a 65 an­ni. E, a sen­ti­re lei, non è an­co­ra fi­ni­ta

Glamour (Italy) - - SOMMARIO - di Mar­ta Ca­ra­mel­li fo­to Pe­ter Lind­ber­gh

Il gran­de ri­tor­no

Quel­la a Isabella Rossellini è sta­ta la mia pri­ma intervista: a 25 an­ni ero se­du­ta da­van­ti a un mi­to. La guar­dai ter­ro­riz­za­ta, lei lo col­se e mi dis­se: «Non ti pre­oc­cu­pa­re, par­lo io». Rup­pe la ten­sio­ne e in ef­fet­ti par­lò mol­to. Sal­van­do­mi. So­no pas­sa­ti cir­ca al­tri 25 an­ni e oggi l’ho rin­con­tra­ta per lo stes­so mo­ti­vo di al­lo­ra: in qua­li­tà di te­sti­mo­nial di Lan­cô­me, quel­lo stes­so brand che l’ave­va li­cen­zia­ta nel 1993 per­ché col­pe­vo­le di ave­re 40 an­ni. «Stu­pi­ta e con­ten­ta oggi, di­spia­ciu­ta, ma non di­spe­ra­ta al­lo­ra. La vi­ta è pie­na di co­se da fa­re».

Sia­mo in tem­pi di con­sa­cra­zio­ne, e non più di ri­ven­di­ca­zio­ne fem­mi­ni­le, an­che se c’è an­co­ra tan­ta stra­da da fa­re. Qual è il pe­rio­do che ri­cor­da con mag­gio­re se­re­ni­tà? «Ce ne so­no due. Il pri­mo è sta­to in­tor­no ai 30, quel­lo dell’in­ten­si­tà, in cui bi­so­gna “fa­re”: ho avu­to una fi­glia, ci so­no sta­ti Lan­cô­me, il ci­ne­ma. Il se­con­do è que­sto che sto vi­ven­do, nel qua­le nes­su­no ti di­ce co­me e co­sa fa­re. Ti fan­no so­lo un ri­trat­to: com­pli­men­ti, hai vis­su­to, ora de­vi sta­re tran­quil­la, go­der­ti il tra­mon­to e aspet­ta­re la mor­te. Ma per­ché? Che no­ia! E in­ve­ce io so­no tor­na­ta all’uni­ver­si­tà a stu­dia­re eto­lo­gia e sto scri­ven- do i cor­to­me­trag­gi Green Por­no sul ses­so de­gli ani­ma­li che ho tra­sfor­ma­to in mo­no­lo­go tea­tra­le. So­no ri­co­no­scen­te con la vi­ta che mi ha do­na­to que­sti an­ni an­co­ra co­sì in­ten­si». Si è mai det­ta: «Tan­to or­mai»? «Vi­vo oggi più che mai. E me­glio. L’età ti to­glie fi­si­ca­men­te, ma ti dà mol­ta più li­ber­tà». Non pen­si tan­to al­la bel­lez­za, all’es­se­re ma­gra o gras­sa, quan­do non sai se tor­ne­rai a cam­mi­na­re. Na­sce for­se da qui la mia se­re­ni­tà Ha e ha avu­to un buon rapporto con il suo cor­po? «De­vo di­re di sì. Si­cu­ra­men­te se­re­no. For­se an­che per il fat­to di es­se­re sta­ta mol­to ma­la­ta di sco­lio­si du­ran­te l’ado­le­scen­za. La mia fe­li­ci­tà era di tor­na­re a cam­mi­na­re ogni vol­ta do­po le tre­di­ci ope­ra­zio­ni su­bi­te al­le ver­te­bre. Lun­ghe ri­pre­se e con­va­le­scen­ze sem­pre con il dub­bio: ce la fa­rò? Ca­pi­sce per­ché non mi so­no mai tan­to sof­fer­ma­ta sull’aspet­to este­ti­co? Con­ta­va più lo sta­re in pie­di. In tut­ti i sen­si». A pro­po­si­to di in­vec­chia­men­to: co­me vi­ve nel­la sua pel­le? «In­vec­chia­re è ine­vi­ta­bi­le, per cui af­fi­dar­si al­le cre­me aspet­tan­do­si mi­ra­co­li è una bat­ta­glia

Ho det­to al fo­to­gra­fo: non na­scon­de­re quel­la che so­no di­ven­ta­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.